Narrativa italiana Racconti Ho fatto nascere gli animali
 

Ho fatto nascere gli animali Ho fatto nascere gli animali

Ho fatto nascere gli animali

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di "Ho fatto nascere gli animali. Diario di un veterinario", opera di Silvio Marengo pubblicata da Astegiano Editore. Questo libro vuole essere un insieme di racconti sul tema della nascita degli animali, non dal punto di vista scientifico, ma dal punto di vista di chi ha praticato questo tipo di lavoro.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ho fatto nascere gli animali 2014-10-13 09:23:15 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    13 Ottobre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Batu, un gattino birichino, Golda. La Natura.

Quella che ci viene descritta da Silvio Marengo è una prospettiva diversa della professione di veterinario ma soprattutto della realtà animale. L’autore, con questo suo libricino, ci rende partecipe di alcuni degli aneddoti che ha avuto modo di raccogliere negli anni; racconti che, come premette il veterinario, seppur fantasiosi non sono invenzioni ma semplicemente verità.
Caratteristica peculiare del romanzo è che il mestiere di veterinario non ci viene descritto semplicemente nell’ottica del classico ambulatorio con gli “ordinari” pazienti in visita (tra i quali spiccano senza dubbio mici e cani), bensì anche dal punto di vista della realtà di provincia, habitat dove l’uomo generalmente non riveste i “panni” di medico poiché le bestie non richiedono tale assistenza. Non vi è fretta nelle parole di Merengo, sono i ritmi lenti della campagna – dove lo spazio alla chiacchierata e all’intimità psicologica tra “cliente e professionista” si afferma con tutta la forza essendo immune alla fretta ed agitazione della verità cittadina – quel che lo scrittore ci mostra con maggiore chiarezza.
L’opera è narrata in prima persona ed è evidentemente costituita da aneddoti; tanto ricchi di gioia quanto di dolore. Con una forma semplice, spontanea e ricca di ironia, l’autore non manca con qualche citazione dialettale di offrirci il ritratto di Cuneo e dei suoi abitanti. Dinanzi a situazioni che possono leggersi nel romanzo, facile è stupirsi della praticità con cui questi uomini sono capaci di affrontare circostanze per le quali ordinariamente chiunque interpellerebbe immediatamente il professionista medico, così come in altre occasioni non è difficile restare basiti dinanzi alla eccessiva semplicità di questi dinanzi a vere emergenze, urgenze tali che spesso hanno conseguenze nefaste sul piccolo paziente.
Merengo ci insegna la vera essenza della natura. Noi umani siamo abituati a ragionare sempre e soltanto da un punto di vista: quello egoistico. Ci fa notare che il veterinario può provare ad intervenire ma non sempre l’ingegno può avere la meglio sul decorrere della malattia. Ma non è una sconfitta, non è altro che il regolare corso della vita, la morte ne fa parte ed è inevitabile.
Il libro si concentra soprattutto sul momento della nascita nel mondo animale (non poteva scegliersi titolo più giusto) affronta parti di cagnolini, micini, ma anche struzzi, scrofe, cavalli, asinelli, caprette, pecore e via dicendo, e nonostante spesso crude siano le verità che leggiamo, l’affacciarsi alla “porta del mondo” non è mai offuscato dalla tristezza bensì è sempre un momento di gioia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
agli amanti degli animali e non perché nella sua crudezza e dolcezza può insegnare molto.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Ho fatto nascere gli animali 2014-09-03 18:26:27 giuse 1754
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
giuse 1754 Opinione inserita da giuse 1754    03 Settembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo Natura

“…Se dico che la Natura è dura, intendo dire che è il contrario di tenera…Perché noi ragioniamo scioccamente sempre e soltanto dal punto di vista nostro egoistico.”
Questa è la grande lezione che Silvio Marengo, veterinario e scrittore, ha dovuto imparare in tanti anni di mestiere a contatto con gli animali e con le imprescindibili priorità della Natura, e questo è ciò che ci trasmette nel suo ultimo libro. Il veterinario non può far altro che assecondarne le leggi, intervenendo con la propria esperienza là dove l’ingegno umano ha escogitato un qualche sistema per agevolare il corso naturale delle cose. Ma spesso deve arrendersi, e non lo vive come una sconfitta, perché, come ha detto l’autore, “la morte fa parte della vita.”
Questo diario è dedicato prevalentemente al momento della nascita nelle varie specie del mondo animale, e si rivela poetico a dispetto delle crude verità che racconta. L’affacciarsi di una nuova vita è sempre un momento magico, perché ci tocca tutti e riguarda ognuno di noi. Un esserino si affaccia alla “porta del mondo”, come Silvio Marengo definisce spesso quella che per Courbet era “L’origine du monde”, ed è inevitabile che vada a interferire con gli equilibri del suo microcosmo, e attraverso i collegamenti esterni che ha ogni componente di esso, con il mondo intero.
Lo stile è sobrio, una parlata appena più raffinata, come è giusto che sia, come è “naturale”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama gli animali
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri