Dettagli Recensione

 
Taras Bul'ba
 
Taras Bul'ba 2013-07-03 19:55:14 DanySanny
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    03 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La prosa di Van Gogh ovvero l'epica della brutalit

Sono feroci le pennellate di Van Gogh, brutali sono le descrizioni di Gogol, quasi animalesche. Le poche pause di lirismo sembrano oasi introno al delirio che attanaglia i protagonisti di questo romanzo breve. Uno stile feroce come le battaglie in esso rappresentate, un' orgia di sangue, uomini mutilati, spade e munizioni, in un delirio bellico che poco a poco annichilisce qualsiasi spiraglio di tranquillità. Non sono uomini i protagonisti di Taras Bul'ba, sono cosacchi. Latitano in un'allegria sfrenata, continua, inesauribile, all'interno della Sec, scuola e patria cosacca. Dove poi si trovi è semplici dirlo: tra le steppe russe; se si tratti di XV o XVI o addirittura XVII Gogol non si preoccupa. Sono guerrieri ipnotizzati da un delirio circostante che non lascia spazio a nessun sentimentalismo, a nessuna tenerezza: banchetti e divertimento, soltanto per uomini. Le donne sono strumento per la figliazione. Se poi si chiede ad un cosacco quale ritenga sia la gloria più appetibile, questo risponderebbe: combattere, e morire combattendo. Quasi a far eco a quell'etico spartana, così brutale, da dissolvere anche il legame affettivo per i figli.

In questo clima di patriottismo sfrenato, allegria degenere, eppure in questa società dove l'ordine e il rispetto, quasi l'educazione vengono pedissequamente rispettate, e i crimini puniti severamente, insomma, nel regno dell'antinomia, vengono catapultati, complice lo spirito infaticabile del padre Taras Bul'ba, due giovani, Ostap ed Andrij, che ben presto si assuefanno al mondo cosacco, nel tentativo di difendere la gloria, di incrementare il proprio onore. Eppure il destino, anzi la fatalità (o forse semplicemente l'indole) soffre delle "restrizioni" del mondo cosacco, che fagocitato nel rigido isolamento di pantagruelici banchetti, e avviluppati dall'odio per i turchi, non è in grado di soddisfare i desideri di un giovane. perchè se la guerra è il primo obiettivo da perseguire, nemmeno la più rigida disciplina può placare i sentimenti, tanto più l'amore. Ma il mondo cosacco è il regno della ferocia, e le pagine scorrono rapide come rivoli di sangue, celeri come il sottile istante che separa la vita dalla morte, il tradimento dal rispetto. E' proprio dell'antinomia tra adesione ai valori condivisi e libero spirito personale che un personaggio rimarrà vittima, e per lui non ci sarà redenzione, implacabilmente punito da un etica di gruppo dimentica dei legami di sangue.

Il cuore pulsante di Taras Bul'ba sta proprio nel rapporto conflittuale tra l'affermazione di sé e una società he tende all'omologazione, che timorosa della tenerezza, distrugge l'amore, per una volta sconfitto. Fuggono le pagine, galoppando al seguito dei cosacchi e voltandosi si apre un paesaggio desolato di distruzione, morte, sangue, mentre nelle orecchie echeggiano colpi di sciabola, con un'abilità descrittiva che ricorda nello stile i poemi omerici. Eppure non si è sotto Troia, nel tentativo di vendicare un guerriero offeso, siamo al confine dell'età moderna. La guerra non è mezzo per raggiungere la gloria, ma viene dipinta in tutta la sua inaudita ferocia, in tutta la sua brutalità, nel terrore continuo di un assedio infinito: quello dell'obbligo.

Eppure anche la più brutale delle azioni sembra caricarsi di commovente fragilità dinnanzi all'abnegazione, all'adempimento di un ideale. Il ritmo serrato si scioglie soltanto alla fine, con la tragica consapevolezza, e anche tristezza, non soltanto di vite sconfitte, ma di un epoca al tramonto. Certo è che nessuno vorrebbe vivere in questo libro, ritrovarsi tra implacabili battaglie, respirare sangue, udire i gemiti della morte. Gogol non condanna, non entra nella storia, modula perfettamente lo stile, ora epico-omerico, ora pienamente ottocentesco. Inflessibilità e vendetta si mescolano inesorabilmente, sullo sfondo gli scontri tra ortodossi e musulmani, l'adesione ai valori di gruppo. Certo è che tra tanta distruzione, tra tutto questo sangue, la grigia monotonia della quotidianità non sembra così inappetibile, e stupisce che al termine della lettura si senta qualcosa di rotto , qualcosa di estremamente commovente. Forse perchè anche l'uomo, nonostante tutto, ha pietà del proprio simile, o forse semplicemente è il sollievo di allontanarsi da una brutalità dall'inesausta bellezza, che come il sublime romantico, è fonte di meraviglia. Terrore o attrazione che sia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bravo Daniele! Recensione esaustiva, approfondita e soprattutto chiara! Però, pensandoci bene, non so proprio che connessione ci sia tra la copertina dell'edizione BUR e i contenuti e sensazioni che hai mirabilmente esposto.
PS hai proprio una passione per il termine "orgia"....
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
04 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
la copertina è sensazionalista, tutto qua.

il tuo P.S. è abbastanza acido, ma d'altra parte hai imparato dal migliore, no?
In risposta ad un precedente commento
Ale96
04 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
La mia era una semplice constatazione. Nulla di più nulla di meno.
PS E si, emani acidità( mista a libidine) da tutti i pori! :-)
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
05 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma che aggressivo! omunque tu sei in piena corruzione!

07 Marzo, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Complimenti! Commento pieno di considerazioni condivisibili. E' un pezzo che anche io sto maturando una recensione a Taras Bulba in quanto innamorato della letteratura russa. In particolare del percorso Puskin - Lermontov - Gogol - Dostoevskij che mi pare mettere in luce la figura ideale dell'uomo russo quale ormai è stato annientato da settanta anni di deportazioni, tirannide (altro che gli zar!), genocidi, alienazione fin nelle più intime fibre. Grande rimpianto per quella figura! Per quel partecipare dell'impeto asiatico e della classicità europea, della sfrenatezza mongola e della razionalità illuminista.
Che la continuazione delle Anime Morte sia finita nel caminetto per opera del servo fedele è un vulnus che non riesco ad elaborare.
Perdona le confidenze, per me il problema irrisolto è: questa mitica figura dell'uomo russo è veramente indicativa di qualcosa che l'uomo contemporaneo ha perso o rischia di perdere irrimediabilmente o è stata una allucinazione anche nella mente dei suoi creatori?
Rispettosi saluti DannySanny, attendo un tuo parere se ti va!
Andrea
Piaciuto molto anche a me, Daniele e complimenti per la ottima esposizione. Quelle uova di Pasqua invece, a me fa venire in mente il sangue, perché è appunto il sangue che le colora secondo la Bibbia, presente in abbondanza in questo breve romanzo.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
13 Novembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ahahah Ioana sei andata a recuperare una recensione che non ricordavo di aver scritto, ho dovuto rifare mente locale, è passato qualche anno ;) Comunque mi piace questa interpretazione del sangue-uova. Lo ricordo come un bel libro anche se ho un ricordo devo dire un poco sbiadito.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
13 Novembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Siii! :-) Ogni tanto passo in rassegna le mie passate letture e volevo vedere se qualcuno ne aveva parlato qui su Qlibri e ho trovato il tuo bel commento. Ricordo l'inflessibilità del padre verso il figlio e la predominazione del patriottismo e l'amore verso il proprio popolo che prevale quello genitoriale, conservato però nella mamma. Infatti la scena iniziale, quando il figlio torna a casa e poi subito parte per la battaglia, è molto tenera e malinconica.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Papà Gambalunga
I misteri di Udolpho
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca