Appia Appia

Appia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Paolo Rumiz ha percorso a piedi, con un manipolo di amici, il tracciato di una grande via romana: l'Appia. Lo ha fatto spesso cavando dal silenzio della Storia segmenti cancellati, lo ha fatto ascoltando le voci del passato, lo ha fatto destando la fantasia degli increduli incontrati lungo il viaggio. E ora ci chiama come un pifferaio magico a seguirlo con le nostre gambe e la nostra immaginazione lungo la Via Appia - il nostro giubileo, la nostra Santiago di Compostela. Da Orazio ad Antonio Cederna (appassionato difensore dell'Appia dalle speculazioni edilizie), da Spartaco a Federico ii, prende corpo una galleria di personaggi memorabili, mentre si costeggiano agrumeti e mandorleti, si incontrano le tracce di arabi e normanni e ci si interroga sui misteri della viabilità italiana, sull'incomprensibile abbandono dei luoghi della memoria. E intanto le donne vestite di nero, i muretti a secco, la musicalità della lingua anticipano l'ingresso nell'Oriente. Al racconto di Rumiz fanno da contrappunto le mappe disegnate da Riccardo Carnovalini, che rielabora e mette a punto le tracce del percorso: un contributo prezioso e uno strumento utilissimo - considerata l'assenza di segnaletica - per chi volesse seguire le orme di Rumiz e dei suoi compagni di viaggio.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Appia 2018-08-04 19:56:00 AndCor
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    04 Agosto, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un milione di orme verso il cuore del Mediterraneo

360 miglia romane: questa la lunghezza della 'direttrice indiscutibile e solitaria, scolpita nella pietra, fatta di sangue e sudore, percorsa da legionari e camionisti, apostoli e puttane, forzati e pecorai, condannati alla crocifissione e mercanti, carri armati e carrettieri.'.
Stiamo parlando della Regina Viarum, più conosciuta come Appia Antica, la strada romana che collega Roma a Brindisi e che si è rivelata fondamentale per avvicinare il Mezzogiorno all'Italia centro-settentrionale e per gli impulsi commerciali verso la Grecia e verso l'Oriente. Paolo Rumiz, giornalista e scrittore triestino, ha deciso di ripercorrerla in un viaggio che è 'l'ultima occasione per riprendere un contatto con una memoria perduta.'. Accompagnato da alcuni amici, fra cui il "cercatore di vie" Riccardo Carnovalini, e da eclettici compagni di avventura conosciuti lungo l'itinerario, Rumiz vuole riconsegnarci il Passato attraverso voci autentiche e aneddoti memorabili 'in balìa di un turbine di epoche dove l'antico pare cosa di ieri e il tempo diventa palpabile'.

'Uno zibaldone, una risma di appunti italiani dove la ricerca del passato affonda solidamente i piedi nel presente [...] Un'amalgama di archeologia, inchiesta, paesaggio, etnologia e impressioni personali.': siamo di fronte a quello che l'autore stesso definisce come 'il più terreno e insieme il più visionario dei miei viaggi.'. Un viaggio costellato sin dagli inizi dall'abusivismo e dall'inciviltà delle generazioni moderne, ma che racconta altresì di un'impresa epica, il cui compito gravoso è risvegliare le coscienze riguardo un patrimonio di Storia e di Cultura lasciato morire lentamente giorno dopo giorno.
La lista è lunga, da un lato e dall'altro: potremmo citare l'80% dei monumenti di Roma in mano ai privati, la stazione ferroviaria di Terracina chiusa da anni per un masso franato e mai rimosso, i 36 chilometri di basoli rimpiazzati da edifici e coltivazioni fra Sinuessa e Capua, il teatro dei cementifizi a Caserta, e gli scavi archeologici fermi per mancanza di liquidità a San Giorgio Jonico, ma, per fortuna e per par condicio, ci sono i 'commoventi tentativi di tenere in piedi la leggenda' alla periferia di Caserta, 'la proiezione mediterranea della Repubblica’ sul rettilineo del Montesarchio, la Basilicata come mix perfetto tra passato normanno e moderno ascendente del Nord Italia, le cave di tufo di Altamura, e Oria divisa fra anima ellenica, reminiscenze ebraiche e architettura iberica.
Terre di miseria e lacrime, dove Leonardo Sciascia ne avrebbe da (ri)dire sullo Stato (?) che le governa, contrapposte a ex possedimenti greci, bizantini, svevi e longobardi capaci ancora oggi di ergersi a 'simbolo di riscatto, di appartenenza comune', la cui memoria mantiene intatta la propria identità.

258 pagine di appello accorato, carico di pathos e caparbio nell'evitare ogni forma di pregiudizio per rivivere la 'quint'essenza di un'Italia minore di meraviglie nascoste' che è stata, che è, e che sarà per sempre. Senza dimenticare le prelibatezze gastronomiche come filo conduttore secondario: una saporita merenda di pomodori e pecorino inaugura le fatiche dei prodi valorosi, e il ‘profumo di pane buono' sul Metaponto rappresenta il preludio alla conclusione del Viaggio.

'Lusisti satis, edisti satis atque bibisti: tempus abire tibi est.'

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Appia 2017-04-04 17:43:52 Alessio Barulli
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Alessio Barulli Opinione inserita da Alessio Barulli    04 Aprile, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Camminare: un atto rivoluzionario

Che fine ha fatto la via Appia? La strada voluta dal severo Appio Claudio Cieco esiste ancora? Se si cominciasse a camminare a Roma si potrebbe arrivare a Brindisi calpestando le stesse pietre calpestate dal poeta Orazio? Solo uno era il modo per rispondere a queste domande: camminare. Un passo dopo l’altro, dalla capitale, fino al profondo Sud; l’esplorazione di un’Italia minore, ricca di umanità, storia e cultura, ma il più delle volte dimenticata dai governanti e povera di autostima. Prima si è dovuto incrociare dati cartografici antichi e moderni per rintracciare sulle mappe la Regina viarum, con i 619 chilometri; poi la si è riportata alla luce, calcandola con le scarpe per 29 giorni, tappa dopo tappa, incontro dopo incontro.
Paolo Rumiz traccia il resoconto accurato, pulito e al tempo stesso coinvolgente e affascinante di un viaggio anomalo: «in Italia chi va a piedi è un’anomalia». Ma solo andando a piedi si può conoscere davvero un territorio, come certo non lo conoscono molti governanti «di scarpa lustra». Nella nostra epoca i cammini sono considerati solo se collegati alla sfera spirituale: Santiago, la via Francigena, il cammino di san Francesco. Quello di Rumiz e dei suoi compagni è invece un viaggio dalla vocazione civile, per raccontare un Sud lontano dagli stereotipi attraverso la riscoperta di uno dei suoi più grandi beni archeologici: l’Appia Antica.
I luoghi entrano nelle righe del racconto anche grazie alla capacità dell’autore di «registrarne la voce», di fissare cioè nella scrittura quella diversità linguistica che accompagna il viandante nell’attraversare lo stivale dall’alto in basso.
Avvincente come un romanzo, pur non deviando mai dal resoconto preciso e puntuale, Appia sembra invitare il lettore a compiere un atto rivoluzionario: mettere le scarpe ai piedi e camminare, non per fare sport, ma per conoscere il mondo che lo circonda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri