Narrativa italiana Fantasy Le lame di Myra. La saga del Dominio
 

Le lame di Myra. La saga del Dominio Le lame di Myra. La saga del Dominio

Le lame di Myra. La saga del Dominio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Con questo romanzo, Licia Troisi dà vita non solo a una nuova saga, ma a un vero e proprio universo dove si mescolano avventura e orrore, magia e sangue. Dopo l'apocalisse dei Cento Giorni d'Ombra, il Dominio è stato quasi interamente ricoperto di ghiacci e nevi. Solo le terre più a Sud rimangono temperate e rigogliose, mentre a Nord si muovono popoli in costante lotta per la sopravvivenza, spesso in guerra tra loro. La grande federazione di clan agli ordini di Acrab ha però un sogno molto più grande che la conquista di un pezzo di terra. Lui non vuole solo trovarsi uno spazio all'interno del Dominio, ma vuole rovesciarlo, distruggendo il potere dei maghi detti Camminanti. La loro magia, infatti, sfrutta la sofferenza degli Elementali, che i Camminanti hanno ridotto in schiavitù, mentre Acrab immagina un regno dove umani ed Elementali convivano. La strada per arrivarvi, però, passa attraverso la conquista dei numerosi regni che compongono il Dominio, una cruenta battaglia dopo l'altra. In prima fila nell'esercito di Acrab vi è Myra, che il comandante ha salvato dall'arena degli schiavi e cresciuto come una figlia. La sua abilità con i walud, le spade a forma di mezzaluna, ha assicurato all'esercito di Acrab la vittoria in più di un'occasione. Ora, però, Myra ha un'altra e più personale battaglia da combattere. A differenza di quanto ha sempre creduto, ha scoperto infatti che la sua famiglia non è stata uccisa per una disputa sulla terra, ma per un segreto che porta alla morte chiunque ne venga a conoscenza. Myra parte così alla ricerca della verità, in un lungo viaggio attraverso il Dominio con il solo appoggio di Icenwharth, un drago rinnegato dal suo popolo per aver stretto amicizia con un umano. Battaglia dopo battaglia, incontro dopo incontro attraverso lande desolate e città meravigliose, Myra scoprirà così i contorni di una macchinazione destinata a cambiare il destino del suo mondo e, forse, anche a distruggerlo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le lame di Myra. La saga del Dominio 2018-12-14 20:00:09 Vivix
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Vivix Opinione inserita da Vivix    14 Dicembre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sorpresa, dove sei?

Non leggevo libri della Troisi ormai da molti anni; con questo volume speravo di provare di nuovo l’entusiasmo che riuscivano a suscitare in me Le Cronache del Mondo Emerso ma purtroppo non è stato così.
La storia di per sé non è brutta, anzi: gli elementi per un buon fantasy ci sono tutti -magia, avventure, draghi, combattimenti- e la scrittura è molto scorrevole. Troppo scorrevole. La protagonista viaggia per tutto il Dominio ed affronta innumerevoli avversità, ma ho avuto l’impressione che ogni ostacolo, per quanto venisse presentato come molto difficile, se non addirittura insormontabile, venga poi superato con facilità. Un po’ come un atleta di corsa ad ostacoli che a fine gara non abbia neanche il fiatone.
Altro punto per me negativo sono stati i personaggi la cui evoluzione caratteriale è troppo veloce. Non è questo, però, l’aspetto che mi ha infastidito di più: è ormai la quarta volta che la Troisi riutilizza i tratti chiave dei protagonisti della sua prima saga. Myra, guerriera chiusa e tormentata amante dei draghi, è la nuova Nihal; Kyllen, mago gentile e premuroso, il nuovo Sennar; Marjane, minuta adolescente incapace di difendersi ma determinata a cambiare il proprio destino, la nuova Laio. C’è però da dire che, chi invece non ha mai letto nulla dell’autrice, non avvertirà questo fastidio e anzi rimarrà probabilmente soddisfatto dalla caratterizzazione.
Infine, ultima nota negativa: lo svolgimento prevedibile in tutto e per tutto. Un aspetto fondamentale di questo libro è il fatto che la storia si configuri un po’ come un giallo ma io ho capito tutto sin dalle primissime pagine. Totalmente prevedibile.
“Le lame di Myra”, però, ha anche aspetti positivi, uno tra tutti l’universo nel quale è ambientato. E’ incredibile come l’autrice riesca ogni volta a dipingere mondi completamente nuovi, originali, affascinanti, ricchi di razze, paesaggi e consuetudini sempre diversi.
In conclusione, se avete una grande esperienza di fantasy, soprattutto quelli già scritti dall’autrice, potete anche evitare la lettura di questo suo ultimo romanzo, se invece siete giovani e vi state avvicinando ora a questo genere, sarà una buona lettura.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore

Le lame di Myra. La saga del Dominio 2017-11-16 19:15:08 Manuela Vitale
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Manuela Vitale Opinione inserita da Manuela Vitale    16 Novembre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lame affilate ma non originali

Licia Troisi è una scrittrice italiana che ha avuto il suo boom pubblicando la sua prima trilogia: Cronache del Mondo Emerso con protagonista Nihal. Successivamente, ha pubblicato altre due trilogie relative al Mondo Emerso (Guerre e Leggende); ha creato altri mondi, quello della “Ragazza Drago”, di “Pandora”, dei “Regni di Nashira” e, infine, “La saga del Domino”.
La saga del Domino si apre con “Le lame di Myra” edito Mondadori nel 2016, che apre verso un nuovo mondo. La copertina è molto d’impatto: c’è una ragazza con i capelli bianchi e gli occhi cremisi che guarda indecifrabilmente il lettore, su uno sfondo graffiato rosso che esce da un bianco-grigio del resto della copertina. La ragazza in copertina è la protagonista, Myra, e lo sfondo bianco è il luogo in cui si svolgono la maggior parte delle vicende: nelle terre ghiacciate, Asgarö e dintorni.
La trama è incentrata sulle vicende di Myra, una giovane combattente già comandante dell’esercito di Acrab. Le sue caratteristiche che lasciano tutti i suoi nemici ed alleati senza parole sono la sua voce roca e le sue armi, una coppia di walud mortali. Però, come ogni eroina della Troisi che si rispetti, Myra ha dei demoni interiori che si agitano in lei: infatti, quand’era piccola, degli uomini avevano ucciso brutalmente il padre, lasciandola orfana e facendole uccidere già un uomo. Così, quando un giovane Biswadi appare nel suo esercito, i suoi dubbi ritornano a tormentarla fino a farle prendere una decisione: abbandonare l’esercito del suo amato Acrab per trovare gli assassini del padre. Nonostante Acrab non sia per nulla d’accordo, acconsente e Myra parte alla ricerca di un uomo che qualcosa avrebbe dovuto sapere. Purtroppo, le piste la portano solo a persone già morte, ma nel suo viaggio l’affiancano due personaggi molto validi: Kyllen e Marjane. Per chi ha letto Cronache del Mondo Emerso, Kyllen è un po’ il Sennar della situazione: è un giovane evocatore e si occupa di magia, compagno fedele di Myra e ben presto prova verso di lei un’attrazione crescente. È l’opposto di Myra su moltissimi aspetti: è riflessivo, calmo e controbilancia gli impeti della protagonista. Marjane è la classica aiutante, che interviene quando Myra non è in grado di combattere. Le due s’incontrano in una taverna, dove lei era una cameriera e Myra, controvoglia, la porta con sé. I tre iniziano questo viaggio a dorso di draghi fantastici, che portano il lettore a conoscere un mondo gelido e spietato. Myra andrà rincorrendo una figura misteriosa che tutti riconducono alle sue vicende: Graffiasi ma nessuno sa chi sia davvero né, tanto meno, dove trovarlo.
Grazie al fondamentale aiuto di Eileena, vecchia maestra di Kyllen, Myra capisce il perché di un fenomeno che si scatenava attorno a lei: gli elementari si avvicinano a lei in maniera strana. Infatti, i maghi si servono di questi spiriti degli elementi per fare le loro magie fino ad incatenarli a loro e ucciderli. Dopo essersi resa conto che lei è il Liberatore – o meglio, la Liberatrice – inizia a capire il perché delle parole di suo padre: “lei è mia, non vostra”. Le parole che l’avevano tormentata per anni ed anni avevano acquisito un significato differente: era lei che volevano, non la terra del padre. Scoprendo questo nuovo lato della sua storia, così intricato, violento ed oscuro, Myra si rende contro che neanche il suo amato Acrab è così pulito e puro come credeva. Dopo avere scoperto delle verità che la destabilizzeranno profondamente; dopo aver rischiato di morire, Myra dovrà mettere tutto in discussione.
Lo stile di Licia Troisi è sempre lo stesso: fluido, piacevole, scorrevole, abile nelle descrizioni. Com’è inevitabilmente, i personaggi iniziano a somigliarsi fra loro, anche se bisogna rendere evidente una cosa: Myra sembra una sintesi delle varie – altre – protagoniste della Troisi ma, personalmente, mi è piaciuta la sua caratterizzazione. La struttura narrativa creata è molto interessante: il lettore dovrebbe scoprire man mano la situazione, che s’intrica sempre di più, fino al climax finale. Purtroppo, avevo già immaginato che Acrab non era il santo che Myra descriveva e la sorpresa è stata minore.
Una cosa che ho apprezzato particolarmente sono le descrizioni dei luoghi: l’autrice mi ha fatto vedere i gelidi luoghi in cui si svolge la gran parte del romanzo. La parte finale è costruita in luoghi più miti nel sud del Domino, le città natie di Myra che sanno più di primavera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consiglio questo libro, il target è 14-15 anni fino a salire su, almeno ai 20. È un bello scritto, si fa leggere, è interessante e non stanca. A me è piaciuto molto, anche se vi è, ormai, una pecca di originalità.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Possiamo salvare il mondo, prima di cena
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri