Le Beatrici Le Beatrici

Le Beatrici

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Otto monologhi al femminile. Una suora assatanata, una donna ansiosa e una donna in carriera, una vecchia bisbetica e una vecchia sognante, una giovane irrequieta, un'adolescente crudele e una donna-lupo. Un continuum di irose contumelie, invettive, spasmi amorosi, bamboleggiamenti, sproloqui, pomposo sentenziare, ammiccanti confidenze, vaneggiamenti sessuali, sussurri sognanti, impettite deliberazioni. Uno "spartito" di voci, un'opera unica, fra teatro e racconto. Una folgorazione. Tra un monologo e l'altro, sei poesie e due canzoni.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.7  (6)
Contenuto 
 
3.2  (6)
Piacevolezza 
 
3.0  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le Beatrici 2019-08-31 16:10:06 Pelizzari
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    31 Agosto, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Monologhi al femminile

Questa piccola raccolta di racconti nasce da una rappresentazione teatrale di monologhi al femminile di attrici italiane e ci restituisce uno spaccato strampalato, in coerenza con lo stile stralunato tipico di questo autore, dell’universo rosa. Fra questi otto ritratti di donne, ho apprezzato l’originale voce della Beatrice di Dante, che mai mi sarei aspettata di ritrovare come parte attiva e viva in un testo, abituati come siamo a pensarla solo attraverso gli occhi del sommo. Particolarmente bello anche il racconto dell’attesa. Meno piacevoli per me, anche se abbastanza numerosi, i capitoli strutturati con lo stile di poesie o ballate. Il premio del racconto più impossibile va a Mademoiselle Lychantrope, che però è anche il più divertente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le Beatrici 2011-05-15 18:59:01 EvaBlu
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
EvaBlu Opinione inserita da EvaBlu    15 Mag, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Benni...meno Benni!

Avete voglia di trascorrere un’oretta in compagnia di un buon libro, qualcosa di non eccessivamente impegnativo ma in grado di farvi sorridere e riflettere al contempo?
Allora leggete “Le Beatrici”.
Apprestatevi a gustarlo e a centellinarlo pagina per pagina, monologo per monologo, intermezzo per intermezzo, ma senza l’ambizione o la pretesa di riconoscere il Benni a cui tutti siamo abituati. Potrete così tifare per Beatrice che “sberleffa” il suo Dante, perché anche i più grandi miti possiedono un lato umano in grado di renderli più vicini ed autentici. Rimarrete annichiliti di fronte alla crudeltà dell’adolescente tutta griffe e preconcetti. Riconoscerete come figura del nostro tempo l’”industrialessa” che rimescola in un pentolone la sua disonestà ed i disumani successi imprenditoriali. Riderete di gusto insieme a Suor Filomena, la suora “ossessa controllata a vista dalla badessa” che racconta della sua vita imposta in convento. E ancora, volerete con ali neri e fantasiose insieme a quei vecchi e a quei bambini lasciati troppo soli davanti alla televisione e proverete compassione per Madame Lycantrophe, che ha trovato un compromesso con la sua natura lupina e non uccide più, perché sono gli altri, la società ad uccidere.
Il tutto condito da intermezzi poetici di tutto rispetto che seguono lo stesso filo del riso-amaro e dello sguardo ironico ed attento al nostro vivere attuale.

È vero, non è il Benni di sempre. Non ha la stessa verve, la stessa capacità di costruire il reale sul pungente inverosimile di cui è stato un vero maestro. Lo stile e la traccia di sé sono appena accennati…ma forse non è un caso che abbia concluso questa breve raccolta con le parole di De Andrè:

“Io non voglio che mi ricordiate
Nel trionfo, ma nella mia sera
Nelle cose che dissi tremando
In ciò che suonai con paura
Povere genti che ai menestrelli credete
Dimenticarvi di me non potrete…”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...le altre opere dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le Beatrici 2011-05-12 10:22:01 Grana_tina
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Grana_tina Opinione inserita da Grana_tina    12 Mag, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perplessa

Perplessa...questo libricino mi ha lasciata così, devo ammetterlo.

Il Mio Benny! sarà che non è un romanzo, ma un'opera teatrale...
sarà che parto sempre molto entusiasta nel leggerti...
ma non riesco a dire che mi è piaciuto.

Certo la tua "amarezza sollevatrice" c'era anche tra queste pagine...
si, ho "sorriso di tristezza" anche ascoltando "le tue donne" parlare, urlare, bisbigliare...
ma niente a che vedere con i viaggi che mi hai fatto fare in passato,
con i personaggi che ti sei inventato e che porto sempre nel cuore.

La tua fantasia che danza con la realtà, è questo lo spettacolo al quale mi hai abituata...

Forse lo rileggerò ancora...forse invece farò finta di non averlo letto.

Se non avete mai letto Stefano Benni non cominciate da qui!assolutamente no!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Solo ai curiosi, non a chi vuole conoscere il magico mondo di Benni.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le Beatrici 2011-03-18 19:45:12 di artemisia
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
di artemisia Opinione inserita da di artemisia    18 Marzo, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

bahttrici

Ci eravamo tanto amati, Stefano mio.
Ero disposta a mollare baracca e burattini per scappare via con te.
Ma ora. Ti sei venduto. Hai acconsentito a raschiare il fondo del barile (non è questione di metrica, ma la poesia lasciamola ai poeti, che scrivere lasciando il margine a destra e accozzando strofette non è far poesia.)

Ma ho ceduto alla nostalgia, e per affetto ti ho letto, e mi sono fatta anche la risatella facile, che la Beatrice Portinari da beata a stronza me l'hai trasformata, e ho fatto la risatella su tutti i frusti stereotipi delle voci delle tue donne (Volano, la storiella acre che mi è piaciuta di più, di un vecchio e di un bambino racconta,non è un monologo per voce femminile, ma tant'è, pensavi che fossi tanto fessa da non accorgermene).
Ma la nota non te la perdono.
Perchè quella, ecco, te la potevi proprio risparmiare, su quella non ci posso passare.
Voglio credere che "per mostrare che esistono giovani attrice italiane di talento e non necessariamente devono essere ingoiate dalla televisione" non sia indispensabile la tua pennina.

(i libri fatti per batter cassa mi fanno diventare licantropa senza luna piena)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
sconsigliato a chi ha amato Benni Stefano.
Le Beatrici 2011-02-05 09:16:44 Stefp
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefp Opinione inserita da Stefp    05 Febbraio, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le Beatrici

“Le Beatrici” è formato da otto monologhi femminili; una Beatrice dantesca, ma molto attuale, una “mocciosa” adolescente cruda e crudele figlia di questi tempi, una “presidentessa” industriale che ha risolto in maniera originale il problema degli operai in esubero, “Suor Filomena” una suora senza vocazione con tendenze ninfomani, una donna ansiosa perennemente in attesa, una “Vecchiaccia” incattivita dal tempo e rinchiusa in un ospizio, una anziana abbandonata a casa davanti al televisore che riesce ad evadere dalla sua solitudine ed una licantropa.
Otto monologhi nati per il teatro, per mettere in luce giovani attrici di talento. Otto metafore amare e crudeli che rispecchiano i nostri tempi e ci parlano di violenza, vecchiaia, abbandono, emarginazione, indifferenza. Il tutto, la penna di Stefano Benni, ammanta di ironia amara e, come sempre, tratteggia ritratti al limite del surreale, ma estremamente attuali.
Tra un capitolo e l'altro, otto ballate; sei poesie e due canzoni. Suggestive, e in linea con i monologhi.
Spicca la canzone dedicata a Fabrizio De André
...E io di voi scordarmi non posso / dentro un tramonto feroce e rosso / dentro un cielo di sangue e vino / ascoltate come sembra il primo / l'ultimo accordo che io imparai / io non voglio, non voglio morire / e a morire non riuscirò mai.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le Beatrici 2011-02-01 18:06:41 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    01 Febbraio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

io non voglio morir cantante se al buon sonno del

In questo pamphlet di otto monologhi teatrali
canzoni e ballate Stefano Benni da voce alle donne, suore, madri,
amanti, top manager, anziane; ognuna racconta
le miserie degli uomini, ne esce fuori un testo graffiante e originalissimo.
Fra i tanti monologhi voglio proporvi quello della moglie che piange
il moroso ucciso dai fascisti e alcune strofe della canzone che avrebbe dovuto cantare De Andrè ma , come dice Benni, “Fabrizio ha deciso di suonare altrove”.

Dal monologo Vecchiaccia:
I fascisti di merda porcoddio - hanno sparato
A Vincenzo che aveva diciotto anni perché suo fratello era andato in montagna e a sua madre che lo difendeva col forcone le hanno
rotto la testa, tanto fate finta di niente,bisogna chiuderla la storia,dire che ora è nuova la storia,ma la storia non smette mai di sanguinare,ma sì pesateli a uno a uno i morti e poi fate i conti e i bilanci e vendeteli
e intanto aprono di nuovo la porta e sparano in gola, non è vero che è così cambiata la storia, voi volete farli tornare, anzi siete tornati, bastardi porcoddio,quanti anni avete?quanti ne sono passati?

Da Quello che non voglio (Canzone per Fabrizio De Andrè)
io non voglio morir cantante
se al buon sonno del padrone
servirà la mia canzone

io non voglo morir poeta
di ogni passione sceglier la dieta
gioie,amorini dolori piccini
da imbalsamere dentro il rimario


io non voglio morir artista
accucciato come un vecchio cane
sotto il trono del re di denari
tra leccaculi e cortigiane

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama le letture che spingono a riflettere sul male di vivere.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini