Dettagli Recensione

 
Afterburn. Aftershock
 
Afterburn. Aftershock 2014-06-12 07:56:02 Amarilli73
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    12 Giugno, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gia & Jax

Ormai i personaggi della Day sono inconfondibili, e anche qui la coppia protagonista non si smentisce: esibizionista e fracassona, nella vita e nel sesso.
Gianna è l’unica femmina e più giovane di una famiglia di ristoratori italo-americani (quindi burrosa nelle forme e adoratissima figliola viziata e protetta), Jackson è l’erede di una famiglia snob miliardaria, che, come tutti i maschi di Sylvia Day (ma da dove trae ispirazione?), oltre ad essere scandalosamente ricco, bello, smaliziato, furbo, arrogante, ha la potenza sessuale di una mandria di bisonti (tutti insieme) e sc...a da Dio (per cui è perennemente contornato da femmine stecchite a terra, come falene risucchiate dal lumino fatale). Insieme, i due risultano quelli che quando li vedi, alle feste, non puoi fare a meno di scuotere la testa per la loro cafonaggine, ma poi, sotto sotto, li continui ad occhieggiare dal tuo deprimente divanetto perbenista. E dentro ti rosichi pure un po’…

Gianna Rossi, in realtà, fa quasi tenerezza: all’inizio del libro, lei medita vendetta, perché è stata sedotta e abbandonata, ma ha imparato la lezione. Dopo cento pagine, Jax è ritornato, lei si è riscivolata ai suoi piedi, lui l’ha rifregata abilmente e lei giura che stavolta sarà lui a giocare secondo le sue regole. Ma stiamo parlando di una che sfrigola in perenne surriscaldamento, che ha i brutti pensieri anche solo guardando i suoi (pur affascinanti) fratelloni. Insomma, più che cucinare, è brava farsi infilare in un tegame con patate e una mela (grossa) in bocca, e questa è in veloce sintesi la trama.

Secondo me, questi romanzi si possono leggere solo d’estate, per cui prendetevi un’amaca, una sdraio o stendete un comodo plaid sull’erba fresca del prato, e non ostinatevi a cercare un senso logico nei dialoghi (non è difficile: “Ti voglio piccola” e “Oh, Jax, entra dentro di me” sono uniche le parole chiave da memorizzare in trecento pagine esatte), né una qualche specifica morale nella storia. L’amore? La famiglia? Il sesso come panacea di tutte le crisi familiari e amorose?

Niente sforzi intellettuali, pensate solo a rilassarvi. Credere che gente come Jax e Gia possa anche solo respirare sul serio non costa nulla ed è pure divertente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Letture leggere per l'estate
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)