Narrativa straniera Classici Bubù di Montparnasse
 

Bubù di Montparnasse Bubù di Montparnasse

Bubù di Montparnasse

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Bubù divenne uno sfruttatore perché viveva in una società piena di ricchi che sono molto forti e determinano le vocazioni. Vogliono avere donne con i loro soldi. Perciò bisogna che ci siano dei magnaccia per procurargliele. Una storia patetica e amara in cui squallidi personaggi e poveri avvenimenti vengono riscattati da un alone patetico oltre che dall'umano compatimento con cui l'autore (il piccolo poeta delle fogne, come è definito) sa vederli, alla luce del suo umanitario populismo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bubù di Montparnasse 2016-02-03 09:52:54 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    03 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il magnaccia e la sua prostituta

Siamo nella Parigi di inzio '900. Più precisamente ci troviamo nella zona della città più malfamata. Quella povera, ma anche quella che ha ceduto di fronte alle avversità, e quella che ha invece pensato di aprofittarsi delle miserie degli altri. Uno di questi è Bubù.
"Fu così che Berta diventò prostituta e Maurizio diventò uno scioperato. Era intelligente, viveva a Parigi dove i piaceri urlano passando, dapprima aveva lavorato, poi aveva capito che i lavoratori che sfaticano e soffrono sono degli sciocchi. Divenne sfruttatore perchè viveva in una società piena di ricchi molto forti che determinano le vocazioni. Vogliono aver donne coi loro soldi. Perciò bisogna che ci siano magnaccia a procurargliele."
Questo brano sintetizza il modo in cui Bubù e tutti quelli come lui giustificano il loro essere dei delinquenti. Un pò nello stesso modo lo fanno anche le loro donne: sperdute, indifese e a loro modo innocenti. Neppure le botte, gli insulti o la sifilide sono in grado di fare capire loro che questa non è vivere e forse neppure sopravvivere. Comunque nel caso venisse loro qualche dubbio gli viene fatto passare a suon di ceffoni.
Un libro decisamente triste, che ci apre una finestra su una delle miserie del mondo ancora diffuse. Scritto in modo scorrevole, con capitoli brevi e pochi personaggi, quindi senza nessuna difficoltà a seguirne la trama. Anche quella semplice e con un finale piuttosto scontato, anche se realistico.
L'autore di questo libro è stato definito "il piccolo poeta delle fogne" mi sembra che questa defiinizione sia troppo lusinghiera per gli aguzzini di questa storia e per niente comprensiva nei confronti delle vittime. Non condivido, invece appioppare l'epiteto di poeta a chi in definitiva giustifica uno sfruttatore dando la colpa alla società o alla sua natura. Temo inoltre ci sia ben poco di poetico nella miseria, nella rinuncia o nel sentirsi talmente perdenti da non meritare niente di buono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Indipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri