Narrativa straniera Classici Casa Danesbury
 

Casa Danesbury Casa Danesbury

Casa Danesbury

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Pubblicata a Londra nel 1860, Casa Danesbury, di cui si offre qui la prima traduzione italiana, è l'opera di esordio di Ellen Wood. Il romanzo, che si inscrive nel genere sociale vittoriano, mostra già elementi della scrittura sensazionale che più tardi caratterizzerà la prosa woodiana. Eastborough, sede dell'importante Ferriera Danesbury, ha l'apparenza di una tranquilla cittadina ma nasconde, appena dietro la facciata di borghese perbenismo, un intreccio di drammi relazionali, alcolismo e iniquità sociali. La realtà più oscura e problematica si annida proprio dietro l'angolo, negli attraenti ma ingannevoli gin palaces. Dopo la tragica scomparsa della prima moglie, John Danesbury convola a seconde nozze con Eliza St. George, convinto di perseguire il bene dei figli. La nuova Mrs Danesbury stravolge gli equilibri della casa, rendendola scenario di conflitti e scontri continui, in cui i rapporti familiari si complicano fino a deteriorarsi. I giovani eredi Danesbury vedono le loro relazioni intrecciarsi progressivamente alla piaga dell'alcolismo che ne affligge in qualche modo l'esistenza. L'idea di saga familiare suggerita dal titolo cede il passo al conflitto, destabilizzando il modello vittoriano della "casa" come nucleo d'amore e della famiglia quale garanzia dell'ordine sociale. Narrando la storia di due generazioni, l'autrice incrocia i destini di padroni, amici e servitori e fa dell'inarrestabile avanzata del vizio la forza trainante del racconto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Casa Danesbury 2022-02-09 20:48:00 ALI77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    09 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I VITTORIANI E IL PROBLEMA DELL'ALCOLISMO

Casa Danesbury è stato scritto nel 1860 in soli ventotto giorni ed è stato il vincitore del concorso letterario alla quale la Wood partecipò e le fece guadagnare ben cento sterline.
Ellen Wood è la moglie dell'imprenditore Henry Wood hanno quattro figli e rappresenta la perfetta donna vittoriana dedita alla casa e alla sua famiglia.
Questo libro è il suo romanzo d'esordio e fu pubblicato con il nome di Mrs Henry Wood.
Nell'Ottocento era normale per una donna sposata assumere sia il nome che il cognome del marito, infatti lei stessa ha pubblicato i suoi romanzi con uno pseudonimo che altro che Henry Wood. La perdita del nome è un segno molto forte come se una donna sposata perdesse la propria "identità" per farsi rappresentare dal marito. Sembra però che il lavoro di scrittrice della Wood sia stato d'aiuto in una crisi finanziaria che colpì il marito e tutta la loro famiglia.
La Wood si crea una facciata di rispettabilità e nasconde le proprie idee, quello che è davvero il suo pensiero sulla società dell'epoca e sulle contraddizioni che c'erano, però le scrive nelle sue opere, ma mantenendo questo riserbo in un qual modo non viene attaccata e criticata.
Ellen Wood è una scrittrice di "sensation novel" un genere che abbina elementi tradizionali del romanzo a misteri e intrighi ambientati in situazioni famigliari al pubblico.
La storia ruota attorno alla famiglia Danesbury, Mr Danesbury dirige una fabbrica che lavora il ferro per produrre attrezzi e macchinari e la moglie Mrs Danesbury è una donna elegante e raffinata sui trent'anni e hanno tre figli: Arthur, Isabel e il piccolo William.
Tutto sembra trascorrere tranquillo fino a quando la balia di William Glisson invece di dare al bambino lo sciroppo per la tosse, confonde la bottiglia e gli dà del laudano.
Mrs Danesbury non era a casa in quel momento e la vanno subito a informare dell'accaduto, ma nel viaggio di ritorno la carrozza si rovescia e la donna muore.
C'è un elemento che lega i due eventi ed è l'alcol, Glisson era ubriaca e ha scambiato la medicina e Giles, l'uomo che doveva aprire il cancello per far passare la carrozza di Mrs Danesbury, aveva bevuto talmente tanto, che ha perso il controllo del cancello che ha colpito il cavallo e ha fatto rovesciare la carrozza.
L'alcolismo era uno dei grandi problemi dell'epoca vittoriana, era diffuso in tutte le classi, la situazione più drammatica era quella che colpiva i poveri e gli operai nei distretti industriali. Molti diffusi i pub che vendevano birra ma soprattutto i "gin palaces" che contribuirono alla diffusione del consumo degli alcolici.
Il gin placava la fame, scaldava dal freddo perenne di Londra ed era per le persone più povere una sorta di "evasione" dalla loro vita difficile e dalla frustrazione della loro condizione.
C'è anche da dire che l'alcool che veniva servito nei bassifondi londinesi, era ben diverso da quello che arrivava nelle tavole dei ricchi, era una bevanda che veniva mischiata ad altre sostanze che lo rendevano molto forte tanto da provocare bruciore alla gola e arrossamento agli occhi.
Il Beer Act del 1830, fu una legge che facilitò la concessione delle licenze incoraggiando ad aprire le birrerie e poi anche i gin palaces.
I bambini non bevevano acqua bensì birra, nelle prime pagine del romanzo quando prima di morire Mrs Danesbury si raccomanda con i figli maggiori di bere solo acqua, capiamo come il suo pensiero che per noi sia assolutamente normale ma per l'epoca era completamente sbagliato. La birra non rappresentava un pericolo per i bambini.
Le vicende della famiglia Danesbury continuano, vediamo il secondo matrimonio di Mr Danesbury con Miss Eliza St. George, la nascita di altri due figli e seguiamo la crescita di tutti e cinque i figli Danesbury.
Non solo, conosciamo anche come va avanti la vita di Glisson e degli altri domestici che lavorano per i Danesbury, ma anche la vita degli operai che spendevano tutto il loro stipendio per l'alcol e di come questa cosa peggiorava la situazione economica della loro famiglia.
Non solo uomini bevevano anche le donne, l'anno scorso leggendo "Le cinque donne" di Hallie Rubenhold (pubblicato dalla Neri Pozza la mia recensione la trovate qui) avevo già capito quanto fosse rilevante il problema dell'alcolismo.
L'alcol rovina anche la famiglia Danesbury, chi cederà alla tentazione ed eccederà con gli alcolici avrà una serie di problemi che non svelo per non fare troppi spoiler.
Arthur e Isabel sono i due personaggi che mi hanno colpito di più, soprattutto Arthur nella sua fermezza di animo, nella sua determinazione a mantenere la promessa fatta dalla madre di non bere alcol, ho apprezzato quanto l'autrice sia andata in profondità ad indagare anche nell'animo di queste persone fragili che sono state rovinate dal consumo eccessivo di alcol.
La situazione doveva essere sicuramente terribile, le condizioni di vita estreme e probabilmente il gin o la birra era una delle poche consolazioni che rimanevano a questa povera gente. Il governo poteva limitare il consumo eccessivo di alcol ma se inizialmente non l'ha fatto, dietro di certo c'erano degli interessi economici più importanti che però non possono giustificare la perdita di vita e della dignità di migliaia di persone, per me nulla può essere più importante di un essere umano.
Per cercare di rimediare a questo problema iniziarono a diffondersi qualche anno più tardi i "coffee houses" luoghi alternativi ai pub dedicati alla classe operaia, il tè o il caffè, grazie alla caffeina, aiutava la produttività e i ritmi di lavoro.
Ellen Wood costruisce una storia che appassiona, delinea i suoi personaggi in maniera impeccabile, crea fin dalle prime pagine un clima tale che non riesci a staccarti da questo libro. La vicenda narrata porta con sè molti colpi di scena, ma tutto rimane un po' prevedibile ma questo non mi è dispiaciuto perché attraverso le sue parole rivediamo proprio quegli anni difficili, quali problemi provocasse l'alcol e gli effetti drammatici che poteva causare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama l'epoca vittoriana e i suoi scrittori
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo
L'americano
Ritorno nel South Riding