Narrativa straniera Classici La bella Cassandra
 

La bella Cassandra La bella Cassandra

La bella Cassandra

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

"La bella Cassandra" (1787), che per ironia condivide il nome con la maggiore delle sorelle Austen, è una giovane donna che si lancia nel mondo per fare fortuna e la cui storia, convenzionale fino al parossismo, si trasforma in una parodia dei romanzi sentimentali e gotici molto apprezzati all'epoca.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bella Cassandra 2020-10-23 15:07:58 archeomari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    23 Ottobre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scherzi giovanili

Curiosissima e brevissima raccolta di racconti giovanili di Jane Austen, testimonianza di una precoce e pungente ironia che con gli anni si è poi smussata.
Scopo dei racconti è quello di divertire la famiglia, ed in effetti, "La bella Cassandra", primo racconto, diviso in dodici capitoli flash - e con "flash", voglio dire che ogni capitolo conta di una manciata di righe - riprende, nel nome Cassandra, quello della sorella maggiore di Jane.
"Dedicati a Miss Austen con il suo permesso" la raccolta rivela la vena irriverente e divertita con cui la giovane Austen vedeva la vita, gestiva i suoi rapporti con il mondo esterno attraverso il filtro della letteratura.
Giovani donne che strizzano l'occhio alla bottiglia di vino oppure che rose dall'invidia avvelenano la fanciulla più bella della corte, patricide e matricide che tra un assassinio ed un altro vengono baciate dalla fortuna (ma guarda!) e riescono a sposare subdoli ereditieri.
La prosa è già quella inconfondibile, scorrevole e cristallina della Austen dei grandi romanzi, ma con un pizzico di vetriolo in più.
Da sorseggiare con calma davanti ad una tazza di tè caldo, il libriccino si beve in meno di un'ora.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri libri di Jane Austen
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove le ragioni finiscono
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri