Narrativa italiana Racconti La guerra dei Murazzi
 

La guerra dei Murazzi La guerra dei Murazzi

La guerra dei Murazzi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Enrico Remmert è il cantastorie delle vite qualsiasi che si incrociano e si intrecciano in quel luogo dell’anima – pieno di pericoli e possibilità, di scelte e rischi – che è la Notte. A ciascuno dei suoi personaggi è offerta una scelta. Si può essere eroi o vili, si può fuggire o restare, si può combattere o nascondersi. Tutto nella Notte si decide: soprattutto l’amore. E così l’autore raduna, in una Torino più magica che vera o in una Cuba più sognata che reale, una folla di personaggi, ciascuno legato a un destino al quale vuole aderire o dal quale vuole liberarsi. Un buttafuori albanese, una ragazza cubana, un parrucchiere giapponese, un gruppo di hooligan inglesi, due serbi allevatori di cani, e tanti altri: su di loro incombe la Storia con tutto il suo peso inerte e la sua pressione senza volto. Con eleganza, delicatezza e una trepidazione che non diventa mai sentimentalismo, Remmert racconta queste esistenze, minime e trascurabili come la nostra, mostrando il punto in cui, magari per una volta nella vita, diventano incandescenti: e si trasformano, o bruciano.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La guerra dei Murazzi 2018-01-10 09:27:20 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    10 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le esistenze minime dei Murazzi

Correva l’anno 1997 a Torino. Ai Murazzi, bellissimo luogo di Torino, si combatteva una guerra. Si combatteva tutte le notti, giù per le scalinate. Italiani contro magrebini, magrebini contro albanesi, buttafuori contro albanesi, buttafuori contro ultras, gestori dei locali contro l’amministrazione comunale. Fino a quando c’è stato il morto. E assieme ad Abdellah Doumi, inghiottito dal fiume dopo una rissa, mentre decine di persone gli riversavano addosso bottiglie, insulti, e persino un aspirapolvere, è morto un pezzo di città. Qualcuno rideva ed Abdellah andava giù, fino a farsi dimenticare. Oggi quella storia è riemersa, ed è finito nel racconto che dà il titolo all’ultimo libro di Enrico Remmert, e si chiama La guerra dei Murazzi, e mette in fila le esistenze minime di chi scappa e di chi resta nell’era delle grandi migrazioni di massa.
Il libro è composto da quattro racconti lunghi, scritti ed elaborati con particolare maestria. Storie vere, autentiche, affascinanti e profonde. Storie di immigrazione, di identità , vagabondaggi e culture. Uno spaccato di vita vera ed autentica per una città bellissima, ma intimamente difficile, complicata e assai complessa.

Conosciamo la vicenda di Florian, approdato in Italia nel 1991 da Tirana, attraverso cui si concretizza una città bella, vivace, ma anche le incomprensioni e le difficoltà con le altre comunità e le altre culture che abitano la città. C’è il racconto sulla rivolta dei Balseros, a Cuba, nell’estate del 1994, coincidente con il terzo grande esodo anti-castrista verso Miami, descritta con maestria del grande reporter, una testimonianza di autentico new-journalism alla Hunter S. Thompson, dove l’intreccio narrativo non è mai relegato in secondo piano e le piccole cose del quotidiano prendono forza centrale per raccontare una vicenda sociale dalla grande drammaticità. Poi ci sono un parrucchiere giapponese, un gruppo di hooligan inglesi, due serbi allevatori di cani e molti altri personaggi, in storie dove anche chi appare per un semplice cameo assume importanza fondamentale: nulla è lasciato al caso.

In definitiva il racconto di

“esistenze minime”,

di persone che si situano nello sfondo della società, ma non per questo meno importanti o affascinanti. Un libro forte ed autentico, che racconta di “tanti tra i tanti”, di esseri umani qualunque, ma per questo dimostrazione di un fascino intellettuale intenso e profondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Berta Isla
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le fedeltà invisibili
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorare il cielo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scomparsa di Stephanie Mailer
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tredici modi di guardare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Salvare le ossa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
All'ombra di Julius
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'animale femmina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'antica nave
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superficie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri