Narrativa italiana Racconti Ritratto dell'investigatore da piccolo
 

Ritratto dell'investigatore da piccolo Ritratto dell'investigatore da piccolo

Ritratto dell'investigatore da piccolo

Editore

Casa editrice


Ogni lettore di gialli prima o poi se l'è chiesto: come saranno stati da bambini gli investigatori che abbiamo imparato ad apprezzare negli ultimi anni? Ecco la risposta, in cinque racconti di cinque (sei) firme di punta della narrativa gialla italiana, che hanno immaginato i loro personaggi da piccoli, alle prese con piccole storie che fanno presagire quale sarà il loro carattere, e il loro fiuto, da adulti - o forse no. Incontriamo così il futuro avvocato Greta Morandi e il futuro investigatore Mario Longoni, di Arosio & Maimone, nella Milano autarchica del 1936; il piccolo Sandrino Micuzzi, di Massimo Cassani, alle prese con una rivista misteriosa; Max Gilardi, di Elda Lanza, che rievoca il suo ultimo anno di scuola elementare; il giovane Norberto Melis, di Hans Tuzzi, in vacanza in Liguria, nel 1951; e infine Franco Bordelli, di Marco Vichi, che nel 1919 ha nove anni e vive la sua prima avventura tra il pianterreno e l'ultimo piano della casa dei suoi genitori.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ritratto dell'investigatore da piccolo 2017-04-06 08:17:15 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    06 Aprile, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Piccoli investigatori" in erba

Ritratto dell’investigatore da piccolo viene definito nella quarta di copertina, come: “Una piccola grande squadra di protagonisti tra i più amati e seguiti della narrativa gialla italiana colti in un momento della loro infanzia.” Incipit più veritiero non poteva esserci. Infatti questa antologia di racconti, curiosa ed insolita, contiene ritratti di quelli che diventeranno famosi investigatori letterari. Quale interesse maggiore è quello di scoprire come erano da bambini i protagonisti di alcuni dei più famosi scrittori di romanzi gialli? E allora: come è nata l’amicizia tra l’avv. Greta e l’investigatore Marlon? Che bambino era Sandrino Micuzzi? Aveva già la testa per aria? Com’era il fascinoso avv. Max Gilardi? E il vicequestore Melis? Aveva già la passione per le cose raffinate, belle, per i racconti, per l’arte? Infine il brusco Franco Bordelli: difficile immaginarselo, ma deve essere stato un ragazzino ….. di gran cuore! Sono storie che accentuano il passaggio dall’età della spensieratezza alla consapevolezza, responsabile, dell’età adulta. Dunque la scoperta dell’amore e della morte. Dell’amicizia e del tradimento.
Il primo racconto, Autarchia, vede protagonisti Erica Arosio e Giorgio Maimone nella Milano del 1936. Erica con la governante Inge assistono incredule all’omicidio di un dottore, aiutate da Mario Longoni, che diventerà investigatore, riescono a fuggire dalla follia dell’assassino. Ma la versione ufficiale della polizia fascista le smentisce, perché “siamo sotto il fascismo e i ladri non ci sono e i giornali scrivono solo buone notizie per non turbare l’animo degli italiani.” Infatti esiste: “Una verità oggettiva, quella soggettiva e quella ufficiale. Quest’ultima ha aggio sulle altre due!”.
Nel secondo racconto, Il libraio, il protagonista è l’io narrante, il nipote del defunto zio Alfonso, morto in bagno in circostanze strane, mentre leggeva una rivista “poco raccomandabile”. Il futuro libraio ripercorre tutte le tappe di questa strana morte: riesce ad appropriarsi della rivista, e la porta con sé, dividendo il suo segreto con l’amico del cuore quando è in villeggiatura, Sandrino Micuzzi, che è un po’ imbranato e nella sua ingenuità si fa sempre scoprire dagli adulti. Micuzzi, da adulto, diventa commissario e sarà proprio lui a far luce sulla annosa questione.
Un altro racconto significativo è quello che vede Max Gilardi che come compagno di banco ha Giacomo Cataldo. Max e Giacomo: il primo figlio di un procuratore, con un padre assente e una madre, triste e solitaria, ex pianista. Il secondo è figlio di pescatori, “puzza”, è ripetente e Max lo aiuta e lo difende dallo scherno dei propri compagni. Sarà proprio lui a scoprire la verità su uno scherzo finito tragicamente. Il suo primo caso, in un certo senso.
E poi altri racconti, altri personaggi, altre avventure. Prodromo del futuro roseo che sarà comune a tutti. Una lettura che non può che incuriosire ed affascinare il lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Scritto nella memoria. Nove racconti italiani, a cura di Marco Vichi, Ed. Guanda.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La prigione della monaca senza volto
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bianco letale
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri