Narrativa straniera Classici Al limite estremo
 

Al limite estremo Al limite estremo

Al limite estremo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Pubblicato nel 1902, "Al limite estremo" è il più lungo dei racconti di Conrad, espanso fin quasi alle dimensioni di un romanzo. Un capitano di mare dal passato glorioso, Whalley, riesce a ottenere il comando di una piccola vaporiera, sulla quale si illude di esercitare un effettivo e completo controllo nonostante la sua quasi-cecità. Ma il proprietario della nave, un avido giocatore ansioso di incassare il premio dell'assicurazione, inganna il capitano e manda la nave a infrangersi su una scogliera: Whalley affonderà con la sua nave. Sebbene Conrad faccia qui mostra di denunciare la credula e ottimistica natura di un personaggio, il suo vecchio lupo di mare, la stucchevole ripetizione delle sue virtù e il risultante melodramma sviano da un'analisi pessimistica radicale della natura umana.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Al limite estremo 2018-07-01 15:11:23 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    01 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Mondo fuori

«Si rimise il cappello, frugò in due tasche, e fermatosi un attimo per avvicinare un fiammifero acceso all’estremità di un sigaro a buon mercato, soffiò un’amara nuvola di fumo a quel mondo che poteva riservare tali sorprese»

Classe 1857 Joseph Conrad nacque a Berdicev in Ucraina da genitori di origine polacca. Figlio di Apollo Korzeniowski, patriota che combatté contro l’imperialismo zarista e che per questo fu arrestato e condannato all’esilio nella Russia settentrionale sul finire del 1961 e che venne a mancare nel 1869, e di Evelina Bobrowska, deceduta all’età di appena trentaquattro anni nel 1865, Jozef, crebbe con lo zio materno Tadeus che gli consentì di frequentare una scuola privata sino a che, al compimento dei suoi diciassette anni, si imbarcò per dedicarsi alla vita di mare. Ed è da qui che hanno inizio i suoi racconti e i suoi libri. Questi traggono origine dal vissuto nelle acque più profonde ma anche dalle voci e dai riporti dei marinai che si trovavano al suo fianco nei vari peregrinaggi.
E con “Al limite estremo” egli spia. A cavallo del millenovecento, scruta l’incognita, assapora il gioco allusivo dell’anima, le tentazioni di quello sconosciuto che è il corpo. Protagonista è il capitano Whallay, vecchio albero maestro, che è simbolo del tempo irrimediabilmente passato, dell’onestà, della dedizione al lavoro, all’amore della famiglia. Ma ancora protagonista è anche il secondo capitano, Sterne che è al contrario emblema della mediocrità, della meschinità, dell’avidità, nonché del rifiuto della storia e della tradizione, e ancora protagonista è Massy, macchinista per caso divenuto armatore, nemico di ogni generoso sentimento, nemico dell’antica fedeltà al mare che il capitano incarna. Altra figura di spicco che si manifesta è il signor Van Wick, ex ufficiale di marina che ha gettato al vento una brillante carriera per farsi pioniere delle piantagioni di tabacco.
Mediante questi quattro personaggi Conrad abbraccia il proprio stesso destino di scrittore affacciato sul baratro dentro al quale soltanto l’oscurità è distinguibile, e ulteriormente si interroga sul medesimo. Quale fato si riserverà per ogni eroe descritto? Cosa farà la differenza? L’invidia di Massy? L’irrimediabile cecità del capitano Whalley? L’ambizione di Sterne? Oppure la tragicità della conclusione è semplicemente inevitabile? Da qui la vera protagonista dell’opera: la Cecità. La stessa che abbiamo riconosciuto in Saramago, ovvero la cecità “reale” del narratore, del lettore, del destino. Perché il domani dell’umano destino non è visibile né prognosticabile. È la disperazione di non vedere a nutrire la mente.
Oltre che “Al limite estremo” l’opera contiene al suo interno anche il celebre “Cuore di tenebra”, che prende spunto dall’esperienza africana e più precisamente in Congo, nonché “La linea d’ombra” testo che trae ispirazione dalle tragiche vicissitudini occorse in Bangkok dove lo scrittore ha il suo primo comando a seguito della morte del capitano tanto che eredita l’Otago. Con quest’ultimo scritto si assiste al passaggio dall’esistenza giovanile priva di responsabilità all’accettazione del mondo morale e della maturità.
Un volume profondo, ricco di spunti di riflessione e scritto con una penna acuta che alcunché lascia al caso. Un tuffo in un classico dell’avventura che non delude le aspettative.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri