The returned The returned

The returned

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Per Harold e Lucille Hargrave la vita è stata felice e amara allo stesso tempo, da quando hanno perso il figlio Jacob il giorno del suo ottavo compleanno, nel 1966. In tutti questi anni, si sono adattati a una vita tranquilla, senza di lui, lasciando che il tempo alleviasse il dolore... Finché un giorno Jacob, il loro dolce, prezioso bambino, misteriosamente, ricompare alla loro porta, in carne e ossa. E ha ancora otto anni. Qualcosa di strano sta succedendo... i morti stanno tornando dall’aldilà. Mentre il caos rischia di travolgere il mondo intero, la famiglia Hargrave di nuovo riunita si ritrova al centro di una comunità sull'orlo del collasso, costretta a fare i conti con una realtà nuova quanto misteriosa e con un conflitto che minaccia di sovvertire il significato stesso di genere umano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
The returned 2014-12-05 16:05:20 Christy Unbuonlibro
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Christy Unbuonlibro Opinione inserita da Christy Unbuonlibro    05 Dicembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ottimo esordio

The Returned è uno di quei libri che quando finisci di leggere, ti fa pensare a mille domande sulla vita e sull'esistenza. E' un libro diverso dal solito, molto originale che nonostante racconti una storia molto fantasiosa, contiene degli aspetti toccanti e che arrivano al cuore del lettore.



Tutti abbiamo pensato almeno una volta nella vita di voler rivedere un nostro caro che ci ha lasciato e siamo sempre stati curiosi di sapere cosa c'è al di là della vita. Jason Mott ha pensato, dopo un sogno, di aprire il suo cuore e di scrivere nero su bianco le sue sensazioni, i suoi desideri, creando una storia magica e inverosimile.
The returned da la possibilità di chiedersi se valga davvero la pena rivedere una persona che non c'è più e del quale, vuoi o no, hai imparato a fare a meno, a dimenticarlo e ad andare avanti.
Jacob Hargrave era un bambino di appena otto anni, che morì nel 1966 annegato in un fiume, ma adesso per qualche strano motivo è ritornato sulla terra e ha la possibilità di rivedere nuovamente i suoi genitori. Lucille e Harold Hargrave, sono ormai anziani e non ricordano neanche più cosa significhi fare il genitore, quando Jacob arriva alla loro porta la loro vita cambierà ancora una volta, come tanti anni prima quando il loro unico figlio morì. Ma davvero quel bambino è il loro figlio? Può essere considerato un essere umano?
La vita non cambia solo per i protagonisti, in tutto il mondo iniziano ad apparire i Redivivi e aumentano pericolosamente. Quando finirà tutto questo? Ancora peggiore è il fatto che essi si risvegliano in luoghi lontani dalla loro casa e arrivarci e rivedere i propri familiari è sempre più difficile, a causa del governo che sta iniziando a rinchiuderli.
Intanto la famiglia Hargrave ha a che fare con nuovi problemi legati alla ricomparsa di Jacob. Pian piano i due genitori si renderanno conto che quello non è veramente il loro bambino, non è più come prima,
nonostante sia identico.
I protagonisti dell'intera storia sono Harold, Lucille e Jacob Hargrave, ma ogni loro capitolo si alterna con un capitolo dedicato completamente ad un Redivivo, che racconta il suo risveglio.


L'autore ha un modo di scrivere molto delicato, che rende la lettura molto leggera nonostante la tematica trattata. E' un libro che si può leggere velocemente perché ogni pagina che si legge diventa sempre più interessante e riesce ad attirare l'attenzione del lettore, durante tutta la storia senti che c'è qualcosa che sta per accadere, senti aumentare la tensione e sei costretto a portare a termine il libro per scoprire cosa accade. La storia va contro ogni scienza, ma racconta un'esperienza che tutti vorremmo vivere prima o poi. Il lettore vedrà l'intera vicenda da diversi punti di vista e potrà farsi un proprio giudizio sulla questione.
Un libro che forse non piacerà a tanti di voi, ma a me è piaciuto e anche molto. Nonostante racconti la storia molto velocemente, io sono riuscita a gustarmi ogni pagina e ho anche apprezzato il finale un po' incompleto. Ho amato tanto le riflessioni dei personaggi, frasi che fanno riflettere. Consigliato a coloro che sono curiosi di sapere come sarebbe poter rivedere i propri cari defunti!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
The returned 2013-11-23 21:44:21 Lady Aileen
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    23 Novembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mi aspettavo altro

The retoruned racconta la storia di una coppia che 50 anni prima aveva perso il proprio figlio e un bel giorno se lo ritrovano davanti casa, esattamente della stessa età di quando è morto. Il problema è che non è l'unico morto ad essere tornato in vita e questo comincia a spaventare l'intera popolazione umana. Alla storia della coppia (la principale), s'intrecciano altre storie di persone ritornate misteriosamente in vita.
Prima di leggere il romanzo, sono usciti dei brevi racconti in cui vengono presentati i primi casi di Redivivi (così chiamate le persone che sono ritornate).
Se state pensando ad una storia piena di tensione, di paura o al classico romanzo paranormale con una storia d'amore mi dispiace ma non è così, si tratta, invece, di un romanzo incentrato solo ed esclusivamente sul tema della perdita di una persona cara e i comportamenti e le emozioni verso di essa se tornasse in vita (l'autore evita di concentrarsi sulle spiegazioni scientifiche o paranormali della vicenda).
La trama si concentra sulle reazioni dello Stato, della Chiesa e dei cittadini: chi vuole che siano trattati come i "vivi", chi ne ha paura, chi invece vuole liberarsene rinchiudendoli in posti simili a campi di concentramento.
I personaggi, seppur interessanti, non mi hanno trasmesso grandi emozioni. Anche l'idea di aggiungere di tanto in tanto storie di altri redivivi non hanno migliorato la situazione, anzi, erano decisamente inutili in alcuni casi e rendevano il romanzo lento.
Le premesse ero buone ma sono rimasta un po' delusa. E' decisamente un romanzo che lascia tante domande e poche risposte ma l'autore aveva ben altre cose in mente (la nota finale spiega tutto).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
The returned 2013-11-21 14:52:58 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    21 Novembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una seconda opportunità emozionale

Non è propriamente un romanzo che segue la scia della moda del momento, quella dei libri con gli zombie, come protagonisti che, a volte, sono una calamità apocalittica, a volte, riescono poeticamente anche ad innamorarsi, risultando poco credibili.
Nel romanzo di Jason Mott, non ci sono né zombie famelici né quelli innamorati, ma persone morte che ritornano, ossia Redivivi.
Però, non tutti tornano.
All’inizio ne tornano solo alcuni, come, ad esempio, Jakob, il figlio di Harold e Lucilie Hargrave, morto cinquant’anni prima. Il misterioso fenomeno si incrementa e si sviluppa in tutto il mondo, senza un’apparente logica. A indagare è l’agente del Bureau, Martin Bellamy, colui che accompagna i Redivivi alle famiglie ed effettua colloqui, per comprenderne cause ed effetti.
In The Returned si indaga l’animo umano in un momento di crisi che sfocia in scenari da pericolo apocalittico. Quindi, non ci sono zombie fra le pagine, ma esseri umani che ritornano per dare una seconda occasione a coloro che hanno abbandonato, un’occasione per provare di nuovo l’amore o per fare i conti con il passato.
Ci si interroga intimamente, mentre si legge questo innovativo e originale romanzo psicologico.
Tutti abbiamo perso, in un modo o nell’altro, qualcuno. Tutti vorremmo poter avere quelle persone care nuovamente nelle nostre vite e cosa faremmo, se questo fosse possibile?
Questo è l’interrogativo principale alla base del romanzo di Jason Mott. Lui stesso ha provato la perdita e ha deciso di identificarsi in uno dei suoi personaggi per scandagliare le possibili scelte e reazioni dell’animo umano. Ha voluto concedersi una seconda opportunità ed ha offerto la possibilità di viverla, insieme a lui, anche al suo lettore, che affianca i protagonisti e si vede agire con loro.
Come ci si potrebbe sentire se questo evento miracoloso dovesse verificarsi? Ce lo dice uno dei personaggi di Jason Mott: “Mi sento meglio di quanto non mi sentissi da anni. Mi sento completo. Appagato. Come se tutta la mia vita fosse come è giusto che sia.”
Tante sono le storie, nei brevi capitoletti intermedi, che non rallentano la narrazione, ma ne dilatano le prospettive. Tante sono le vite portate all’attenzione del lettore per scrutarne il dramma esistenziale, che non è soltanto per chi vede i Redivivi tornare, ma anche per gli stessi ritornati, non esseri, ma persone confuse che faticano a riprendere da dove avevano lasciato e a trovare il loro posto nel mondo.
Chi è stato amato un tempo, ha la possibilità di tornare indietro, però, deve subire tutto ciò che è accaduto durante la sua essenza, quando chi è rimasto ha dovuto affrontare il dolore e trovare un modo per superarlo, continuando a vivere.
Ci si interroga sulle questioni religiose, che potrebbero aver provocato il ritorno dei Redivivi. Ci si chiede se è un miracolo o se è arrivata la fine del mondo, proclamata nel libro dell’apocalisse e se tutti i misteri saranno davvero svelati.
Davanti ad eventi stranianti di questa portata, nel suo stupefacente romanzo, Jason Mott ha provato a ipotizzarne gli effetti sul genere umano, scrivendo una storia avvincente, che commuove, ma tiene anche sulle spine per le vicende personali dei personaggi, con una prosa elegante, coinvolgente, appassionante e, soprattutto, profondamente intima e psicologica.

“Quando nessuno rispose, fu come se l’universo avesse, in modo definitivo, avallato tutto quello che lui aveva progettato di fare. Lui aveva dato all’universo una possibilità di fargli cambiare idea, e in cambio l’universo gli aveva dato solo il silenzio di una casa vuota.”

Questo romanzo d’esordio, uscito in contemporanea in tutto il mondo, è alla base della serie tv americana Resurrection, ambientata, come il romanzo, ad Arcadia, una cittadina del Missouri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
The returned 2013-11-15 18:24:29 Ery89
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ery89 Opinione inserita da Ery89    15 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo intenso che ti pone le domande giuste..

Potrei soffermarmi nello spiegare come questo libro sia scorrevole, espressivo o di come il nome Arcadia per la città sia poco adatto a questa storia e più a un videogioco ma ritengo di non essere abbastanza competente per giudicare la parte tecnica di questo romanzo. Mi sento invece di poter valutare la parte espressiva, le emozioni e il piacere che ho provato nel leggere il romanzo.
Inizio dicendo che mi è piaciuto molto questo libro, Jason Mott probabilmente voleva solo raccontare una storia ma io leggendo “The returned” sono andata oltre, ho pensato alla mia vita, ai miei cari e alle mie possibili reazioni. Per mia sfortuna ho perso alcune persone a me care: sono mancati mio nonno e mia nonna. Mio nonno è mancato quando io avevo solo due anni e non ho ricordi di lui. Sono a conoscenza di fatti accaduti perché mi sono stati raccontati da altri, possiedo foto dove mi vedo in braccio a lui sorridente con quel sorriso di una bambina di due anni a cui manca un dente ma io effettivamente ricordi veri di lui non ne ho. Questo è stata un po' la mia fortuna (so che è brutto da dire ma è la verità) perché mi ha permesso di continuare tranquillamente la mia vita senza provare tanto dolore per la perdita perché sono cresciuta sapendo che era normale avere un nonno e due nonne perché da che ricordo io è sempre stato così. Non ho nessun oggetto, nessun suono, odore o luogo che mi faccia ricordare lui. Questo non vuol dire che io non ci stia male, che io non ne senta la mancanza o che io non abbia chiesto a qualche divinità perché io non ho un nonno. Semplicemente non avendo nessun ricordo riesco a convivere con la sua assenza.
Per quanto riguarda mia nonna invece la questione è diversa perché è scomparsa che io avevo 15 anni. Con lei ho vissuto molti anni e ho moltissimi ricordi di momenti passati insieme che mi è difficile dimenticare, come per esempio il pacchetto di chewing gum che mi metteva sotto il sacchetto del pane così quando io l'andavo a trovare potevo prendermelo. Con mia nonna ho fatto più fatica al momento della sua morte, i suoi funerali mi hanno un po' scioccato. Forse ero troppo piccola per parteciparvi, infatti nessuno era d'accordo, ma io ho insistito perché dovevo vedere con i miei occhi. Ormai sono passati anni, io sono andata avanti con la mia vita ma un pensiero a lei ho continuato e continuerò sempre a farlo. Questo libro mi ha fatto pensare ai miei nonni e a quanto mi piacerebbe poter incontrare anche solo per un giorno il mio nonnino per poter imprimere nella mia testa qualche momento condiviso insieme, o poter riabbracciare la mia nonnina che aveva sempre quel profumo di pane... un solo giorno mi sarebbe sufficiente, ma sono sicura che mi accontenterei anche di un solo secondo.
Chiedo scusa se mi sono dilungata troppo, ma mi serviva per farvi capire quanto un semplice libro sia riuscito a smuovere qualcosa dentro di me.

Di questo romanzo se ne è parlato molto nel web e in America è già diventato famoso, c'è chi lo ha catalogato come Horror e chi come me Paranormale ma io credo che non sia nessuno delle due cose, penso che sia di più. Dalla trama e dai tre prequel si capisce che il tema trattato sono i Redivivi: persone morte che a distanza di anni tornano in vita. È proprio attorno a questo argomento che gira tutto il romanzo, il mondo è nel caos per via di tutti questi ritorni dall'aldilà, non si sa come, non si sa il perché, il dove ne il quando. Sia la chiesa che il governo non sanno dare una spiegazione, entrambi chiedono al popolo di stare tranquilli e di avere pazienza.
Pazienza, questa è una grande parola che a volte è difficile da impiegare. Come reagirebbe la gente se un loro caro tornasse in vita? Io cosa farei se mi trovassi di fronte i miei nonni? Molte domande vengono sollevate da questo libro, l'autore è riuscito a mostrarci differenti reazioni esponendoci oltre alla storia principale le avventure di altri Redivivi.


SPOILER
Nel caso dei protagonisti principali abbiamo un padre che non riesce ad accettare il ritorno del proprio figlio. Infatti sovente nel libro ci viene raccontato di come lui fatichi a considerare il Redivivo suo figlio perché anni addietro suo figlio era quel corpicino freddo e rigido, privo di vita che stringeva tra le braccia. Però allo stesso tempo si trova combattuto perché quando sente il calore del Redivivo, il suo odore, la sua voce capisce che appartengono ad una sola persona: suo figlio. Dall'altra parte abbiamo una donna che non ha mai smesso di fare la mamma e che come vede suo figlio tornato in vita benedice Dio per il miracolo avvenuto e lo accetta in casa.

Come avete capito i protagonisti principali sono 3:
Jaccob William Hangrave, un bambino di otto anni morto il 15 agosto 1966 e tornato in vita dopo più di 50 anni.

“...piccolo, pallido, lentigginoso, coi capelli castani. Indossava una maglietta un po' datata, un paio di jeans e aveva un'espressione di infinito sollievo negli occhi. Occhi che non erano più morti e sbarrati, ma vibranti di vita e orlati di lacrime...”


Harold Nathaniel Hargrave, un uomo di poche parole, fumatore e poco incline al dialogo e alla socializzazione.

“...pochi capelli. Pelle chiazzata di scuro. Grandi orecchie grinzose vestiti che sembravano cadergli di dosso... non c'erano dubbi in merito: era vecchio...”


Lucille Abigail Daniels/Hargrave, una donna religiosa molto attaccata alla sua fede in Dio che non riesce e non può stare ferma a non fare niente.

“...lei era sempre stata il tipo di donna che fa quello che le dicono di fare. Era stata sopratutto la Bibbia a guidarla nelle varie circostanze della vita. Le aveva detto come comportarsi da bambina. Era stata il suo riferimento quando in lei era sbocciata l'adolescenza... dopo il matrimonio, la sua Bibbia era stata ancora li a guidarla e lei l'aveva trovata sempre piena di risposte...”


Questa famiglia viene sconvolta dal dolore per la perdita del loro figlio, Harold e Lucille tentano di raccogliere i cocci e andare avanti giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, anno dopo anno fino ad arrivare ad una pace interiore dettata quasi dalla mancanza di memoria e dalla routine di aggirare il problema.

“...gli oltre cinquant'anni che erano passati da allora erano stati contaminati da un singolare tipo di solitudine, una solitudine priva di fatto che si presentava non invitata e iniziava conversazioni poco appropriate al pranzo domenicale. Una solitudine a cui loro raramente accennavano. Ci giravano attorno trattenendo il fiato, giorno dopo giorno, come se fosse un fungo atomico, in scala ridotta ma
minaccioso e terrificante quanto l'originale...”
SPOILER

Ecco come la famiglia Hargrave affronta la situazione ma penso che ogni persona debba seguire il proprio istinto e non c'è un modo giusto o uno sbagliato, c'è solo Il modo. L'importante è superare il dolore e andare avanti.
L'autore è riuscito a spiegare tutto questo e molto di più senza mai cadere nel noioso o nel ripetitivo. Ha impiegato molte parole e pagine per spiegare tutto nei minimi particolari in modo che rimanesse ben impresso nella mente del lettore.
Ho scelto con molta cura le parole perché voglio invogliare le persone che leggono questa recensione a fiondarsi il 19 novembre a comprare il libro. La mia scelta è nata dal fatto che vorrei che trasparisse bene che questo non è un romanzo horror sugli zombi ma un romanzo che parla di persone in carne e ossa che tornano dall'aldilà per ricongiungersi con le persone amate per avere una seconda possibilità.
Quindi chiedo a voi, come reagireste se vi trovaste di fronte un vostro caro mancato tempo fa?





Devo fare una confessione, ho scritto questa recensione a poco più della metà del libro, non avevo ancora finito di leggerlo (giuro non scherzo) ma mi era venuta una folgorazione e ho interrotto la lettura per mettere per iscritto tutto quello che avevo nella testa. Ho scritto le parole che trovate sopra e poi sono andata a finire il libro.
Quando sono arrivata alla fine del libro ho riso, ho riso perché in fondo al romanzo c'era una piccola nota dell'autore e li ho capito che lui aveva predetto tutto quello che io ho pensato, anzi sperava che il romanzo servisse proprio a questo. Concluso “The returned” tutta la storia ha preso una sfumatura e un significato diverso, prima pensavo che la domanda importante fosse cosa farei io di fronte ad una persona a me cara tornata in vita ma mi sbagliavo perché non c'è nessuna domanda importante, bisogna solo guadarsi dentro e capire che a volte la vita si evolve in un modo inaspettato e fuori dal nostro controllo. Noi dobbiamo avere la forza di cogliere le opportunità che ci vengono offerte senza rimpianti e metterci tutto l'impegno possibile. Quando poi le cose vanno male, bisogna avere la forza di credere che a volte le cose sono oltre il nostro controllo, sono una forza superiore che agisce di sua iniziativa.
Forse quello che sto scrivendo può risultare stupido e incomprensibile a molte persone ma sono certa che dopo aver letto il romanzo ridereste come ho riso io perché capireste ogni mia parola detta e non detta.

Cos'altro posso dirvi se non Buona lettura!
Un bacio Erica



P.S. Volevo ringraziare la Harlequin Mondadori per avermi mandato il romanzo in anteprima e Jason Mott per avermi fatto ricordare i miei nonni.

Recensione presente anche sul mio forum

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri