Dettagli Recensione

 
La luce dell'impero
 
La luce dell'impero 2017-10-06 08:28:28 ornella donna
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    06 Ottobre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un diamante maledetto percorre la storia

Marco Buticchi, un autore da:
“oltre un milione di copie vendute in Italia”,
torna con una nuova ed appassionante avventura: La luce dell’impero. L’autore ligure è stato il primo ad essere pubblicato da Longanesi nella collana “I maestri dell’avventura”, accanto a Wilbur Smith, Clive Cussler, e Patrick O’Brian. In particolare questa sua fatica letteraria vede il ritorno sulla scena di Oswald Breil e Sara Terracini, in una avventuraa che è solo l’ultima di una lunga serie, iniziata con Le pietre della luna. Sara Terracini è una studiosa di archeologia, nata alla fine degli anni ’60, vive a Roma, fisicamente di rara bellezza, si è sposata con Oswald Breil, straordinario uomo. Quest’ultimo è stato funzionario del Mossad, e con il susseguirsi dei romanzi diventa prima viceministro della difesa, poi primo ministro israeliano. Affetto da nanismo, ha condotto una vita avventurosa e brillante, possedendo rare ed importanti doti intellettuali. Infatti:
“Breil, poco più di un nano, aveva combattuto ogni genere di minaccia come capo del Mossad, e come esponente politico ai massimi livelli, ricoprendo dapprima l’incarico di vice ministro alla Difesa, e, in seguito, quello di primo ministro della Repubblica di Israele. Ora, da pubblico cittadino mostrava una spiccata propensione per il rischio. (…) Mai lasciarsi ingannare dalla sua statura ridotta e dall’aria innocente , era un gran errore. Oswald aveva dato scacco ai peggiori delinquenti internazionali, a terroristi sanguinari, a sette potentissime.” (pp. 158/60).
Ed è così che i due e il loro splendido yacht Williamsburg sono coinvolti in una storia che affonda le sue radici in un’altra epoca. Infatti dal Messico del XIX secolo fino ai giorni nostri, un diamante di inestimabile valore collega fatti lontani nel tempo e nello spazio con un impercettibile filo. Il filo è rappresentato dal mistero di un diamante, di colore paglierino, di 33 carati, dal nome Maximilian II, che riesce ad unire la tragica storia di Massimiliano d’Asburgo ai cartelli della droga messicana dei giorni nostri.
Ma andiamo con ordine perché la vicenda, oltre a svilupparsi su tempi paralleli, è ricca di riferimenti storiografici precisi ed intensi. Infatti:
“C’è un mistero che accomuna la figura di Massimiliano d’Asburgo a quella di Domacio Ruiz, uno dei più potenti narcotrafficanti del mondo. E c’è una ricerca- ed una storia- che porta Oswald Breil e Sara Terracini sulle tracce di una pietra antica e maledetta, un omicidio e un intrigo che non sarà facile dipanare, ancor di più perché, in questo intrigo ci finiscono: la lotta per la supremazia di un territorio da parte dei cartelli della droga messicani, le indagini di Tomaso Moreno, ex giudice impegnato nel pool antinarcos e il potere arcano e terribile di un diamante avvolto in un’aura tremenda ed antica.”
Il lettore è, così, diretto verso due direzioni diverse ed opposte. Per cui si riuscirà finalmente a rompere la maledizione che grava sul diamante? E quale incredibile filo rosso riuscirà a collegare nei secoli l’antica cerimonia pagana a tutti gli altri tragici avvenimenti di cui ho detto?
In La luce dell’impero si costruisce una intricata e avventurosa trama, fatta di continui rimandi storici lontani nel tempo e nello spazio, ricollegati al presente. Talvolta la narrazione si ingarbuglia, e spesso ho perso il filo. Ho molto apprezzato il modo scelto dall’autore di mettere all’inizio di ogni capitolo dei brevi riassunti, in modo tale che il lettore riesce un po’ a sentirsi sollevato in mezzo a tutti quei continui flash back tra passato e presente. Un romanzo portentoso e per gli amanti del genere avventuroso perfetto. Personalmente ho faticato molto a dipanare il filo della matassa. Un romanzo, però, ricco e preciso dal punto di vista storico, sicuramente frutto di ricerche accurate e diligenti. Inoltre il romanzo è attorniato a sua volta da un particolare mistero. L’autore al fondo narra di una storia alquanto bizzarra, di un account Facebook avvolto nel mistero, e nell’anonimato di un alias, di lunghe chiacchierate via chat e, soprattutto di un documento che gli viene inviato da questa strana amicizia. In quest’ultimo si narra la vicenda di Massimiliano d’Asburgo con dovizia di particolari e di una approfondita ricerca storica dalla quale lui stesso è partito per scrivere questo libro. Mah! La suspence è, comunque, assicurata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto tutti i libri precedenti di Buticchi, a partire da Le pietre delle luna, andando a seguire; a chi ama i romanzi di Wilbur Smith e di Clive Cussler. insomma a chi ama il genere avventuroso.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Bellissima recensione, ho preso nota.
Di Buticchi ne ho letti diversi e la "croce e delizia" dei suoi romanzi, per me, è proprio l'intrecciarsi di diverse linee temporali.
In risposta ad un precedente commento
ornella donna
06 Ottobre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie. Allora è il tuo genere. Hai letto anche il precedente Casa di mare, in cui lui racconta l'esperienza del padre e il suo suicidio? prova a leggerlo, a me quello è piaciuto assai. Però non c'è avventura, è più sul personale, anche se non del tutto.......
In risposta ad un precedente commento
Pigottina
06 Ottobre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
No, "Casa di mare" non l'ho letto ma prendo nota anche di questo. Di Buticchi quello che mi piaciuto di più è stato "La voce del destino" dove si incontrano Evita Peròn, i reduci del nazismo fuggiti in Argentina e un misterioso tesoro, il tutto intrecciato col presente. Molto avvincente.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri