Narrativa straniera Classici I cosacchi e altri racconti
 

I cosacchi e altri racconti I cosacchi e altri racconti

I cosacchi e altri racconti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

I Cosacchi e I due ussari hanno le loro radici nell'esperienza militare del giovane Tolstoj e portano in primo piano la polemica nei confronti degli ufficiali, avidi e fiacchi, di fronte ai soldati, vera forza di qualsiasi esercito. Con Polikuska e Cholstomer Tolstoj afferma la sua passione per storie "popolari". Invece Memorie di un pazzo rievoca un episodio autobiografico; Tre morti è una sorta di parabola di limpido contenuto morale: muoiono una ricca signora, un contadino e un albero. Tormantata la morte della donna, serena quella del contadino, perfettamente armonica quella dell'albero. È questa una delle grandi lezioni che spira nelle pagine del Tolstoj maturo: dobbiamo imparare ad ascoltare la natura, a riprodurre nelle nostre vite il suo ritmo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I cosacchi e altri racconti 2017-04-27 06:59:01 Belmi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    27 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tanto Tolstoj in questi racconti

“I Cosacchi e altri racconti” è un volume composto da sei racconti. In ognuno di essi Tolstoj mette molto della sua vita e del suo pensiero.

Iniziando dai Cosacchi, è davvero riduttivo definirlo un racconto visto che conta ben 180 pagine, lo potremmo considerare un romanzo breve. Qui viene raccontata la vita dei Cosacchi “Un buon cosacco sfoggia la conoscenza della lingua tatara e, se fa baldoria, parla in tataro anche con suo fratello. Ciononostante, questo piccolo popolo cristiano, ficcato in un angolo della terra, circondato da stirpi maomettane semiselvagge e da soldati, si considera ad un alto grado di sviluppo e ritiene uomo solo un cosacco; guarda tutti gli altri con disprezzo” e di Olenin “Più Olenin si allontanava dal centro della Russia, più sembravano lontani da lui tutti i suoi ricordi, e più si avvicinava al Caucaso, più la sua anima si rallegrava”.

Con questo e con “Due ussari”, Tolstoj racconta fra le righe la sua esperienza come militare e la polemica nei confronti degli ufficiali. Di come un viaggio nella natura e lontano dalla città possa far capire i veri piaceri della vita “Se solo mi si presentano al posto della mia chata, del mio bosco e del mio amore quei salotti, quelle donne con i capelli impomatati sopra gli altrui boccoli messi sotto, quelle labbra che si muovono con affettazione, quelle deboli membra nascoste e deformi e quel mormorio dei salotti, costretto ad essere una conversazione e che non ha alcun diritto di esserlo, - provo una nausea intollerabile” e nel caso dei Cosacchi, del fascino di questo popolo e delle sue tradizioni, in particolare le donne che nella società ricoprono un ruolo fondamentale.

Le tradizioni popolari si possono ritrovare anche in altri due racconti, per la precisione in “Polikuska” e “Cholstomer”. Nel primo si evidenziano le dure condizioni di vita del popolo russo e della diffidenza nei confronti dello stato durante il reclutamento. Nel secondo, primeggia l’amore per i cavalli e la facilità con cui l’autore ne racconta ogni minimo dettaglio rende comprensibile il fatto che abbia davvero passato tanto tempo ad osservarli.

Con “Memorie di un pazzo, Tolstoj gioca con la coscienza del suo protagonista e come questa possa risvegliarsi, “Mi sentii un infame. Dissi che non potevo comprare quel fondo, perché la nostra convenienza sarebbe stata basata sulla povertà e il dolore di altre persone. Lo dissi, e improvvisamente mi illuminò la verità di ciò che avevo detto”.

Infine i “Tre morti”, in una manciata di pagine l’autore riproduce una parabola della vita che non può lasciare indifferenti.

Un volume che consiglio vivamente sia agli amanti di Tolstoj, sia a chi volesse avvicinarsi a quest’autore, questa serie di racconti mi sembra l’ideale per immergersi nel mondo russo e in tutto quello che un giovane Tolstoj aveva voglia di raccontare.

Intensi, significativi e semplicemente splendidi, una raccolta che merita almeno una lettura.

Buona lettura!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Memorie di un cacciatore
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri