Narrativa straniera Classici Il signore di Ballantrae
 

Il signore di Ballantrae Il signore di Ballantrae

Il signore di Ballantrae

Letteratura straniera

Classificazione

Questo romanzo di Stevenson risale al 1888 e mette in risalto le crude e a volte spietate pieghe emotive, sociali e storiche di un conflitto tra fratelli nel periodo dell'insurrezione giacobita. A metà tra l'opera storica e la narrativa pura, è la storia di due nobili scozzesi, fratelli, la cui famiglia intorno al 1745 vive una drammatica e insanabile frattura ideologica e politica. Una trama che si gonfia di pathos, uno stile gotico che sfocia addirittura nel macabro, con tutti gli ingrendienti classici della prosa stevensoniana: viaggi esotici, avventure sui mari, guerre dinastiche. Il signore di Ballantrae continua a comparire davanti agli occhi del fratello più giovane, trasformando un piccolo risentimento in un odio irreversibile. All'interno - come in tutti i volumi Fermento - gli "Indicatori" per consentire al lettore un agevole viaggio dentro il libro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il signore di Ballantrae 2018-08-29 14:48:18 Niki
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Niki Opinione inserita da Niki    29 Agosto, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

avventura e dualismo

Questo romanzo contiene i due elementi predominanti della letteratura stevensoniana: l'avventura e il dualismo insito nell'essere umano. L'avventura è incarnata da James Durrisdeer, uomo attivo, pericoloso, intelligente, giramondo, dall'esistenza sempre al limite che, per buona parte del romanzo, incarna il male assoluto. A contrasto, il fratello Henry è paziente, passivo, tradizionalista e stanziale: il 'buono'. Impossibile, per i due, divisi su ogni fronte, trovare un terreno comune e la loro lotta si protrarrà sino alle estreme conseguenze. Testimone di questo duello psicologico è il fido Mackellar, personaggio senza una vita propria che dedica la sua esistenza, con immutabile dedizione, a lord Henry. È lui che riporta la tragedia e che assume spesso il ruolo di coscienza dei vari personaggi non solo dei due fratelli ma anche del padre e della moglie di Henry. Nel corso della vicenda che annovera pirati, tesori, misteriosi servitori Indu, fuorilegge senza scrupoli e molti elementi tipici dei romanzi di avventura, si assiste alla disgregazione psichica e fisica di Henry a cui non servirà fuggire in America né commissionare l'assassino del fratello, per liberarsene. Nel contempo, la figura di James diventa sempre più interessante e umana tanto da conquistare anche il cuore votato alla fedeltà dell'integerrimo Mackellar.
Un bel romanzo che non spiega nulla e lascia libero campo alle azioni dei personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il signore di Ballantrae 2015-10-06 16:59:58 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    06 Ottobre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il fraterno odio

“(...) anche nella menzogna più abilmente costruita, vi è sempre un punto debole, se lo si sa colpire, che fa crollare tutta la costruzione; e se, grazie a quel colpo felice, non avessimo incrinato il piedistallo dell'idolo, cosa sarebbe stato di noi al momento della catastrofe?”

L'odio viscerale, inestinguibile, incontrollato, che marchia le vite, dà loro una direzione diversa da quella che avrebbero potuto avere, le sacrifica.
Un odio che sembra nascere per caso, con il lancio di una moneta: essa rotea per aria, più volte e più volte, e ricade nella mano da cui è partita, quella di James, signore di Ballantrae, primogenito della nobile famiglia scozzese dei Duries. Suo fratello Henry, sua moglie Katharine e il vecchio lord Duries – gli altri superstiti di una stirpe secolare – sembrano quasi presagire tutto il male che verrà da quello scherzo del caso.
Sarebbe toccato ad Henry, in quanto secondogenito, partire per la guerra, rappresentare la famiglia nelle truppe di re George; invece James, spavaldo ed impetuoso, con quella “sfida” al fratello scompagina un destino già tracciato. Per mezzo di quella stessa moneta che miss Katherine, con un gesto di stizza, lancia attraverso il vetro di una finestra, mandandola in frantumi. Ulteriore presagio di sfortuna. Che avrà il suo logico epilogo quando, nella tenuta dei Duries, giungerà la notizia della morte di James in battaglia.
Passano gli anni. Il dolore pian piano sembra sopirsi. Il vecchio lord Duries intende sistemare ogni pendenza quando prepara le nozze della vedova con il proprio figlio superstite, Henry: ciò anche per contrastare quella maldicenza di paese che, dopo la morte di James, si è rivoltata contro l'incolpevole fratello.
Quando tutto sembra incanalato verso una nuova strada, nel castello di Durisdeer riappare il signore di Ballantrae, vivo e vegeto, pronto a rivendicare la sua parte di patrimonio ed a dare, per questo, dell'usurpatore (di titoli e denari) al fratello.
E' l'inizio di una disputa infinita, fatta di veleni, infamie, fughe e ritorni, duelli a fil di spada...

Una storia di avversione profonda ed inesauribile, ambientata da Robert Louis Stevenson nella Scozia del diciottesimo secolo.
L'autore sceglie di raccontarla attraverso un quinto personaggio, memorabile al pari degli altri protagonisti della vicenda: il buon Mackellar, servo del signorotto Henry, a lui talmente fedele da soffrire della sua sofferenza, destinato a diventare il “contatto” (e nello stesso tempo lo “schermo”) tra i due fratelli.
Al racconto del servitore si alternano quelli di altri personaggi minori, incentrati in particolare sulle peripezie di James di Ballantrae in quei mondi esotici e lontani che egli batte nei periodi di assenza dal castello di Durisdeer (mondi che, come in Emilio Salgari, appaiono spesso nelle opere di Stevenson).
Il punto di forza della storia è senza dubbio nella fine descrizione psicologica dei personaggi (e in particolare dell'involuzione dei due fratelli verso un odio sempre più accanito). E' proprio questo elemento a permettere di collocare il libro in commento tra “Lo strano caso del dottor Jekyll e mister Hyde” e romanzi avventurosi come “L'isola del tesoro” e “La freccia nera”. Stupisce che, a differenza di questi titoli, “Il signore di Ballantrae” non sia conosciuto e citato allo stesso modo quando si parla di Robert Louis Stevenson.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i classici di R.L. Stevenson, i libri di Salgari... "I duellanti".
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri