Narrativa italiana Racconti Il bosco degli urogalli
 

Il bosco degli urogalli Il bosco degli urogalli

Il bosco degli urogalli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Storie di cacciatori, di animali selvatici, di cani, di montagne in cui si respira l'anima degli spazi aperti e di paesaggi impervi solo sfiorati dalla presenza umana. Rigoni sa rendere la limpida immediatezza di ciò che ci circonda e insieme un accento di fiducia nella vita, sprigionando un sentimento altamente poetico e un genuino amore per il suo mondo alpino. Il bosco degli urogalli narra di villaggi chiusi nell'inverno con il grato fuoco delle cucine, della solitudine delle albe per i sentieri delle montagne, dei silenzi che riempiono i boschi, attraverso un linguaggio lirico e allo stesso tempo semplice che restituisce al lettore i paesaggi fraterni e familiari del «sergente Rigoni Stern».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il bosco degli urogalli 2021-06-10 07:44:20 Tommaso Praloran
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tommaso Praloran Opinione inserita da Tommaso Praloran    10 Giugno, 2021
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Indispensabile per chi ama la montagna

Il bosco degli urogalli è il secondo libro di Mario Rigoni Stern, uscito 9 anni dopo Il sergente nella neve.
E' la prima opera dell'autore dedicata alla natura.
Rigoni Stern è tornato nel suo mondo dopo essere uscito dagli orrori della guerra, e il suo amore per l'Altipiano è molto forte, come si può evincere da questo libro.
In totale contiene 12 racconti di lunghezza variabile.
La caccia è il tema trattato maggiormente, ma in alcune parti ci si sofferma anche su altro.
Ho letto questo libro lo scorso autunno dopo aver scoperto Rigoni Stern e dopo averne sentito parlare bene per molto tempo.
Fin dalle prime pagine le parole di Mario ti rapiscono e ti portano in un altro mondo, incomparabile rispetto al nostro.
Sono parole affettuose, che danno vita a dei racconti leggeri e piacevoli, che però lasciano tantissimo.
Rigoni Stern parla sì di caccia, ma di una caccia lontana da quella diffusa al giorno d'oggi.
Nella caccia che racconta è evidenziato un grande rispetto per il selvatico.
Lo considero uno dei migliori libri da me letti, se non il migliore in assoluto, e non posso fare altro che consigliarlo.
Non bastano le parole per descrivere ciò che si prova leggendolo, bisogna prendersi il proprio tempo e goderselo, magari in mezzo alla natura.
Ci si accorgerà subito di quanto sia speciale, quasi commovente.
Non descrivo i singoli racconti poiché vanno scoperti, ma la mia lettura del Bosco degli urogalli è stata qualcosa di unico.
Consiglio di completarlo con Le vite dell'Altipiano, che riprende alcuni racconti di questo libro ma ne propone anche tantissimi altri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Rigoni Stern o altri libri dedicati alla montagna
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il bosco degli urogalli 2013-05-13 18:28:24 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    13 Mag, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il rito della caccia

Lo ammetto, non amo la caccia, non amo uccidere degli animali indifesi, anzi tendo a rispettarli nella loro specificità, e quindi non vedo mai con simpatia un cacciatore.
Tuttavia, nonostante questa mia avversione, la lettura di questo libro mi è risultata estremamente appagante, forse perché Rigoni Stern è riuscito a dare una visione di questa “specie” di sport del tutto particolare.
La lunga marcia sulla neve per avvicinarsi alle prede, il silenzio dei monti nel freddo dell’alba, i boschi in cui si svolge la contesa donano un tocco di magia grazie a una vera e propria prosa poetica e danno l’idea di un ritorno dell’uomo alle origini, quando era in armonia con la natura.
In questa atmosfera, quasi ieratica, la caccia diventa un rito, in cui l’uomo e l’animale sono personaggi che si affrontano sullo stesso piano, ognuno con i mezzi di cui dispone, e non è sempre chi ha il fucile che ne esce vincitore.
E poi non ci sono solo racconti di caccia agli animali, ma altri in cui ricorre la metafora dell’uomo che è in competizione con suoi simili, come nello stupendo Esame di concorso, la ricerca spasmodica di un povero travet di una posizione migliore, la sua caparbietà in un mondo di miseria, i suoi sogni, le speranze, puntualmente deluse, quasi che l’autore volesse dirci che in questo mondo di cacciatori le prede non sono sempre lepri o volpi.
E a proposito di volpi Oltre i prati, tra la neve è un brano in cui uomo e canide fanno a gara in astuzia, in una serie di mosse e contromosse di grande effetto, al punto che viene spontaneo dividere i propri favori fra l’uno e l’altro.
Poi ci sono racconti in cui la caccia è solo un pretesto per parlare d’altro, come Vecchia America, oppure lo straziante Dentro il bosco o il commovente Alba e Franco, un omaggio a due cani del tutto particolari.
Non posso però tralasciare Chiusura di caccia, l’ultimo, che si conclude con alcuni spari nel vuoto, una sorta di sfogo della tensione di cui c’è un antecedente nel Sergente nella neve, quando Rigoni Stern, ultimo ad abbandonare la postazione in Russia all’inizio della ritirata, spara raffiche a casaccio; anche là è una liberazione, ma soprattutto è il grido di dolore di un uomo che si sente tradito da chi ha avviato quella guerra.
Sono due atteggiamenti uguali, ma provocati da diversi stati d’animo, e in ogni caso sono la reazione di un uomo al suo destino.
Il bosco degli urogalli è un altro libro di Mario Rigoni Stern che è senz’altro meritevole di essere letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il bosco degli urogalli 2010-12-11 10:13:21 Ginseng666
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    11 Dicembre, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tempi difficili, paesaggi d'incanto...

Ho letto questo libro perchè ce l'ho in biblioteca...
L'ho trovato piacevole e nello stile rude ed essenziale, ha un suo valore...
Molto bella e suggestiva la descrizione dei paesaggi alpini, la vegetazione dei boschi, la fauna preda di cacciatori che non sempre agiscono per procacciarsi il cibo, ma talvolta lo fanno per spirito d'avventura o per averla vinta sull'animale...
La crudeltà dell'uomo è qui manifesta e nuda sotto tutti i suoi aspetti anche perchè si tratta di una lotta impari in cui l'animale è sempre in svantaggio, che altrimenti si dovrebbe dare un fucile anche a lui...Detto questo che è la mia personale opinione il libro propone anche racconti di gente contadina che con il suo spirito astuto e cordiale trova il modo di cavarsela anche in momenti veramente difficili...
Racconti di guerra e racconti dopo la guerra in cui i sopravvissuti hanno ciascuno un modo diverso di riappropriarsi della propria vita, poichè è diversa la storia che hanno vissuto all'interno del caos della guerra.
Ricominciare a vivere è sempre faticoso e dimenticare è pressocchè impossibile...
il ricordo talvolta rimorde, la memoria ferita cerca di rimuovere ciò che nella coscienza rimane come evento indelebile...
Ritengo questo libro una pregevole esperienza di lettura e degna quindi di essere presa in considerazione.
Consigliato.
Da leggere o da rileggere per chi l'avesse già visionato.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I classici...
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini