Casa desolata Casa desolata

Casa desolata

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Scritto e pubblicato a dispense tra il 1852 ed il 1853, Casa Desolata è considerato uno dei primi esempi di detective stories. Storia e satira di una causa legale che si trascina da tempi immemorabili, con i litiganti in attesa di fortune che non arriveranno mai, di intrighi e di piste poliziesche, Bleak House è al contempo raffinata descrizione della società londinese di metà Ottocento e romanzo «nero»: sullo sfondo, morti misteriose, vecchie case decrepite, figli illegittimi, luridi vicoli di angiporto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Casa desolata 2018-03-23 19:50:05 Valerio91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    23 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Corte Desolata

Io ho una devozione per Charles Dickens che va aumentando di romanzo in romanzo, anche se quello appena letto non si rivela all'altezza di altri capolavori. Perché? Prima di tutto, Dickens è LO scrittore: eccelle in tutte quelle che sono le doti che uno di questi professionisti dovrebbe avere e che, soprattutto ai nostri tempi, sono un po' deficitarie. Oltre a fare un uso eccelso della lingua, della sintassi e di tutto quel che riguarda lo stile, Dickens riesce a imbastire meccanismi narrativi complessissimi e portarli a compimento con una maestria unica, senza mai lasciare nulla di irrisolto e, cosa importantissima, senza mai sacrificare l'essenza di un romanzo per regalare al lettore un lieto fine assoluto. Ma volete sapere qual è la cosa più bella di questo autore? I suoi personaggi, tra le pagine, prendono letteralmente vita! Non importa quanti ne siano (in "Casa Desolata" ne sono davvero tanti), nessuno è uguale a un altro, ognuno ha un suo ruolo e un suo carattere che buca le pagine, secondario o meno. Ed è così anche in "Casa Desolata".
Chiariamoci, "Casa Desolata" non scorre con piacevolezza né lascia quel segno indelebile come i suoi altri capolavori, come "Grandi Speranze", ma è comunque un libro bello e ricco. È molto chiaro il messaggio satirico che Dickens voleva rivolgere all'apparato giudiziario inglese, accusandolo la sua natura sconclusionata e i suoi attori dipinti come sanguisughe, che dilapidano il povero popolo che si affida nelle loro mani, speranzoso, ma che in realtà si infilerà in un circolo vizioso che non si risolve mai. Tuttavia, "Casa Desolata" non è soltanto una satira: è un'anticipazione del giallo che sorgerà definitivamente con Sherlock Holmes, è un romanzo pregno di sentimento, è un romanzo che non abbandona l'attenzione che Dickens ha sempre dato ai bambini.
In "Casa Desolata" c'è un po' di tutto, ma niente che non sia bello da leggere.

Risulta difficile riassumere gli eventi che questo romanzo contiene: sono talmente tanti e diversi tra loro (come i personaggi che ne sono protagonisti), che è difficile focalizzare l'attenzione su qualcuno in particolare. Protagonista assoluta di questa storia è sicuramente la causa legale "Jarndyce contro Jarndyce", processo legale riguardante una controversa eredità le cui discussioni si protraggono da anni e anni senza mai fare passi in avanti. Sarà proprio la causa il motore di questa storia, pur essendo l'unica cosa che non muterà mai, rimanendo sempre nella sua condizione di stallo. Intorno ad essa, tuttavia, ruotano tanti personaggi differenti: Ada e Richard, cugini che da questa causa dovrebbero ottenere la propria fortuna, ma che da essa troveranno soltanto l'amore che li legherà e la sofferenza legata al suo immobilismo; John Jarndyce, tutore dei due giovani, completamente disinteressato alla causa perché uno dei pochi ad essere consapevole che non porterà a nulla; Esther Summerson, governante della casa del tutore, appunto chiamata "Casa Desolata".
È Esther la vera protagonista (e voce narrante a capitoli alterni) di questa storia: detentrice di innumerevoli virtù, si farà amare da chiunque la incontri, facendosi fulcro di tantissimi eventi e spesso suo malgrado. Scopriremo cosa si cela dietro alle sue origini misteriose e cosa la lega a un'importantissima donna ammirata da tutto il "bel mondo", la altera Lady Dedlock.
Tra morti misteriose, appassionanti investigazioni, incontri improbabili e amori felici e tormentati, ci infileremo in un intricato labirinto di eventi che Dickens, con la sua arte, risolverà soltanto nelle ultime pagine, riuscendo a soddisfare ogni tipo di lettore. Un viaggio emozionante, che non scade mai nel banale e che non sacrifica mai sé stesso in nome dei lieti fini e della bellezza a tutti i costi.

"Rick, il mondo è davanti a te; ed è probabile che come tu ci entrerai, così sarai ricevuto. Non fidarti di nient'altro che della Provvidenza e dei tuoi sforzi. La costanza nell'amore è una buona cosa; ma non significa nulla e non è nulla senza la costanza in ogni sforzo. Se tu avessi la capacità di tutti i grandi uomini, passati e presenti, non potresti fare bene nulla senza volerlo sinceramente e senza adoperarti per riuscire. Se tu t'immagini che il vero successo, nelle cose grandi e piccole, si sia raggiunto o sarà mai raggiunto, strappandolo alla fortuna, lascia qui questa idea sbagliata o lascia qui la tua cugina Ada."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Casa desolata 2012-05-20 09:37:06 LittleDorrit
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    20 Mag, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un giallo vittoriano

Immaginiamoci di girare per le strade fangose di una Londra in novembre, con il fumo che scende dai comignoli neri e nebbia ovunque, talmente densa da poterla quasi toccare; in lontananza il tenue bagliore di qualche luce a gas che arde nelle piccole botteghe e, sullo sfondo, un Tamigi che scorre monotono e nero lavando tutto il male di una città dai mille segreti.
Una volta calati in questa atmosfera è difficile staccarsi da questo splendido romanzo, sicuramente uno dei migliori del grande scrittore inglese. Casa desolata, Bleak house è il titolo originale, è uno dei primi esempi di detective stories. Il romanzo è un enorme contenitore di modi di vivere, caratteri, situazioni, complicazioni, descrizioni accurate di ambienti e il tutto si sviluppa intorno a pochi personaggi principali circondati da numerose comparse, come nello stile tipico di Dickens. Essi intrecciano le loro vite con una causa legale che si trascina dalla notte dei tempi portandosi dietro fortune e sfortune di ogni singolo personaggio che viene malauguratamente in contatto con essa. Riassumere il romanzo è un'impresa impossibile, tante sono le storie nella storia. Posso solo dire che Dickens riesce a mettere in risalto le luci e le ombre del bel mondo dell'epoca fatto di corruzioni ed ipocrisie, di segreti inconfessabili e uscite notturne lontano da sguardi indiscreti; traccia un profilo accurato della corte di giustizia inglese, carente e superficiale tanto da rappresentare un vero e proprio cancro per la società; ritrae con mano esperta figure di donne diverse, bambini abbandonati, uomini doppiogiochisti, quartieri malfamati, botteghe dalle mille cianfrusaglia e storie d'amore. Una di queste è tra due giovani protagonisti e verrà infettata dall'avidità e dalle troppe speranze riposte. Il romanzo è un giallo nel giallo ma anche satira contro le ingiustizie. Nabokov, nel saggio d'introduzione al romanzo, ci invita a rilassarci e a lasciare che sia la spina dorsale a prendere il sopravvento.Benchè si legga con la mente, la sede del piacere artistico è tra le scapole. Quel piccolo brivido che sentiamo è certamente la forma più alta di emozione che l'umanità abbia raggiunto. Leggere Dickens ci dà quel brivido e ci fa vivere un vero e proprio viaggio a ritroso nel tempo, in un'epoca dalle mille sfaccettature dove tutto quello che appare non è mai ciò che sembra. Consigliatissimo!!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
classici dell'epoca vittoriana e gialli di Conan Doyle
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri