Dettagli Recensione

 
Brisingr
 
Brisingr 2017-07-03 16:05:50 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    03 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Eragon? Sì, ma tutto il resto è noia…

Questo terzo volume del ciclo dell’Eredità, dedicato al giovane Cavaliere di draghi Eragon ed alla sua lotta, assieme alla dragonessa Saphira, contro il perfido imperatore Galbatorix, doveva essere quello conclusivo della saga. In esso tutti i conflitti sarebbero dovuti giungere al loro epilogo. l’A., invece, ha ritenuto di farne un libro interlocutorio, in cui ben poco accade ed anche quel poco risulta oltremodo diluito ed annacquato. In pratica con materiale appena sufficiente a riempire adeguatamente una decina di capitoli brevi, s’è voluto disperatamente imbastire un romanzo di centinaia e centinaia di pagine.
Così - se escludiamo l’iniziale confronto tra Eragon, il cugino Roran e Saphira con i bestiali Ra’zac, qualche battaglia contro le forze dell’Impero e poco altro - il libro è, più che altro, infarcito di chiacchiere, battibecchi, conciliaboli, inutili e tedianti descrizioni del nulla, una minutaglia di piccoli episodi collaterali che niente aggiungono alla trama e neppure alla caratterizzazione dei personaggi o all'arricchimento della narrazione. Anche i capitoli dedicati alle origini di Eragon, risultano piuttosto fiacchi e per nulla sorprendenti. Insomma ci sono tante parole che fanno unicamente “volume”, massa, senza aggiungere sostanza. Sembra quasi che l’A. sia stato pagato a numero di battute scritte e, per sue necessità economiche, ne abbia infilate il maggior numero possibile nel testo.
Il giovane Paolini, che, ormai non è neppure più tanto giovane, dovrebbe capire che non è indispensabile esporre ogni minimo gesto compiuto dai suoi personaggi; che un romanzo non è un diario di una dodicenne che mette su carta ogni suo insignificante pensiero; che i lettori riuscirebbero a rassegnarsi al fatto di non sapere se l’eroe di turno, quando s’è destato la mattina, s’è lavato, ha fatto una abbondante colazione ed è riuscito a trovare il tempo per lucidare l’armatura sporca di sangue. Nessuno sente il bisogno di conoscere quali vesti indossano i personaggi in ogni fase della giornata o qual è la (lunghissima) formula per celebrare un matrimonio nel mondo di Alagaësia. Tolkien, è vero, talvolta infilava una ballata nei suoi scritti, ma lui era un finissimo linguista e il carattere di epopea tragica del suo ciclo di romanzi consigliava queste inserzioni. Una poesiola in “antica lingua” che solo Paolini conosce è defatigante ed inutile.
Io sono un amante della letteratura fantasy e, nel contempo, riconosco che i capolavori in questo genere letterario sono abbastanza rari. Tuttavia è la prima volta che mi capita di saltare interi paragrafi cercando di giungere il più in fretta possibile alla fine di alcuni lunghissimi e noiosissimi capitoli, pieni di nulla.
Per gran parte del libro l’aspetto più intrigante che ho trovato è stato quello di cercare di indovinare da quale altro romanzo, racconto, film o serial televisivo era stato scopiazzato quel determinato episodio, quella frase o quel concetto. Poi, anche questo gioco m’è venuto a noia, troppi e troppo ovvi i debiti da scovare; così ho solo sperato di giungere in fondo senza sbadigliare troppo.
Giunto alle ultime pagine la mia unica consolazione è stata di aver letto il libro in una edizione elettronica che contiene anche gli altri tre romanzi del ciclo: quindi, economicamente parlando, è stato un limitato spreco di denaro.
Il mio timore, ora, però, è che sia di ugual tenore anche il quarto episodio che, nonostante tutto, mi toccherà leggere per non rimanere con la storia sospesa a metà.
In definitiva si tratta di una lettura ampiamente evitabile. Da quanto posso immaginare, infatti, anche saltando direttamente all'ultimo romanzo il lettore non perderebbe nulla né resterebbe spaesato a causa degli avvenimenti negletti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Mi ritrovo pienamente nelle tue parole FrancoAntonio. Non nascondo di aver cominciato questo libro da qualche tempo ma di non essere ancora riuscita a finirlo proprio perché privo di sostanza. Le solfe, poi, allungate e allungate come il brodo, proprio non mi piacciono.
Bravo! :-)
In risposta ad un precedente commento
FrancoAntonio
03 Luglio, 2017
Ultimo aggiornamento:
03 Luglio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
A tua parziale consolazione posso dirti che negli ultimissimi capitoli la storia si risolleva un po', ma davvero poco rispetto alla media generale che è proprio deprimente. Io mi ero lasciato convincere a leggere il Ciclo dell'Eredità sulla scia dell'enorme successo mondiale che aveva avuto. Il primo libro non era malaccio ed aveva anche la giustificazione di essere l'opera prima di un ragazzino. Quindi ci stavano pure le imperfezioni e le evidenti scopiazzature, ma più si va avanti e più il "brodo" si allunga senza portare alcun miglioramento. Inoltre il tentativo di traferire l'Universo di Star Wars all'interno delle Terre di mezzo, con trapianti ricavati da Brooks, da Margaret Weis, e da tanti altri autori è così smaccato che dopo un po' ti irriti. A questo punto meglio i Cicli della nostra Licia Troisi, che non sono il massimo, ma almeno sanno più di fresco...
Ciao Franco Antonio,
mi è piaciuto il tuo commento anche se un po' troppo negativo.
Ho letto tutta la saga, e l'ho trovata discreta.
Niente di eccezionale, ma un buon fantasy.
L'errore dell'autore è stato quello di dover conciliare la sua storia con quelle che sicuramente erano le richieste di chi lo pagava... I libri avrebbero dovuto essere al massimo tre, meno allungati e più dinamici.
Nel complesso però io ho apprezzato l'intera opera, ripeto non è un capolavoro ma io l'ho letto velocemente e senza troppi sbadigli... Qualcuno si ma non così tanti!
Ciao!
In risposta ad un precedente commento
FrancoAntonio
04 Luglio, 2017
Ultimo aggiornamento:
04 Luglio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie per l'apprezzamento. Sono contento che tu l'abbia trovata discreta, perché altrimenti risulta difficile davvero arrivare alla fine.
Forse la mia insoddisfazione discende dal fatto di aver ormai collezionato parecchie saghe fantasy; non ho certo battuto dei record, ma ne ho letti tanti di libri del genere. Così, quando ti ritrovi la stessa "minestra" riscaldata troppe volte ti irriti.
E' per questo che amavo disperatamente i romanzi di Pratchett, che sapeva reinventarsi ogni volta contaminando il genere fantastico con una sana e salace ironia, critica dei nostri costumi moderni.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri