Le assaggiatrici Le assaggiatrici

Le assaggiatrici

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La prima volta in cui Rosa Sauer entra nella stanza in cui dovrà consumare i suoi prossimi pasti è affamata. “Da anni avevamo fame e paura,” dice. Siamo nell’autunno del 1943, a Gross-Partsch, un villaggio molto vicino alla Tana del Lupo, il nascondiglio di Hitler. Ha ventisei anni, Rosa, ed è arrivata da Berlino una settimana prima, ospite dei genitori di suo marito Gregor, che combatte sul fronte russo. Le SS posano sotto ai suoi occhi un piatto squisito: “mangiate” dicono, e la fame ha la meglio sulla paura, la paura stessa diventa fame. Dopo aver terminato il pasto, però, lei e le altre assaggiatrici devono restare per un’ora sotto osservazione in caserma, cavie di cui le ss studiano le reazioni per accertarsi che il cibo da servire a Hitler non sia avvelenato. Nell’ambiente chiuso di quella mensa forzata, sotto lo sguardo vigile dei loro carcerieri, fra le dieci giovani donne si allacciano, con lo scorrere dei mesi, alleanze, patti segreti e amicizie. Nel gruppo Rosa è subito la straniera, la “berlinese”: è difficile ottenere benevolenza, tuttavia lei si sorprende a cercarla, ad averne bisogno. Soprattutto con Elfriede, la ragazza più misteriosa e ostile, la più carismatica. Poi, nella primavera del ’44, in caserma arriva un nuovo comandante, Albert Ziegler. Severo e ingiusto, instaura sin dal primo giorno un clima di terrore, eppure – mentre su tutti, come una sorta di divinità che non compare mai, incombe il Führer – fra lui e Rosa si crea un legame speciale, inaudito.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 14

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.2  (14)
Contenuto 
 
3.4  (14)
Piacevolezza 
 
3.6  (14)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le assaggiatrici 2022-03-09 08:33:45 violetta89
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    09 Marzo, 2022
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quanto male fa la guerra

Leggere questo libro in questo momento storico particolare è dura, la guerra è di nuovo fra noi e più vicina di quanto ci saremmo mai immaginati.
Non conoscevo la storia vera di queste donne tedesche che assaggiavano il cibo di Hitler rischiando la vita tutti i giorni. In questo caso la protagonista viene da Berlino, fuggita nelle campagne per scappare dai bombardamenti, si ritrova "prigioniera" di questa situazione da cui non ha scampo e si ritrova a stringere amicizie che avrebbe creduto improbabili e a provare attrazione per il nemico. Mi è piaciuto molto, soprattutto ho capito i tormenti interiori di questa donna in un momento in cui la paura ha preso il sopravvento.
Il finale secondo me un po' tirato via, è comunque un libro che consiglierei.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2021-01-24 16:54:31 silvia71
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    24 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia dimenticata

L'ambientazione in una desolata landa polacca ricoperta da boschi e campi a bassissima densità abitativa, fa da sfondo alla ricostruzione di una pagina di storia di cui poco si conosce.
Quella narrata è una storia che corre in parallelo all'ascesa del Fuhrer e alla sua consuetudine ad alloggiare in bunker segreti disseminati in zone rurali e remote.
Le protagoniste sono donne “selezionate” dietro compenso per assaggiare i prelibati manicaretti destinati ad imbandire la tavola di Hitler. Egli non può rischiare l'avvelenamento, occorrono cavie da sacrificare in nome della sua salvezza.
Il confine tra costrizione e accettazione di questo ruolo folle e crudele è un filo sottile che l'autrice si propone di indagare, rendendoci un quadro realistico, tentando di mettere a nudo le anime di queste creature che sono immagine di solitudini, i cui compagni sono impegnati al fronte oppure già defunti.
Ogni succulento boccone per quanto agognato dai poveri stomaci stremati dalla fame, può essere strumento di una atroce morte, può essere un attimo di luce prima di sprofondare nel baratro.
Le immagini del refettorio sono ben rappresentate, con una carica di pathos che riempie di rabbia e dolore il cuore del lettore, fin quasi a percepire la disperazione e la tensione morso dopo morso.

Rosella Postorino sviluppa uno spunto cronachistico che ben si presta all'approfondimento ma cozzando contro la scarsità di informazioni cui attingere, utilizza la sua penna per ricamare una trama che intreccia fili brillanti ad un tessuto che vira troppo al colore rosa, perdendo di credibilità storica lungo il tragitto.
Il prodotto finale è un lavoro di narrativa lontano dai canoni rigorosi del romanzo storico, una proposta letteraria di intrattenimento dalla prosa lineare e fruibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2020-10-02 15:35:06 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    02 Ottobre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

prese per la gola

Sono un po' dubbiosa su questo libro. Il problema è sempre : è possibile parlare con leggerezza di qualcosa di drammatico?. Non conoscevo le assaggiatrici di Hitler, che pur sono esistite, e dopo parecchi anni di silenzio hanno svelato anche questa crudeltà del regime nazista. Credo che la Pastorino in alcune parti sia riuscita a rendere l'dea della crudeltà di questo tipo di "lavoro". Ci sono alcuni brani del romanzo che in effetti mi hanno fatto rabbrividire e inorridire. Trovo però che la maggior parte del romanzo abbia una connotazione troppo rosa. Mi rendo conto che la vita debba andare avanti e che trattando di donne giovani, fosse necessario indagare anche nella loro vita romantica. Ma forse l'autrice ha indugiato troppo su questo aspetto, spingendo spesso in una posizione periferica il vero punto della storia. O almeno,quello che secondo me avrebbe dovuto essere rimarcato più e più volte. La paura, l'incertezza, quella lunga ora da trascorrere in attesa che l'eventuale veleno facesse effetto. Il desiderio che quel boccone fosse quello decisivo e che il pasto successivo non fosse più qualcosa da attendere con orrore. Ha salvato il romanzo, che devo dire mi aveva lasciata tiepida, l'ultima pagina. Ecco lì nelle parole finali del romanzo ho trovato quello che mi aspettavo si dicesse in tutti i capitoli precedenti: l'orrore vissuto da queste donne, il danno che è stato fatto loro, l'impossibilità di cancellare con un colpo di spugna quella che in fin dei conti è stata una vera e propria tortura. Comunque è un libro che consiglio di leggere a chi come me non sapeva dell'esistenza anche di queste vittime che per pudore, paura o altro hanno parlato molto tardi del loro ruolo di assaggiatrici. Un brava anche all'autrice per quell'ultima parte così chiarificatrice e capace di salvare tutto il libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2020-08-19 09:48:56 C.U.B.
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    19 Agosto, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mangia bene chi mangia ultimo

Gli stomaci vuoti reclamano cibo, dieci giovani donne scendono da un pulmino e siedono a tavola.
A differenza del popolo affamato dalla guerra hanno il privilegio di potersi saziare a volontà di una cucina appetitosa e nutriente. Mangiano i pasti di Hitler, mangiano per la gloria della Germania, mangiano perché non hanno altra scelta.
Sono le assaggiatrici, coloro che venivano alimentate col cibo del Fuhrer per scongiurare ogni tentativo di avvelenamento.

Ispiratosi alla storia vera di Margot Wolk, si prenda alla lettera la parola ISPIRATOSI. Si tratta di un incipit che perdura durante tutto il romanzo, ma ben lontano dall’essere il vero perno del racconto.
Di fatto la vicenda, screziata di rosa, si concentra sulla vita della protagonista e sulle relazioni sociali, sentimentali e passionali che vi gravitano attorno.
Buona la narrativa della Postorino, fluida e compatta su un contenuto però frivolo e prevedibile, il libro è ben strutturato e non ho dubbi che non annoierà il lettore che ami le vicende romanzate ambientate nel periodo nazista.
Fortemente anemico il mio giudizio, io detesto questo filone narrativo e me ne tengo di norma alla larga. Le vie del Signore sono Infinite, convinta dai premi ottenuti che il passo fosse più realistico e che il focus – estremamente accattivante - fosse quello delle assaggiatrici, nell’Infinito ho imboccato la via sbagliata.

Mea culpa, il libro merita, a chi piace il genere.

Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2020-05-20 07:43:03 19alessio79
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
19alessio79 Opinione inserita da 19alessio79    20 Mag, 2020
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una mezza delusione

Partiamo da una dovuta premessa... per i miei standard, libro di meno di 300 pagine, ambientazione storica, letto in una settimana, il libro è da leggere....ma ci sono troppi ma che ne abbassano il giudizio.
La storia mi ha ricordato più un romanzetto rosa, con una trama che ha un'improvvisa impennata che si capisce dopo poche pagine a cosa l'autrice voglia mirare.
L'ambientazione storico/geografica (Seconda Guerra Mondiale/Tana del Lupo) è ben fatta, ma l'autrice ha voluto mettere troppi elementi conosciuti, sfociando nella banalità... ci sono le assaggiatrici, c'è il disprezzo delle SS (ma poi perchè verso cittadine tedesche???), c'è l'ebrea intrufolata, il marito partito per la Russia, un viaggio nel vagone merci, finanche l'operazione Valchiria buttata li per riempire le pagine e aggiungere un paio di personaggi estranei alla trama.
Infine lo stile che non ho apprezzato, perchè su frasi semplici, l'autrice fa un uso a me strano della punteggiatura, in uno stile che a me non piace
"Forse era il mio vestito a incuriosirla, forse aveva ragione Herta, con quella fantasia a scacchi ero fuori luogo, non stavo mica andando in ufficio, non lavoravo più a Berlino, togliti quell'aria da cittadina, aveva detto mia suocera, tutti ti guarderanno storta".
Insomma, personalmente non lo rileggerei e non mi ha lasciato granchè...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2019-08-26 14:34:48 andrea70
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    26 Agosto, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prigioniere senza sbarre

Siamo nella Germania nazista in piena seconda guerra mondiale, dieci donne tedesche vengono assoldate per fare da assaggiatrici. In pratica in una caserma dove vengono preparati i pasti destinati al Fuhrer loro devono assaggiare le varie pietanze per scongiurare una delle paure del dittatore, quella di essere avvelenato dai nemici tramite cibo contaminato. Ci sarebbe di che essere terrorizzate ma la paura dura un paio di giorni, poi le donne fanno passare in secondo piano il rischio di avvelenamento e le paure che le tormentano sono comunque altre nella loro quotidianità. In un periodo in cui anche nella potente Germania mancano alcuni generi di prima necessità loro possono fare tre pasti al giorno tra l'altro mangiando prelibatezze , a parte dover sopportare le fobie alimentari di Hitler, il prezzo da pagare è il rischio che ogni pasto sia l'ultimo , pur non essendo ebree sono a loro volta prigioniere.
L'autrice non calca mai la mano sulla paura di essere avvelenate , come se fosse qualcosa di intrinseco ormai delle loro giornate o come se le protagoniste ad un certo punto si autoconvincessero che tanto non succederà nulla. Ci si concentra sulla voglia disperata di queste donne di continuare a vivere una vita degna, fuori dall'abulia del loro nuovo compito, nonostante i mariti al fronte accettando anche rischi di altro tipo. Alcune di loro riusciranno anche a legare dando vita ad una forma di amicizia nella quale il legame è la disperazione non la fiducia. La vicenda è narrata per voce di una delle ragazze , Rosa, la quale dopo aver ricevuto la notizia che il marito è dato per disperso, instaurerà una relazione con il nuovo comandante delle caserma, dove ci si chiede se c'è amore o solo il bisogno di due esseri umani di trovare conforto tra le braccia di qualcuno.
Questo libro mi è stato raccomandato come un'opera eccezionale, sinceramente non condivido. Forse sarà che ho una sensibilità differente, ben scritto, con uno stile anche troppo pieno di enfasi e ricercato, ma la storia in se non mi ha particolarmente coinvolto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2019-01-15 16:46:38 Chiara77
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    15 Gennaio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sopravvalutato

Rosa Sauer è una giovane donna originaria di Berlino trasferitasi a Gross-Partsch nell'autunno del 1943. Il marito, Gregor, era partito da anni come soldato e Rosa, dopo essere rimasta orfana dei genitori, decide di trasferirsi a casa dei suoceri.
Una mattina viene prelevata da un pulmino per diventare, insieme ad altre nove donne, assaggiatrice di Hitler. Rosa non ha scelta: tutti i giorni, volente o nolente, dovrà sedersi ad una tavola potenzialmente avvelenata e masticare il cibo del Führer. Mentre scorrono lenti i tragici mesi di quel periodo, Rosa aspetta il marito Gregor, ripensa alla sua vita passata ed instaura una specie di amicizia con alcune delle colleghe assaggiatrici.

«Come si diventa amiche? Ora che ne riconoscevo le espressioni, che addirittura le anticipavo, i volti delle mie compagne mi sembravano diversi da quelli che avevo visto il primo giorno.
Succede a scuola, o sul posto di lavoro, nei luoghi in cui si è obbligati a passare tante ore della propria esistenza. Si diventa amiche nella coercizione.»

La trama scorre molto lentamente finché ci sarà una svolta dal punto di vista sentimentale nella vita della protagonista.
Il romanzo è vincitore del Premio Campiello del 2018 ed ha avuto un gran successo fra critica e lettori. Purtroppo sarò una voce fuori dal coro perché a me invece non è piaciuto granché.
Innanzitutto, a livello di contenuto, è molto povero: non succede quasi niente e la storia rimane sullo sfondo, una bella cornice fuori dal quadro; qualche episodio volutamente inserito in mezzo ad una storia d'amore impossibile con l'affascinante cattivo. Ed anche la storia d'amore rimane fredda e poco coinvolgente.
So che in molti hanno lodato lo stile della scrittrice: ahimé, anche su questo aspetto non sono riuscita ad apprezzare il romanzo. L'autrice ha un modo di scrivere esageratamente retorico, che in diversi momenti sfiora la banalità.

«Eccoli, gli occhi di Gregor, gli occhi che mi avevano setacciata, il giorno del colloquio allo studio, quasi volessero rovistare dentro, individuare il nucleo, isolarlo, sfrondare il resto, accedere direttamente a ciò che mi rendeva me.»

É uno stile che può piacere, potrebbe essere definito elegante e raffinato. Io purtroppo ci ho letto invece tanta artificiosità non accompagnata da un contenuto coinvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2018-11-27 13:18:04 Virè
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Virè Opinione inserita da Virè    27 Novembre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le assaggiatrici di Hitler

Le assaggiatrici, libro vincitore del Premio Campiello 2018, che ancora una volta incontra i miei gusti di lettrice.Dopo averlo scartato a lungo, mi sono lasciata convincere alla lettura proprio dalla vittoria al premio e devo ammettere che ne è valsa la pena.
La storia è stata ispirata dalla scoperta dell'esistenza ancora in vita di una delle Assaggiatrici di Hitler, gruppo di donne selezionate dalla SS nella Prussia Orientale per provare i pasti del Furer prima che gli fossero serviti, in modo da scongiurare avvelenamenti.
Siamo nel pieno della guerra, tutte le donne ne sono segnate e con delicatezza e attenzione, l'autrice cerca di mostrarne tutte le sfaccettature, le donne spaesate, senza marito, famiglie distrutte, SS rigorose che eseguono il proprio dovere e sembrano lontani da qualunque rimorso.
Il gruppo di donne, molto schive all'inizio, inizia a condividere, per forza e per scelta, i propri drammi, i propri sogni, il proprio tempo libero. Alcune si scontrano, altre si coalizzano, incontrano nello stare insieme il solo modo per trovare la forza di andare avanti.
La protagonista, spaesata e confusa, sopravvive al periodo più difficile della sua vita, si porta avanti a fatica, si lascia andare, ma la vita che ha dentro e l'istinto di sopravvivenza è più forte della sua stessa volontà. Si lascia trasportare attraverso gli anni difficili della guerra, fino a venirne fuori, sola ed ammaccata, portando su di sè i segni indelebili di quanto vissuto.
Un linguaggio delicato e profondo, i sentimenti che guidano il lettore attraverso la narrazione, trapelando dalle parole e spostandosi addosso a chi legge.
Un bel libro, che si legge con estremo piacere ed estrema facilità, nonostante il dramma che nasconde, nonostante la tristezza della storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Resto qui - Marco Balzano
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2018-09-18 04:30:57 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    18 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amici così, nella segregazione

Le assaggiatrici di Rosella Pastorino – premio Campiello 2018 - sono un gruppo di donne selezionate come cavie: il loro compito è quello di anticipare i possibili effetti di un avvelenamento delle pietanze destinate al Führer (“La colazione, che noi facevamo subito, mentre Hitler la faceva intorno alle dieci, dopo aver ricevuto le notizie dal fronte”).

Tra le assaggiatrici (“Ulla era un bocconcino, così la chiamavano le SS”), alcune si caratterizzano per personalità: su tutte, la narratrice Rosa e la rustica, misteriosa Elfriede che, dopo alcuni cointrasti iniziali, raggiungono un’intesa essenziale ancorché spigolosa (“Si diventa amici così, nella segregazione”). Ed è proprio lo spirito di solidarietà che si crea tra Le assaggiatrici (“Che la vedovanza, effettiva o potenziale, fosse una condizione comune non mi consolava”) – sotto il comune denominatore della paura – l’elemento che infonde ritmo narrativo a un romanzo che ripercorre in forma romanzata la follia di Hilter e alcuni episodi degli anni della dittatura nazista e del suo delirio imperialista.

Rosa vive con i suoceri, attende il marito inviato al fronte in Russia (A Natale “Gregor sarebbe venuto a Gross-Partsch!”) e, quando apprende che risulta disperso, si abbandona alla disperazione, alla quale tenta di reagire seguendo gli istinti che – nell’astinenza forzata – la convincono a cedere all’assedio notturno di uno spietato tenente delle SS.

Tra la fame inquinata dal terrore di finire avvelenata (“Ho la nausea, ammise Heike”), le giornate trascorse sotto la vigilanza dispotica delle SS e la frequentazione della tenuta della baronessa Maria, il romanzo propone, da un’insolita visuale (“Adolf Hitler era un essere umano che digeriva”), la rilettura di una delle peggiori pagine della storia del XX secolo.

Il finale, la parte terza del romanzo, è molto retrospettivo, colpevolista e da reduci.
“Ma non avrei potuto raccontargli della mensa di Krausendorf senza parlargli di chi aveva mangiato tutti i giorni con me, una ragazza con la couperose, una donna con le spalle larghe e la lingua lunga, una che aveva abortito e un’altra che si credeva una maga, una ragazza fissata con le attrici del cinema, e un’ebrea. Avrei dovuto dirgli di Elfriede, la mia colpa. Quella che sbaraglia tutte le altre, nell’inventario delle colpe e dei segreti. Non avrei potuto confessargli che mi ero fidata di un tenente nazista, lo stesso che l’aveva mandata in un lager, lo stesso che io avevo amato. Non ho mai detto nulla, e non lo dirò. Tutto quello che ho imparato, dalla vita, è sopravvivere.”

Secondo un articolo recente, esisterebbe un’applicazione/algoritmo con la quale “costruire” un libro di sicuro successo… e questo romanzo corrisponderebbe alla formula…

Giudizio finale: venefico, mitridatico, tossico.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La scelta di Sophie?
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le assaggiatrici 2018-09-04 06:31:43 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    04 Settembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia di Margot Wölk

L’autrice racconta, nella nota finale, che l’idea per la storia del libro è nata leggendo su un giornale un trafiletto su Margot Wölk, l’ultima assaggiatrice di Hitler ancora in vita. Infatti la storia verte proprio sul contrasto tra fame e paura, quando le SS ordinano: “Mangiate”, davanti al piatto traboccante è la fame ad avere la meglio; subito dopo, però, prevale la paura: le assaggiatrici devono restare un’ora sotto osservazione, affinché le guardie si accertino che il cibo da servire al Führer non sia avvelenato.In questo clima surreale però l'autrice è brava a far risaltare l'intreccio di alleanze, amicizie e rivalità sotterranee.
Concludo estrapolando un passaggio che mi è piaciuto
Perché, da tempo, mi ritrovavo in posti in cui non volevo stare, e accondiscendevo, e non mi ribellavo, e continuavo a sopravvivere ogni volta che qualcuno mi veniva portato via? La capacità di adattamento è la maggiore risorsa degli essere umani, ma più mi adattavo e meno mi sentivo umana.
Particolare

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
Di luce propria
La banda degli uomini
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Al contrario
I demoni di Berlino
Il rogo della Repubblica
La gloria
Sanguina ancora