Saggistica Arte e Spettacolo Edipo a Colono
 

Edipo a Colono Edipo a Colono

Edipo a Colono

Saggistica

Autore

Editore

Casa editrice


Vecchio e cieco, Edipo giunge a Colono, poco fuori di Atene. È accompagnato dalla figlia Antigone e subito raggiunto dall'altra figlia, Ismene. Lui, il già potente "tiranno " di Tebe, uccisore del padre e marito della madre, non è più, ora, che un vagabondo, uno "straniero in terra straniera". Chiede agli abitanti di Colono e a Teseo ospitalità e protezione. E Atene, la città della legge, della pietas e della civiltà, le concede: in cambio della protezione che Edipo, dopo la morte, le garantirà. Invano Tebe lo reclama: con la forza del cognato Creonte, che ne rapisce le figlie, o con le implorazioni del primogenito Polinice perché prenda le sue parti contro il fratello Eteocle. Edipo non dimentica per un solo attimo le colpe orrende delle quali, senza saperlo, si è macchiato, e neppure il modo in cui Creonte e i figli lo hanno trattato. Ma guarda ormai oltre, alla morte imminente, al destino eterno di eroe che lo attende. Perché Colono - il luogo dove era nato Sofocle - costituisce una vera e propria soglia sacra: meravigliosa e inquietante, essa prefigura, con il suo bosco delle Eumenidi, l'oscura vita dell'Ade. E l'autore novantenne che, poco prima di morire, compone l'Edipo a Colono, mette in scena la morte dell'eroe.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Edipo a Colono 2019-07-30 12:39:50 DanySanny
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    30 Luglio, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il ritorno alla luce

Seguito meno celebre del famoso Edipo Re, tragedia osannata in tutte le epoche come cristallino e perfetto esempio di tragedia classica, nell’unità di tempo, luogo e azione del canone aristotelico, l’Edipo a Colono è una tragedia atipica, scritta da Sofolce in tarda età, ambientata nella città natale del tragediografo, oramai al termine della propria vita. Questa “senilità” dell’opera invera, in realtà, la luminosa esperienza che trasmette, la placidità inaspettatamente non tragica con cui si chiude. Edipo, oramai in esilio e cieco, accompagnato dalla figlia Antigone, stirpe che nega se stessa, si prepara alla morte. Il miracolo di questa opera, tutta galleggiante nella sua misteriosa trasparenza, è proprio la staticità che l’accompagna: davvero non accade nulla, ma in questa placidità i personaggi scoprono davvero se stessi, secondo il precetto dell’oracolo di Delfi. Una conoscenza che l’uomo raggiunge solo dopo essersi accecato: se nell’Edipo Re l’accecamento è il prezzo della verità, una verità atroce, qui quello stesso evento è la molla per scendere sempre più in profondità, alla radice di se stessi. Questa apparente pace con l'anima è turbata solo dalle questioni della politica, da Creonte, Eteocle e Polinice, prossimi alla guerra e dai vecchi di Colono, demo di Atene. Se Edipo è già oltre la politica, non è oltre la famiglia, perché, si ricordi, la famiglia è l’humus da cui tutta la tragedia germina. Oltre tutti i turbamenti, Edipo può alla fine morire e lo fa nel mistero luminoso e roboante di un lampo di luce e di un tuono, in un’ascesi mistica che ricorda i misteri Eleusini, una gravità di peso che miracolosamente scompare nella leggerezza più eterea.

La metamorfosi di Edipo, da fantasma di se stesso a iniziatore di misteri, passa per la trasformazione tra dòxa (l’opinione) e alétheia (la verità): in lui dolore e speranza si saldano, e la disperazione deificata dalla grazia è scalinata che conduce alla conoscenza. La consapevolezza della verità, non è però vittoria della morte ma serenità nell’affrontarla nonostante tutto, anzi, la sofferenza è chiave privilegiata per accedere alla conoscenza. L’uomo, in Sofocle, non annichilisce la propria ombra, non purifica il peccato con la confessione cristiana, ma nella propria ombra si crogiola e anzi, la vive senza esserne atterrito. Pur consapevole della propria sorte, Edipo, uomo in rivolta contro il fato, si trasforma in un Sisifo felice chetrova la felicità nella sua condanna a morte. Edipo sa infatti quando morirà: dopo una folgore. Conoscenza e morte: questo tutto quello che l’uomo deve sapere e che Edipo ha appreso così da poter morire felice. Ed ecco che agli occhi del lettore questo uomo tragico si trasforma, seppure impercettibilmente, in un qualcosa di sovrumano, proprio perché è ormai abbastanza saggio da riconoscere i limiti e da accettarli.

Con questa tragedia Sofocle ci regala una mistica difficile, una tragedia che non è tragedia e che chiude un cerchio con la saggezza di chi ha visto la fine e non ne ha paura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri