Dettagli Recensione

 
Glass magician
 
Glass magician 2018-09-08 12:49:06 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    08 Settembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Carta batte vetro

Al termine del commento a “Paper Magician” mi ero augurata che l’autrice apportasse alcune migliorie sia alla storia sia al suo stile. Completata la lettura di questo secondo capitolo, posso affermare con cognizione che se lo stile è rimasto grosso modo inalterato, la storia è stata sviluppata in maniera ben più consapevole ed approfondita, con la scelta di inserire qualche personaggio secondario in più -nonché di caratterizzarlo a dovere- e di rendere più adrenaliniche le scene d’azione.
Sul fronte dell’inventiva invece non ho nulla di nuovo da segnalare, anche questa volta la Holmberg è riuscita ad incantarmi con la sua sconfinata fantasia e la capacità di ideare nuove magie collegate ai materiali più disparati: non solo carta, ma anche vetro, fuoco, ferro, gomma e (ancora me ne stupisco) plastica!
La vicenda riprende alcuni mesi dopo lo scontro tra l’apprendista della carta Ceony e Lira, l’escissionista -ossia chi sfrutta la magia del sangue- che aveva letteralmente rubato il cuore del Mago Thane. Gli studi per la giovane protagonista proseguono con ottimo profitto, ma la lotta contro i maghi del sangue non è conclusa; in particolare, in questo volume vedremo Ceony scontrarsi con l’imponente Grath, deciso a liberare Lira dall’incantesimo che l’ha trasformata in una statua di ghiaccio, e lo spietato Saraj.
Continua anche a svilupparsi la relazione tra la protagonista ed Emery Thane, legame che ottiene finalmente la dovuta attenzione da parte dell’autrice. Il loro rapporto nel primo volume era infatti privo di solide basi e risultava pertanto forzato; in questo sequel, le molte scene in cui li vediamo interagire e confrontarsi contribuiscono a rendere più reale la storia d’amore tra i due, che personalmente ho trovato davvero dolce.
L’aspetto della trama che meno mi ha convinto è indubbiamente il finale: anticlimatico e, rispetto a “Paper Magician”, privo di una vera traccia su quanto accadrà nel capitolo conclusivo.
Uno dei miei elementi preferiti in questa trilogia è la protagonista; a differenza di buona parte dei suoi “colleghi”, Ceony non è una prescelta, capace di imprese mirabolanti in nome di un destino già scritto, e il suo univo superpotere si riduce ad una valida memoria. Reputo molto positivo che la Holmbeerg abbia scelto di tratteggiare una ragazza consapevole dei propri difetti e decisa ad affidarsi unicamente alle proprie capacità.
Al Mago Thane viene concesso più spazio e una scena d’azione davvero convincente; positivo l’inserimento di un suo capitolo POV perché, a dispetto del lungo viaggio nel suo cuore, i sentimenti dell’uomo non erano stati ben descritti.
Come già accennato, in questo volume vengono introdotti diversi nuovi personaggi, come la dolce Delilah e i familiari di Ceony -sono accennati in precedenza-, nonché degli antagonisti finalmente degni di tal nome, incuranti degli innocenti che potrebbero essere coinvolti nelle loro azioni ma ancora carenti di valide motivazioni. Il principale problema con gli scissionisti è la mancanza di un vero e proprio piano o missione che li guidi, o se c’è il lettore non ne viene messo a parte; mi auguro che l’ultimo volume fornisca delle risposte più concrete a questo riguardo.
Oltre alla stupefacente fantasia con cui è stata creata l’ambientazione per questa trilogia, la narrazione della Holmberg viene arricchita dalle descrizioni quasi minuziose e capaci di rendere vivido un mondo di fantasia.
L’autrice dimostra la sua bravura anche quando scrive della passione con cui Ceony si dedica alla Piegatura, sebbene quella non fosse la sua prima scelta in fatto di magia. Buona anche l’idea di introdurre di volta in volta gli incantesimi collegati al vetro di previsione dello scontro finale.
Tutto sommato, ritengo che questo capitolo abbia segnato un chiaro passo avanti per la trilogia e mi auguro che “Master Magician” possa proseguire sulla stessa strada, regalandoci un degno epilogo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Miti del Nord
Un assassino alle porte
Il portale degli obelischi
Questo oscuro duetto
Lanny
Tra le braccia di Morfeo
Questo canto selvaggio
La torre del corvo
La quinta stagione
Una fiamma nella notte
La stagione delle tempeste
La signora del lago
La torre della rondine
Il battesimo del fuoco
Lascia dire alle ombre
Gli occhi del drago