Narrativa italiana Avventura Il corvo di pietra
 

Il corvo di pietra Il corvo di pietra

Il corvo di pietra

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Il corvo di pietra, opera di Marco Steiner edita da Sellerio. È avventura, diceva Hugo Pratt, quando si cerca qualcosa, bella e pericolosa, ma che vale la pena di vivere. Questo romanzo racconta le prime esperienze di un mito d’oggi: Corto Maltese. Si svolge nell’anno del crollo del campanile di Venezia, il 1902, quando il marinaio della Valletta è ancora un ragazzo. Può essere letto, quindi, come il romanzo di formazione di Corto Maltese. Formazione all’avventura, e formazione del suo spirito di «imprevedibile meticcio mediterraneo», quasi cinico, ironico, ma devoto alla legge di lealtà e amicizia. Tre ragazzi uniti dall’amore per l’avventura e tre strani individui stretti in un patto esoterico di vendetta, si confrontano tra Venezia, Malta e la Sicilia: la posta è un tesoro legato al superamento di una prova che dannerà chi tenta e non riesce. E il tesoro è nascosto dall’enigma di una piccola statua: il corvo di pietra. Corto e l’amico Bertram dell’isola di Man, ai quali si unirà l’australiano Norman Riley, per spacconeria rubano il corvo, ma c’è una specie di profezia dietro a questo. «Tre uomini, che provengano da tre isole diverse. Poi servirebbe che ciascuno di loro…»: e di impresa in impresa, di colpo in colpo, di incontro in incontro, il volo del corvo si slancia indietro fino a un remoto tradimento inciso nel sangue della storia siciliana che ha iniziato un lungo cammino di vendetta. Il corvo di pietra tenta un esperimento. Quello di continuare in forma di romanzo un gigantesco personaggio dei fumetti, trasformando in scrittura le mille suggestioni nel tratto di un grande artista disegnatore. L’esoterismo, la varietà dei luoghi e dei costumi, i precisi riferimenti storici, il realismo eccentrico dei personaggi. Ed a questo si aggiunge un desiderio di fuga tipicamente salgariano: l’impossibilità di un personaggio come Corto Maltese di vivere nei tempi attuali e il vuoto esistenziale che causa questa consapevolezza. Perché dall’immaginazione di Salgari, attraverso Corto Maltese (i due grandi della letteratura avventurosa italiana), questo libro in fondo discende.

Marco Steiner (Roma, 1956). Medico, ha conosciuto alla fine degli anni Ottanta Hugo Pratt che gli affidava le ricerche filologiche per dare realtà alle vicende di Corto Maltese. Nel 1996 ha completato il romanzo Corte Sconta detta Arcana lasciato incompiuto da Pratt e nel 2006 ha scritto il romanzo L’ultima pista, ideale prosecuzione di Tango.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il corvo di pietra 2014-03-19 08:45:17 SuperBob
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
SuperBob Opinione inserita da SuperBob    19 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La prima avventura del giovane Corto Maltese

“In pratica, esistono dei tesori che sono stati legati da una determinata magia e se le precise regole dell’incantesimo vengono rispettate, il tesoro può essere ritrovato, altrimenti questo si distruggerà e svanirà per sempre. Però la caratteristica di questi tesori, è che quando svaniscono si portano via anche i cercatori maldestri.”

Un giovane Corto Maltese è coinvolto assieme ad alcuni suoi amici in un'avventura per mare che dalla Scozia lo porterà in Sicilia, con un carico di ceramiche preziose, piatti e teiere Wedgewood. Da qui partirà di nuovo all'inseguimento di un tesoro, una magica trovatura siciliana, ricerca che lo porterà alla volta di una Venezia dai molti aspetti esoterici.

Normalmente un fumetto nasce da reminescenze letterarie, o assai più spesso da alcune situazioni e/o personaggi di un romanzo. Ne “Il corvo di pietra”, di Marco Steiner, capita invece proprio il suo opposto. E’ infatti da un protagonista delle cosiddette “nuvole parlanti” - e che personaggio - che si evolve la trama di un piacevolissimo libro di avventure, più precisamente dall’ormai leggendaria figura di Corto Maltese, nato dalla vivacissima fantasia di Hugo Pratt. Un lungo racconto, che inizia sulle coste della Scozia del primissimo Novecento per poi svilupparsi in Sicilia, ma non prima di essere approdati a Venezia. Non però in una Venezia qualsiasi, ma bensì in quella misteriosa, cabalistica, alchemica ed esoterica già cara alla mitologia prattiana. Il romanzo narra le gesta di un Corto Maltese non ancora quindicenne, un adolescente del 1902 - anno dal crollo del campanile di San Marco, evento preconizzato nel testo da un rabbino amico di Corto - ancora imberbe, anche sul versante avventuroso. Una storia che prende avvio da un inseguimento lungo le coste scozzesi, da parte della polizia britannica, di alcuni contrabbandieri di armi che riusciranno a fuggire a bordo di un veliero. Fra i componenti del suo equipaggio si trova Corto Maltese, assieme ad un ragazzo, originario dell’isola di Mann, di qualche anno più vecchio, figlio del comandante dell’imbarcazione. Una volta approdati ad un rifugio sicuro i due giovani e il capitano riceveranno istruzioni dal padre di Corto per salpare alla volta della Sicilia, dove dovranno ritirare un carico di preziose ceramiche Wedgewood da trasportare a Venezia. Sarà solo l’inizio di una serie di avventure che vedranno i tre protagonisti alle prese con una caccia al tesoro. Ma non un tesoro qualunque, bensì una fortuna legata al superamento di una prova che “dannerà chi vi tenta e non vi riesce”, una cosiddetta “trovatura” siciliana. Dei beni preziosi da recuperare per mezzo di tre ragazzi “provenienti da tre isole diverse”. Non si vuol aggiungere altro alla trama di “Il corvo di pietra”, se non accennare al fatto che a Venezia Corto e il suo amico conosceranno un soldato australiano, fuggito dalla carneficina del conflitto anglo-boero. Un personaggio, quest’ultimo, dai molti aspetti enigmatici.
Ciò che colpisce fin dalle prime pagine del romanzo non è tanto la narrazione accurata del pur ricco filone avventuroso, quanto l’analisi delle minuziose ambientazioni - anche, se non soprattutto, storiche - e le ancor più scrupolose descrizioni dei paesaggi e delle situazioni in cui si svolge l’azione in corso. Rappresentazioni e caratteristiche dei personaggi talmente meticolose che le semplici aggiunte di varie onomatopee donano al racconto ancor più la sensazione di non stare semplicemente leggendo un libro, ma di osservare con gli occhi le meravigliose tavole acquerellate con sagacia da un novello Hugo Pratt. Percezioni, queste, che raggiungono il culmine nelle ancora più accurate ricette di alcuni piatti siciliani, gustati dai protagonisti del racconto, ai cui ricchi ingredienti si aggiungono altrettante sfarzose descrizioni sulla loro origine e sull’alchimia dei loro gusti e sapori.
Un libro di avventure, quindi, ma soprattutto un “romanzo di formazione” per il suo giovane protagonista Corto Maltese. Non solo questo, però. Difatti il lungo racconto va interpretato su due livelli: quello dell’avventura “salgariana”, fine a se stessa e quello esistenziale, delle avventure dello spirito e della mente dei suoi giovani protagonisti, entrati per caso in uno scenario dove la realtà è avvolta da consistenti spire misteriosofiche. E dove una semplice caccia al tesoro si trasformerà in un viaggio ai confini della conoscenza, soprattutto interiore. Poiché, come afferma un personaggio del romanzo: “Il vero tesoro è la conoscenza. Non l’oro, l’argento o le pietre preziose.”





Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Una ballata del mare salato
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri