Cenere Cenere

Cenere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La vicenda è imperniata su un conflitto di passioni elementari che soggiacciono a una sorte implacabile: la disarmata umanità di Olì che va trepida incontro all'amore e troppo presto conosce il disinganno; l'inconscia crudeltà dell'amante Anania che insegue favolosi tesori e infine l'abbandona con un figlio; l'accorata pietà di questi, mista a timoroso rispetto umano nei confronti di una madre che costituisce il più grave ostacolo alla sua felicità. Per salvare l'onore del figlio, Olì, incapace di riscatto, si uccide. Il giovane sconvolto apre l'amuleto che la madre gli aveva messo al collo da fanciullo, e vi trova soltanto cenere, presagio di un destino ineluttabile.

Recensione della Redazione QLibri

 
Cenere 2015-01-04 16:19:02 silvia71
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    04 Gennaio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cenere

“Cenere” è il romanzo che fonde la sofferenza e la speranza, il bene ed il male, in maniera mirabile.
Impossibile non definirlo un piccolo gioiello; una trama corposa e ben sviluppata, una galleria di personaggi immortali, una serie di scatti color seppia del territorio sardo, una penna che incide come un bisturi la carne quando racconta il dolore.
La speranza e la fede di una giovane donna si scontrano contro il muro della durezza della vita; quanto amore e quanti sogni, quanto bisogno di scappare dal grigiore, quanti sacrifici, quanto tempo speso ad aspettare confidando in un pizzico di fortuna e di affetto.
I personaggi della Deledda sono figli di una società retta da leggi ferree, o nasci ricco o nasci povero, o nasci padrone o nasci servo.
Il tempo scorre inesorabile tra le strade imbiancate di polvere, tra le casupole dei pastori, tra le piccole bicocche della servitù; la notte ed il giorno si alternano tra le aspre boscaglie del nuorese, la vita narrata dalla Deledda è ruvida come il territorio, è spartana, è spicciola, è grigia come la cenere.
La cenere è ciò che resta del fuoco, è cenere ciò che rimane dopo passioni brucianti, dopo delusioni scottanti, dopo che la vita ha arso sentimenti e sogni.

In questo romanzo la poetica deleddiana esplode con forza e vigore, sia in tema di immagini sia in tema di contenuti.
Tra queste pagine vi è l'apoteosi del canto del territorio sardo, culla di una società ancorata a culti e tradizioni ataviche e inespugnabili.
Gli uomini e le donne sono il frutto della terra, sono cuori sensibili e passionali, hanno un volto cupo ed un volto limpido, possiedono un animo avvezzo alla sofferenza e al sacrificio.
E' espressa con lucidità e accettazione la sottile eppure marcata linea che divide il bene ed il male; intesi come due facce della stessa medaglia, quasi imprescindibili l'uno dall'altro.

Tra le pagine di questo romanzo c'è una Deledda al culmine delle sue potenzialità narrative, per nulla inferiore al più noto “Canne al vento”; riesce a fondere con ardore tutti gli elementi necessari per dare una voce ed un volto ad ogni uomo e donna rappresentati, concentrando in ognuno di loro tutte le sfumature della gioia e del dolore, evidenziando con forza la dicotomia, a lei cara, tra male e bene.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.5  (4)
Contenuto 
 
4.8  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cenere 2018-07-28 13:53:19 Chiara77
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    28 Luglio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'abbandono, la colpa, l'amore

“Cadeva la notte di San Giovanni. Olì uscì dalla cantoniera biancheggiante sull'orlo dello stradale che da Nuoro conduce a Mamojada, e s'avviò pei campi. Era una ragazza quindicenne, alta e bella, con due grandi occhi felini, glauchi e un po' obliqui, e la bocca voluttuosa il cui labbro inferiore, spaccato nel mezzo, pareva composto da due ciliegie.”

Questo l'incipit di “Cenere” di Grazia Deledda, pubblicato nel 1903; vi si narra la storia di Anania, figlio illegittimo della bella, giovanissima e ingenua Olì.
Anania viene al mondo in una misera casetta a Fonni, dopo che sua madre è stata rinnegata e cacciata di casa dal proprio padre perché è rimasta incinta di un uomo sposato.
Quando il bambino nasce Olì ha già perso la voglia di vivere e di sperare: il figlio trascorre un'infanzia fra povertà e tristezza, trascurato dalla mamma e con la voglia di conoscere suo padre. Ma quando Olì lo porta per davvero dal padre e lo lascia lì, Anania ne soffre enormemente: l'abbandono e la colpa di questa madre già assente sia fisicamente che emotivamente gli scava dentro una ferita profondissima che non riuscirà mai a far rimarginare.
La scelta di Olì si rivela, in fondo, razionalmente giusta: Anania trova una famiglia; la moglie del padre, al contrario del vecchio stereotipo della “matrigna cattiva” sarà la vera figura materna per lui, quella che lo nutrirà, lo consolerà, lo aiuterà ed intercederà per lui, per fargli avere un futuro migliore. Il ragazzo, grazie ad un benefattore locale, riuscirà a studiare, si potrà fidanzare con la bella e ricca Margherita.
Eppure...
Eppure qualcosa lo consuma dall'interno: è il dolore che gli ha causato sua madre, Olì. L'autrice riesce a descrivere questi sentimenti ambivalenti e totalizzanti con un realismo ed una intensità sempre perfettamente credibili. Anania passa dall'estremo odio all'amore più profondo nei confronti della mamma: dal desiderio di essere liberato dal peso dell'esistenza di lei, che rappresenta la colpa e gli ricorda il suo abbandono, al bisogno urgente di ritrovarla e di averla per sé.
“Cenere”, uno dei primi romanzi della Deledda, si presenta quindi come un'opera di notevole valore letterario: la vicenda, narrata in una splendida prosa poetica che non mi stanco di ammirare e di rileggere, riesce a toccare la nostra umanità nel profondo, andando a scavare in sentimenti ed emozioni primitive e necessarie come l'amore, il dolore, il senso di colpa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Cenere 2017-01-19 17:32:28 siti
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    19 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una scintilla cova

Tra i romanzi del Nobel sardo, è questo uno dei più complessi e interessanti benché si collochi in una fase produttiva ancora acerba e lontana cronologicamente dall’opera che viene generalmente riconosciuta come il suo capolavoro:” Canne al vento”. Rileggendo la sua produzione con una certa continuità è emersa in chi scrive la consapevolezza netta di trovarsi di fronte ad una serie di romanzi che anticipano la tematica sintetizzata efficacemente nella metafora contenuta nel titolo “Canne al vento” e che appare infatti abbozzata in “Elias Portolu” e maggiormente sviluppata in “Cenere”. Il tema in questione è la centralità del fato sul vissuto umano, una sorta di predestinazione alla sofferenza, all’espiazione in vita di colpe ataviche, alla inutilità del dolore, tutto comunque da esperire nel proprio percorso esistenziale.

L’opera seppur complessa per l’impianto narrativo, per la ricercata caratterizzazione psicologica , per la costruzione dei personaggi, per la funzionalità delle descrizioni paesaggistiche tese a assecondare stati d’animo, ad anticiparli o a contrapporvisi, risulta ampiamente riuscita nella prima parte ed eccessiva nell’enfatizzare situazioni, emozioni e catarsi nella seconda e ultima parte. Si presenta la vicenda umana di Anania, bimbo nato fuor di matrimonio e condotto per volere di una madre ancora bambina, Olì, in seno alla famiglia del padre legittimo, accolto amorevolmente dalla moglie di lui. Cresce Anania, abbandonato a tranello dalla madre a sette anni , dopo aver poggiato le sue fondamenta esistenziali in un ambiente povero, connotato da amore e difficoltà. Il suo apprendistato alla vita prosegue in città, a Nuoro, dove le relazioni della famiglia paterna lo portano a diventare uno dei tanti protetti di un ricco padrino, il signore presso il quale lavora la sua famiglia. Innamorarsi di Margherita , la figlia dei ricchi, allontanarsi per gli studi dapprima a Cagliari e poi a Roma non lo distoglieranno dalla macchia da cui si sente infangato. Egli può ambire al riscatto individuale ma deve risolvere se stesso cercando la madre della quale immagina infinita perdizione. Il romanzo termina con un seppur debole spiraglio e con una scintilla che cova, comunque, nella cenere e che alimenterà altri fuochi, altre passioni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Elias Portolu
Canne al vento
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cenere 2016-05-20 18:50:27 lapis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    20 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra la cenere cova una scintilla

Olì ha la bellezza e l’ingenuità della gioventù, i suoi occhi brillano come stelle perlate e le sue speranze sono dolci come i profumi delle erbe aromatiche. Ma le promesse d’amore si rivelano purtroppo intrise di menzogne, il giovane cui ha donato il cuore è già sposato e Olì si ritrova ragazza madre, ripudiata dalla famiglia, misera e sola. I sogni si tramutano così in grigia e inconsistente cenere, bruciati dalla forza ineluttabile e crudele della passione.

Il piccolo Anania vive l’infanzia con la giovane madre, che non gli regala tenerezza e carezze ma porta su di sé la freddezza e l’infelicità della miseria. E anche lui sogna, così come faceva Olì, sogna di andare alla ricerca del padre per regalarle un po’ di gioia e intanto si accoccola a lei nel letto cercando di darle un po’ di calore con i suoi piedini. E finisce per ritrovarsi anche lui solo, abbandonato davanti alla casa del padre naturale.

Il destino sembra volgersi però al meglio per Anania: accolto con amore dalla moglie del padre, trova una famiglia, riceve l’attenzione di un ricco benefattore locale che gli consente l’accesso agli studi e a un possibile affrancamento, e infine scopre un amore onesto e semplice con una ragazza perbene. Ma mentre sulle pagine scorre la vita di Anania, si percepisce sempre più la tragica assenza di Olì. L'immagine fisica della madre si scolorisce nella sua memoria, come una vecchia fotografia, ma Anania ne avverte in ogni momento la mancanza: è più vergogna che amore, è desiderio di scoprire dove sia, è bisogno di rimproverarle la sua fuga e dirle qualcosa per cui forse non ha nemmeno le parole, è un’ossessione che gli impedisce di proseguire il proprio cammino.

Con il suo stile così peculiare, che fonde il realismo dei sentimenti alla magia di fiabe di antica memoria, dal fascino ancestrale e suggestivo, Grazia Deledda è capace di parlare del e al cuore umano, delineando personaggi indimenticabili e facendone rivivere tutte le emozioni: la disillusione e il male dell’abbandono, la forza della passione cui sembra impossibile opporsi, lo smarrimento di una vita così inscindibilmente legata alle proprie radici, alla propria terra, a quanto di noi c’è, pur non essendo visibile. Paesaggi sardi, aspri e avari, si fanno simbolo di una società dura, ancorata alle sue leggi immutabili, abitata da donne dalle vesti nere e dalle dita nodose, animata da incolori e malinconiche sofferenze. Tutte le speranze e i sogni sono destinati a dissolversi in grigia e impalpabile cenere. Eppure forse, proprio nella cenere, c’è ancora una scintilla, un seme di speranza, che nasce dall’amore e dal sacrificio, e nutre la vita.

“Sì, tutto era cenere: la vita, la morte, l’uomo; il destino stesso che la produceva. Eppure, in quell’ora suprema, egli ricordò che fra la cenere cova spesso una scintilla, seme della fiamma luminosa e purificatrice, e sperò, e amò ancora la vita”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cenere 2012-07-31 08:14:55 Giulian
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giulian Opinione inserita da Giulian    31 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lettura emozionante

Grazia Deledda ha sicuramente meritato il premio Nobel e questo romanzo (che fu menzionato dalla commissione giudicatrice nella cerimonia di conferimento) ne è una forte dimostrazione. La vera protagonista è la Sardegna che non rappresenta solo lo sfondo della vicenda, ma ne impregna lo svolgimento ed i personaggi con le sue tradizioni, le sue credenze, i suoi costumi, la sua mentalità, la sua umanità. I personaggi sono assolutamente veri, tutti convincenti, anche quelli che fungono da comparse fugaci. Anania, il personaggio centrale, è rappresentato nel suo crescere da sprovveduto fanciullo a giovane adulto più consapevole (ma non troppo) in modo profondo ed articolato. La storia è avvincente, anche se narrata in uno stile molto lontano da quello cui ci hanno abituati il cinema d’azione e la letteratura contemporanea: le parti descrittive a volte prevalgono sull’intreccio (anche perché, come spiegano i critici, svolgono la funzione di corrispondere oggettivamente agli stati d’animo dei personaggi) e in certi casi assumono toni elegiaci che rischiano qua e là l’esagerazione. Anche la relazione amorosa fra Anania e Margherita è narrata con accenti enfatici cui non siamo forse più avvezzi, ma che naturalmente vanno collocati nell’epoca di composizione del romanzo e si possono spiegare con la stessa ingenuità dei due adolescenti. E’ stata una lettura emozionante, una riscoperta da non sottovalutare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Grazia Deledda
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri