Dettagli Recensione

 
Lady Susan
 
Lady Susan 2013-05-26 15:38:21 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    26 Mag, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'emancipazione femminile a livelli 'esasperati'

Questo breve romanzo è la conferma di quanto il genio di Jane Austen fosse già presente sin dai suoi scritti giovanili, e non è da meno il coraggio che l'autrice ha mostrato nel comporre un testo così sfacciato, tagliente ed anticonformista rispetto al periodo storico in cui è vissuta - a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo -.

Ma andiamo per ordine;
'Lady Susan' è un romanzo in forma epistolare, in cui un fitto intreccio di intrighi lega i vari protagonisti della vicenda, ed il ritmo sincopato e la narrazione veloce ed incalzante, uniti agli elementi prima citati, rendono la lettura ostica e non di immediata comprensione.

Fra i personaggi presenti sulla scena, spicca indubbiamente Lady Susan, che possiamo definire in netta antitesi rispetto alle 'classiche' figure austeniane. Si tratta di una donna civettuola, orgogliosa, opportunista, manipolatrice, alquanto frivola e che vede le persone solamente come degli 'ostacoli oltraggiosi' da eliminare per poter raggiungere i suoi scopi. Imposta la sua relazione col mondo sulla falsità dalla prima all'ultima pagina del romanzo, e presenta una grande dialettica con la quale riesce a dissimulare anche i suoi torti più evidenti, tant'è che inizialmente riesce anche ad ammaliare Reginald, il quale l'aveva sempre considerata come 'la più scaltra civetta di tutta l'Inghilterra'.
Addirittura anche l'autrice, con un'impronta nettamente giustizialista, arriva a puntare il dito contro di lei, affermando come 'L'opinione pubblica dovrà giudicare in base alle probabilità' riguardo alla credibilità ed alla reputazione della donna.

E l'intera vicenda ruoterà interamente attorno al 'fare, disfare e rifare' di Lady Susan, che non si farà scupoli pur di raggiungere i propri obiettivi, ma che alla fine rimarrà lei stessa vittima dei suoi sotterfugi, che saranno svelati nelle parti conclusive del testo e ribalteranno alcune situazioni già scritte.

Si può discutere a lungo sul finale, a mio avviso troncato, incompiuto, mozzato, come se l'autrice avesse fretta di porre fine a questo testo. Una motivazione plausibile potrebbe essere quella del 'timore' di pubblicare un'opera così forte e sagace, in netta rottura con la società conformista e maschilista inglese ottocentesca - tant'è che, nonostante il "A Vindication of the Rights of Women” del 1792 di Mary Wollstonecraft, in pratica le ragazze venivano educate con il solo scopo di occuparsi della casa e della vita coniugale -, ma ovviamente è impossibile pronunciarsi con certezza in merito.

Tuttavia, come ho già detto all'inizio, è un romanzo che esalta una Jane Austen ancora giovane, ma già pienamente consapevole del suo talento. E, sebbene il testo sia privo di moralità e buonsenso, rimane senza dubbio un capolavoro letterario per anticonformismo, arguzia, ironia e discontinuità con la pre-Età Vittoriana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Papà Gambalunga
I misteri di Udolpho
Guerra
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago