Dettagli Recensione

 
Nella casa del verme
 
Nella casa del verme 2018-01-19 19:18:54 Manuela Vitale
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Manuela Vitale Opinione inserita da Manuela Vitale    19 Gennaio, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sì ma avanti il prossimo

Premetto che ho già conosciuto Martin con le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco e, quindi, il mio paragone era proprio con i suoi bestseller. La storia si presenta all'inizio interessante, misteriosa, a tratti quasi claustrofobica, con la presenza di personaggi ingombranti, pesanti e profondi. Il protagonista, Annelyn, è sempre a metà fra cacciatore e preda. Un po' come nelle Cronache, anche qui nulla è mai scontato e questo, senz'ombra di dubbio, è la parte più interessante del libro. Infatti, Martin, non annoia mai del tutto anche se, come in questo caso, la storia risulta essere un po'.. banale. E' davvero con tanta tristezza che azzardo a scrivere ciò: la trama è noiosa. La trama è intensa a tratti, non scorre liscia, è come se non ci fosse stata la solita macchinazione tipica di Martin (chi ha letto le Cronache può capire benissimo). Nonostante la trama abbia questo piccolo - grande - problema il vero punto forte del libro è lo stile di Martin: così tolkeniano, così forbito, così abile, così... bello. Ecco, nonostante le lunghe descrizioni - che fanno proprio vedere ai lettori le cose - non ci si stanca. Comprerei questo libro? Forse sì ma non posso dire che sia minimamente all'altezza dei precedenti. Penso che sia un libro senza infamia e senza lode e, sottolineo, prima di scrivere ciò ho letto l'opera ben due volte. Concludo sostenendo che Martin, come sempre, si dimostra un maestro del fantasy, anche se qui vi sono degli elementi di molti altri generi (ad esempio ho sentito qualcosa del distopico).
Forse la mia è una voce fuori dal coro?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Non posso dire "no, non è da leggere" perché non è assolutamente così. Come ho già scritto su, semplicemente, non è fra le opere massime dell'autore. Sembra un libro pubblicato un po' così, senza capo o coda. Però sì, potrei consigliarlo a ha già letto di Martin oppure ci si potrebbe fare un'idea errata per chi non ha mai preso in mano un suo libro.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ali d'argento
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Io sono il castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una lettera per Sara
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri