Fandom Fandom

Fandom

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Finalmente il gran giorno è arrivato, Violet è pronta. Pronta per incontrare gli attori che hanno portato sul grande schermo il suo romanzo preferito, La Danza delle forche. Violet lo sa recitare a memoria, ne conosce ogni battuta. Se potesse esprimere un desiderio, chiederebbe di poterci vivere dentro ed essere Rose, la protagonista perfetta. Dovendo fare i conti con la realtà, Violet si accontenta di presentarsi all'evento come cosplayer di Rose e mettersi in fila per l'autografo dei suoi idoli. Soprattutto per quello dell'attore che interpreta Willow, l'eroe più bello di sempre - darebbe ogni cosa per far colpo su di lui. Proprio nel momento in cui il ragazzo si complimenta con lei per il suo costume accade qualcosa di inaspettato. Un terremoto. Urla. Il buio. Violet riapre gli occhi e qualcosa è cambiato. Le guardie corrono ovunque impazzite. Ma è solo quando un proiettile colpisce Rose e la ragazza cade a terra esanime che Violet capisce. Capisce che adesso non è più solo a un evento in costume per appassionati di fantasy. Adesso quella è la realtà. Adesso lei è dentro la storia e la protagonista del suo romanzo preferito è appena morta. Violet ora può fare solo una cosa: prendere il suo posto, ripassare le battute e vivere la storia fino alla fine... E sperare che tutto vada come è stato scritto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fandom 2019-09-23 10:19:46 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    23 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La rivincita di Jacob, Gale e gli altri

“Fandom” è un romanzo distopico con target young adult e l'aggiunta di alcuni elementi dei generi fantascienza e romance. La narrazione presenta inoltre la struttura peculiare di un metaromanzo.
La storia principale vede come protagonista la diciassettenne inglese Violet, grandissima appassionata di un romanzo distopico dal titolo “La danza delle forche”, tanto da partecipare al ComiCon assieme alle migliori amiche e al fratello minore indossando il costume della sua eroina, Rose. Durante l'evento si verifica una scossa di terremoto e, poco dopo, il gruppetto si trova inaspettatamente catapultato nel mondo del loro libro preferito, una realtà che trascende sia la storia del romanzo che quella del film tratto e risulta arricchita di moltissimi elementi per loro inediti.
L'arrivo di Violet e degli altri va a modificare significativamente l'arco narrativo già dalla prima scena: a causa loro, Rose viene uccisa e il romanzo perde il suo personaggio principale; per ovviare al problema sarà proprio la nostra Violet a doverne prendere il posto nella storia, portando al termine prestabilito la vicenda.
La premessa è quindi abbastanza interessante, sebbene non originale perché già abbiamo visto ragazzi risucchiati nel mondo di un romanzo in “La storia infinita” di Michael Ende o bloccati in una realtà parallela dove devono portare a termine una missione in “Hyperversum” di Cecilia Randall, ma purtroppo lo spunto è tutto ciò che la trama ha da offrire, assieme ad un ritmo davvero incalzante: il resto del volume è un'accozzaglia di scene banali e stereotipate. Anche la trama dell'“altro libro” è l'ennesima copia della trilogia The Hunger Games, con l'aggravante che la realtà viene classificata come distopica solo in virtù della violenza perpetrata dal popolo oppressore -gli umani potenziati, detti Gem- e non per un effettivo controllo autoritario dello Stato sulla vita dei cittadini. Addirittura mentre lavorano per i Gem gli oppressi -chiamati Imp- non vengono in alcun modo supervisionati e possono svolgere il lavoro che più gli aggrada!
Nel valutare la distopia nel suo insieme sono però un po' combattuta, perché da un lato l'autrice sfrutta (male) tutti i cliché che questo genere ha creato negli ultimi dieci anni per il target YA, dall'altro sembra invece intenzionata a sottolineare questi aspetti con fine satirico. E quindi ecco dialoghi su argomenti come l'insta-love,

«-Una settimana?-, ripete incredula. -Tutto questo accade in una settimana?
Sembra davvero ridicolo [...].
Katie scuote la testa sconcertata. -La gente si innamora in fretta nei romanzi rosa distopici.»

ma anche sugli stereotipi legati ai nomi dei personaggi o alle dittature distopiche.

«Alice ridacchia. -Gale... Quattro... sono tutte utopie nella mia testa.
-Nomi stupidi però-, dice Nate, schivando Spiderman. -È una delle regole non scritte di tutti i romanzi distopici: gli amichetti delle protagoniste devono avere nomi stupidi.[...]
-E il governo è sempre cattivo-, prosegue Katie.»

Come detto, a dispetto di queste battute quasi sarcastiche, la Day sguazza nei peggiori luoghi comuni della letteratura per ragazzi, come l'immancabile protagonista insicura e sempre pronta a mettersi idealmente in competizione con ragazze più avvenenti

«-Vedi, nel mio mondo, Rose è un personaggio di un libro, da cui hanno tratto un film. È un'eroina splendida: coraggiosa forte e bella, tutte cose che io non sono.»

Nel complesso, per essere un romanzo del 2018 risulta decisamente migliorabile sotto questi punti di vista.
Per i personaggi non ho pensieri migliori. Sebbene vivano un'esperienza potenzialmente mortale non perdono mai l'occasione per scherzare tra loro o per regalarci riflessioni di questo tipo:

«È strano quello che ti passa per la mente quando stai per morire. Il mio ultimo pensiero è più o meno questo: Che peccato essere arrivata fin qui e non incontrare Willow.»

Ad un primo impatto, pensavo di poter salvare almeno Katie per il suo punto di vista più esterno da non-fan, ma proprio lei diventa ben presto la portavoce di alcune tra le frasi più infelici partorite dall'autrice.
Infatti, sempre in tema di stereotipi odiosi e (speravo) ormai superati, abbiamo il classico bullo che viene giustificato perché proprio con la meschinità esprime un amore segreto,

«Non preoccuparti di rimbamBell, è solo che gli piaci-, dice [Katie].
-Come no. È imbarazzato perché io e Alice l'abbiamo beccato a frignare al cinema, l'anno scorso.
Lei spinge rumorosamente indietro la sedia. -Dai, lo sai che sei figa.»

o ancora la peggiore di tutte, a mio parere, ovvero l'antagonismo tra ragazze che sfocia con superficialità nello slut-shaming

«-[Willow] Ama [Alice]?- Lei socchiude gli occhi e serra la bocca. -Libidine, direi- Lo sai com'è fatta quell'imbranata di Alice. Avrà messo quel povero ragazzo all'angolo mostrandogli le tette. Lui si accorgerà presto che è solo una stupida ninfomane e tornerà da te.»

Quando libereremo di questi concetti obsoleti nella letteratura per ragazzi?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri