Crystal della strada Crystal della strada

Crystal della strada

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Holly Hogan ha tredici anni. Vive da tempo in un istituto per minori, sotto la tutela dei servizi sociali. Quando viene affidata a Fiona e Ray, una coppia senza figli, il suo desiderio di fuggire per andare alla ricerca di sua madre in Irlanda diventa più forte che mai. Un giorno Holly trova casualmente, in casa dei suoi genitori adottivi, una parrucca bionda. Nasce così Crystal l'inarrestabile, la ragazza con tre o quattro anni di più, affascinante, scaltra e sicura di sé, quella capace di trasformare in realtà il sogno di una fuga alla ricerca delle radici, che diventa un fantastico viaggio nel passato e nella propria identità. "Crystal della strada" presenta il ritratto intenso e vivace di un'adolescente alla coraggiosa ricerca di se stessa, fra rabbia e umorismo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Crystal della strada 2015-08-20 14:58:07 siti
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
siti Opinione inserita da siti    20 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una novella Jane Eyre


Libro per ragazzi, consigliato a partire dai dodici anni, a firma Siobhan Dowd, scrittrice inglese di origini irlandesi morta prematuramente nel 2007 e vincitrice del Premio Andersen 2012. Già attivista del Pen Club International ( contro la censura degli scrittori in numerosi paesi del mondo), prima di morire a causa di un tumore ha fondato la Siobhan Dowd Trust per consentire l’accesso alla lettura bambini svantaggiati.

La stessa Holly Hogan, protagonista e voce narrante del romanzo, è una ragazzina svantaggiata: è ospite di una struttura di accoglienza ed è sotto la tutela dei servizi sociali che riescono a inserirla in affido temporaneo presso una coppia di coniugi senza figli. La narrazione prende l’avvio quando la vicenda è in fase conclusiva; Holly, in fuga dalla nuova casa e con un identità celata da una parrucca e un paio di tacchi sì da farla apparire non un’acerba quattordicenne ma una maggiorenne, si ritrova chiusa in una macchina nella stiva di un traghetto che sta salpando alla volta dell’Irlanda. La permanenza nello spazio angusto è occasione per ripercorrere tutto il suo viaggio fin lì e per sistemare i conti con un passato che le permetterà, ora smitizzato, di accettare la sua condizione.

Tutta la narrazione, fondamentalmente il racconto di una fuga, viaggia sulle note di alcuni testi musicali e in particolare sulla bellissima “Sweet Dreams (Are Made of This)” degli Eurythmics il cui contenuto è qui riconducibile solo alla tematica del “dolce sogno” e non alla pratica sadomasochistica che non scalfì nel lontano 1983 il successo di questo brano. Altro filo conduttore è la storia di Jane Eyre, alcuni episodi del libro vengono rivisitati nel vissuto di Holly e del suo doppio Crystal a confermare le doti dell’eroina cartacea, indipendente, forte e tenace fin da bambina.

Il libro, molto episodico e frammentario nella struttura narrativa vive di una scrittura semplice e attuale anche grazie alla traduzione di Sante Bandirali, gioca sulla personalità di una ragazzina dal vissuto difficile ma dipingendo efficacemente modi di essere e di pensare tipici dei giovani adolescenti. Vi si ritrovano le critiche al mondo adulto, alla sua omologazione ai canoni della realtà, alla sua ipocrisia anche se, efficacemente la ragazzina nel suo scappare verso l’Irlanda, percorrendo le strade della Gran Bretagna , avrà modo di incontrare solo figure positive.
Il romanzo dunque è adatto a tutti i ragazzi perché permette loro di proiettare qualche loro atteggiamento, di vivere un’avventura che magari la più tranquilla delle loro esistenze non può contemplare, di capire il vissuto difficile di certi compagni di classe che non si riesce ad accettare perché si è già investiti di una triste morale accusatrice e perfezionista respirata nella famiglia “bene”dalla quale provengono e infine permette al più disgraziato di essi di sperare nel proprio futuro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Jane Eyre
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Possiamo salvare il mondo, prima di cena
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri