Dettagli Recensione

 
Il ventre di Napoli
 
Il ventre di Napoli 2013-11-28 09:05:24 silvia t
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia t Opinione inserita da silvia t    28 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il ventre di Napoli

Matilde estasia, Matilde commuove, Matilde stupisce ed ammalia.
Un nome che evoca ricordi lontani, piccole righe in antologie liceali, sulla carta quasi scolorite, nella memoria, al massimo, il nome di una strada o di una scuola.
Può capitare di imbattersi in un volume, per caso, di Matilde Serao, aprirlo e scoprire un mondo, lontano, ma attuale; scomparso, ma ancora possibile.
“Il ventre di Napoli” nasce come un reportage giornalistico a puntate e si prefigge l'ambizioso obiettivo di descrivere la realtà del popolo napoletano di fine ottocento.
In questo modo, con un attacco diretto all'allora Presidente del Consiglio Italiano, inizia questo straziante viaggio nei vicoli, nelle strade, nelle botteghe e nelle case di una Napoli oscura, nera, ombrosa e sporca; così la troviamo nel 1884, pressoché identica nel 1904 dopo vent'anni.
Un inno all'ipocrisia della politica urlato e mostrato senza veli, con la forza incredibile di una donna del secolo scorso, che non indugia di fronte all'improbo compito di difendere i più deboli, di essere la voce di un popolo muto, la penna di un popolo analfabeta.
L'ipocrita immagine patinata da cartolina di Napoli viene disintegrata e sporcata dalle luride acque che allagano i piccoli vicoli dove il popolo sopravvive, nello squallore dell'abbandono, nella tristezza di case troppo piccole per quel mare di persone che si arrangia come può, per le quali il pasto quotidiano è l'obiettivo.
La penna della Serao si fa efficace e diretta, con uno stile semplice, non certo elegante, di sicuro non edulcorato, riesce nello stesso tempo a descrivere lo squallore inenarrabile dei luoghi e la vitalità e la forza delle persone, che cercano nel gioco del Lotto la speranza, che vivono per il sogno che il Lotto regala loro, sicuri che la ruota prima o poi girerà per loro.
Esponente del verismo Matilde Serao riesce a trasmettere al lettore tutto quello che è necessario, generando gli odori nauseanti che appestano le strade, i colori scuri e fumosi che vi aleggiano e i rumori, il ciacaleccio delle voci, la confusione dei mercati, il vociare dalle finestre; riesce in tutto questo penetrando nel profondo e depositando un seme che solo nei cuori più aridi non potrà germogliare.
Nel leggere queste pagine ci si sente quasi marchiati da un peccato originale, quasi responsabili per quelle sventure, per quell'abbandono che non avrà fine, né allora, né dopo vent'anni.
Una lettura consigliata, per troppo tempo dimenticata, un'autrice che non si limita a scrivere un libro, denuncia una situazione scandalosa e lo fa dalle prime pagine di un giornale, senza paura, senza peli sulla lingua, ma con la genuina schiettezza del popolo napoletano; il suo popolo e non solo esso le sarà per sempre grato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Ottima recensione istruttiva, utile, affascinante...avevo rimosso questa autrice....grazie per il bel lavoro che state svolgendo e per questa recensione.
Secondo me invece il popolo non perdona chi punta il dito sulle sue piaghe, e ancora meno la borghesia. Forse anche per questo la Serao è caduta nel dimenticatoio. Zola, che più o meno fece la stessa cosa, in Francia è un monumento nazionale, e questo la dice lunga sulla differenza culturale tra i due paesi.
Bellissima recensione!
Grazie! :-)

Spero che avrete modo di leggere questo libro è davvero meraviglioso; se poi si pensa che nasce come un'inchiesta è ancora più incredibile!
In risposta ad un precedente commento
Ally79
28 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Cristina non credo che il popolo non perdoni,anzi,basta pensare quanto Saviano sia amato qui a Napoli e di certo ha denunciato e raccontato le nostre più grandi piaghe.
Il problema della Serao è il suo essere su alcuni punti molto poco attuale,e non è di certo una colpa dato che parliamo di scritti che hanno cento anni e oltre...
Davvero bello, questo interesse per un'autrice "che non si limita a scrivere un libro" :-)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
29 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Ale: le opere dei grandi scrittori non invecchiano mai e forse (dico forse) la Serao avrebbe meritato più fama. Scrivere la verità crea comunque tanti nemici, soprattutto tra i benpensanti: Zola era stato addirittura accusato di pornografia! Ma ai suoi funerali (e qui sta la grandezza del popolo), una delegazione di minatori scandì in coro il titolo di un romanzo dove lo scrittore denunciava le loro disumane condizioni di lavoro.
Impossibile non aver voglia di leggerlo dopo una recensione così...bravissima Silvia
Grazie a tutti per i complimenti!
Qua a Prato sono giorni molto tristi per quello che è successo alla comunità cinese che vi risiede., avrete tutti letto sul giornale.
Mentre leggevo "Il ventre di Napoli" ho spesso pensato a come la condizione di allora si avvicinasse in modo così tangibile a quella odierna e proprio in una città che si dice civilizzata e invece è connivente e ipocrita.
Sarebbe bello che un giornalista facesse un reportage sulla china town pratese come Matilde fece di Napoli.
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri