Dettagli Recensione

 
Un buon posto dove stare
 
Un buon posto dove stare 2017-07-07 08:24:33 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    07 Luglio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La casualità dell'esistenza quotidiana

Francesca Manfredi è l’autrice esordiente che con il suo Un buon posto dove stare, edito da La nave di Teseo 2017, si è aggiudicata il Premio Campiello Opera Prima 2017, offrendo alla giuria e ai lettori una raccolta di undici racconti.
Sebbene differenziati tra loro per situazioni e personaggi, si intuisce l’importanza per l’autrice di qualcosa che li accomuni: non si tratta di un vero filo conduttore né di un tema, quanto della ambientazione: la casa, il nucleo familiare, rappresentano in quasi tutti il fulcro di ogni vicenda.
Un tempo allieva della Scuola Holden, presso la quale oggi tiene corsi di narrazione, l’autrice dimostra ottime capacità in quanto a scelta delle parole, uno stile limpido e scorrevole, privo di fronzoli.
Narra di mondi complessi, intimi e spesso dolorosi, in cui il lettore si immerge con una naturalezza non comune e da cui viene escluso proprio quando inizia a sentirsi a proprio agio:
“Per un attimo ho pensato di aver fatto la cosa giusta, e che presto o tardi avrei potuto farne altrettante, di cose giuste, se solo mi ci fossi messo”.
I protagonisti dei racconti sono persone comuni alle prese con situazioni di vita quotidiana, drammi piccoli o grandi che potrebbero colpire chiunque, in qualunque momento. Eroi improvvisati e quasi casuali del regno della letteratura, avvolti da auree misteriose.
L’autrice ha una voce bella, pulita, spietatamente diretta, sia che la narrazione sia alla prima o alla terza persona. Ad esempio:
“Si mette di profilo, ispira forte e gonfia la pancia. (…) Rimane così fino a che le manca il fiato, allora butta fuori l’aria che riempie la pancia per prenderne di nuova. Prova ad immaginare se accadesse a sua madre, se il bambino non fosse altro che una bolla d’aria e che un giorno o l’altro se ne andasse, semplicemente, soffiato fuori dalla sua bocca.” .
Una lettura scorrevole, ma dura, tesa alla dimostrazione di come l’esistenza sia sfuggente ed imprevedibile. Una scrittrice da scoprire ed apprezzare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Bella recensione! Questo libro mi attira. Elena
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri