Narrativa straniera Narrativa per ragazzi Bees. La fortezza delle api
 

Bees. La fortezza delle api Bees. La fortezza delle api

Bees. La fortezza delle api

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Flora 717 è un’ape operaia addetta ai servizi igienico-sanitari e fa parte della casta più bassa del suo alveare, dove il lavoro e il sacrificio sono le più alte virtù e il modo migliore per onorare l’amata Regina, unica religione. Ma Flora non è come le altre api. La sua curiosità è considerata un difetto pericoloso, ma il suo coraggio e la sua forza sono un asset irrinunciabile per la comunità. Così Flora passa dalla nursery reale – dove era incaricata di alimentare i neonati – al ruolo di Raccoglitore, con la facoltà di volare da sola a raccogliere il polline. Trova addirittura la via per entrare nel sancta sanctorum della Regina, arrivando a scoprire inquietanti segreti e misteri sulla vita nell’alveare. Ma quando Flora infrange la legge più sacra di tutte – sfidare la fertilità della Regina – niente può più fermare nemici e detrattori, dalla temibile Polizia di fertilità alle alte Sacerdotesse gelosamente sposate al potere. Così i suoi innati istinti di servitù e sacrificio vengono offuscati da un desiderio ancora più profondo: un amore materno che la porterà in conflitto con la sua coscienza, il suo cuore e la sua società.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bees. La fortezza delle api 2015-08-26 15:34:14 Fr@
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    26 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio nel piccolo - grande mondo

"Ciò che non giova all'alveare non giova neppure all'ape".
Questa citazione dell'imperatore romano Marco Aurelio spiega molto bene la società in cui Flora 717, la protagonista di questo romanzo, si ritrova a vivere.
Ogni azione che le sue sorelle compiono (anche le azioni più estreme) hanno un unico obiettivo: il benessere dell'alveare. La legge che le api ripetono ossessivamente è una in particolare:
"accettare, obbedire, servire".

Il romanzo si apre con la nascita di Flora e la fuoriuscita dalla sua celletta. E' proprio la sua nascita che sembra sconvolgere il naturale assetto dell'alveare: nella società delle api non c'è posto per la diversità, non c'è spazio per le anomalie. Flora 717 è diversa: nonostante sia destinata ad essere un'ape operaia della casta più umile (quella delle spazzine) non assomiglia alle sue sorelle. E' molto più grossa, più scura e anche più brutta rispetto le altre api. E' diversa perchè rispetto le altre spazzine è in grado di parlare e quindi mostra una spiccata intelligenza.

Il libro propone al lettore un viaggio nel mondo delle api seguendo la vita di Flora che, da semplice spazzina riuscirà ad affermarsi come bottinatrice, esplorando così il mondo "al di fuori" dell'alveare.
Il racconto è stato presentato come l'unione del capolavoro di Orwell "La fattoria degli animali" e del recente successo editoriale "Hunger Games".
In effetti ci sono all'interno del romanzo alcuni aspetti che ricordano le due opere: gli animali che parlano, la quasi totale assenza dell'uomo, la divisione in caste, l'affermarsi di un singolo gruppo sugli altri membri della società. Ci sono tutte le caratteristiche per un perfetto romanzo distopico, ambientato in un mondo che si presta bene a questa tipologia di racconto.
Flora è la protagonista assoluta del romanzo, un simbolo di cambiamento in una società immutabile governata da rituali e miti antichi.

Sono rimasta immediatamente affascinata dalla copertina del romanzo e ancora di più dalla trama quando ho letto la quarta di copertina. Le api mi hanno sempre ispirato simpatia e lo studio del loro comportamento, della loro società mi ha sempre interessato moltissimo.
Proprio per questo motivo ammetto che, nonostante il romanzo mi sia piaciuto, ne sono rimasta leggermente delusa.
Alcuni passaggi potrebbero apparire oscuri a chi conosce poco del mondo degli insetti sociali.
Per esempio sembra che l'autrice dia per scontato che il lettore conosca "la danza delle api", i movimenti in volo che le bottinatrici utilizzano per informare esattamente le altre api della posizione dei fiori, del polline, del nettare e di sorgenti d'acqua. Inoltre ci sono alcuni termini tecnici che possono mettere in difficoltà il lettore.

L'autrice si è documentata molto prima di scrivere questo romanzo e ciò lo apprezzo davvero tanto.
L'alveare viene descritto nei minimi particolari, così come la vita delle api. L'autrice non si lascia sfuggire nessun dettaglio, descrivendo magistralmente il carattere di ogni singolo personaggio: la devozione delle api, la spavalderia dei fuchi, la maliziosità delle vespe...
Dopo aver letto questo romanzo sono ancora più affascinata da questo piccolo/grande mondo.
Quindi, che dire se non "buona lettura"? :)

"La folla si voltò e l'attenzione di tutte quante le sacerdotesse della Salvia si concentrò su di lei mentre si faceva avanti. Le sorelle arretrarono intimorite. Flora aprì le antenne e provò un'ondata di sollievo. Solo la Regina può figliare: era questa la verità e nel riconoscerla si sentì di nuovo unita alle sue sorelle. Per loro avrebbe volentieri dato la vita e nella morte avrebbe riscattato il proprio onore."


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi è interessato al comportamento animale, in particolare a quello delle api.
Nonostante sia considerato un libro per ragazzi, lo consiglio anche agli adulti.
Per quanto riguarda i ragazzi, penso che l'età consigliata sia dai 16 anni in su.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Possiamo salvare il mondo, prima di cena
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri