Narrativa straniera Classici Mio carissimo rospo
 

Mio carissimo rospo Mio carissimo rospo

Mio carissimo rospo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

In questa raccolta sono state scelte alcune delle lettere che Virginia Woolf scrisse dal 1888 al 1900. Sono gli anni che vanno da un'infanzia di divertimenti domestici a una prima adolescenza di terribili lutti, come quello della madre, fino al compimento dei suoi diciotto anni, che coinciderà con una nuova stagione di conoscenze, tra cui Clive Bell e Lytton Strachey. Ma prima del Bloomsbury Group, Virginia aveva già un suo mondo popolato da personaggi memorabili, che ravvivano queste lettere tra dibattiti entomologici, scorci delle strade di Londra, marmellate fatte in casa, lezioni di greco e gite in campagna. Sono brani veloci e brillanti, che illuminano dettagli concreti della sua vita e mettono già in mostra quello che lei stessa chiamerà "il mio stile brusco e mordente", fatto di pettegolezzi, commenti e scherzi bonari, inclusi fantasiosi soprannomi come il Carissimo Rospo dedicato alla cugina Emma.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mio carissimo rospo 2016-05-18 07:56:08 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Mag, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una Virginia tutta da scoprire

Pubblicata da Elliot nella collana Lampi, “Mio carissimo rospo” è una raccolta di missive scritte dal 1888 al 1900 da Virginia Stephen di poi Woolf, un insieme cioè di lettere redatte in un periodo che va dall’infanzia (la prima è infatti stesa all’età di appena 6 anni) sino all’adolescenza della protagonista (le ultime vedono una donna diciottenne, adulta e profondamente mutata). Figlia di un eminente storico vittoriano, per l’inglese essenziale era registrare la realtà, e quale modo migliore per celebrare gli avvenimenti, per ricordarli se non la scrittura? A questa indole già di per sé tendente alla letteratura si aggiunge il clima familiare caratterizzato dal crescere con una parentela numerosa e a sua volta creativa, nucleo che seppur ricco di perdite premature e presenze ingombranti, contribuirà a cristallizzare l’originalità del pensiero della Woolf.
Peculiarità di queste corrispondenze epistolari è sicuramente la grande vitalità di cui le stesse sono intrise e che chiaramente rimandano a quello che è di fatto l’atteggiamento ribelle e canzonatorio che gli amanti dell’ideatrice hanno potuto (e possono) riscontrare nell’Orlando. Altro carattere significativo è quello di assegnare ad ogni destinatario un soprannome, generalmente corrispondente ad un animale. La stessa Virginia è solita firmarsi con l’appellativo Capra e chiamare la cara Emma rospo, la sorella Vanessa (Nessa) cane da pastore, e il fratello Thoby, scomparso prima del tempo e reso immortale dalla figura di Jacob, procione.
Il romanzo epistolare ha un significato essenziale non solo per la ragazza ma anche per l’epoca di riferimento. Per la Stephen è infatti il mezzo con il quale prende forma l’ingegno e la passione per la redazione, per il romanzo borghese di fine ottocento rappresenta al contrario il primo strumento con cui esprimere liberamente il proprio pensiero, con cui manifestare la propria intimità pur mantenendo il rispetto per la solitudine e per la rigida forma imposta dai costumi del tempo.
Non solo, leggere le parole della narratrice permette di entrare nel concreto nel suo universo, è come essere lei, è come appartenere alla sua sfera emotiva. E’ una Virginia diversa da quella che siamo soliti immaginare, quella che si apre al lettore nello scorrere di queste pagine, è una donna che amava giocare a cricket, che andava a caccia di insetti, che ascoltava le poesie declamate dal padre, che guadava i fiumi sollevandosi le sottane, che prendeva in giro i giovanotti pomposi, e che si sganciava le calze e le vesti per fronteggiare il calore della stagione.

«Non hai mai visto il cielo finché non hai vissuto qui. Abbiamo cessato di essere abitanti della terra. Siamo davvero fatte di nuvole. Siamo mistiche e sognanti, e suoniamo fughe all’harmonium» p. 75

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo