Narrativa italiana Racconti Il mar delle blatte e altre storie
 

Il mar delle blatte e altre storie Il mar delle blatte e altre storie

Il mar delle blatte e altre storie

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Mille libri di avventure ci hanno narrato del giovane eroe che arditamente parte, forte soltanto della propria fede in un alto destino, alla conquista di terre e amori impervi e lontani. Ma immaginiamo che l’eroe sia un qualunque ragazzo turbato da vendicative insicurezze, guardiamolo trascinare verso un mare nero perché interamente coperto di blatte un padre reso imbelle e una fanciulla sadicamente abbandonata a un fantasioso quanto riprovevole oltraggio – ed eccoci penetrati, attraverso il racconto che dà titolo al volume, nell’universo surreale e letterariamente blasfemo di cui Landolfi regge con accanita destrezza le fila, sino a quel memorabile tour de force che è la descrizione dettagliata degli amori fra un minuscolo verme e l’eroina Lucrezia. È un gioco lieve e perverso, che si rinnova, ogni volta inventando nuovi percorsi e nuovi bersagli, in tutti i testi di questa raccolta di racconti, specialmente celebrata fra quelle del primo Landolfi. Vi incontriamo molte delle vene tipiche dell’autore: dalla vocazione parodica che si esercita, non senza divertimento, sul terreno dell’orrore alla lettura in chiave paradossale dell’ottusa frenesia di chi vive in situazioni soffocanti e chiuse; e, ancora, il gusto dell’intelligenza pura che si scatena in ironiche acrobazie concettuali e stilistiche.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il mar delle blatte e altre storie 2019-08-14 12:23:52 Scavadentro
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Scavadentro Opinione inserita da Scavadentro    14 Agosto, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli albori del surrealismo

Molti sono gli scrittori italiani che, per varie vicissitudini, sono misconosciuti al grande pubblico. Eppure alcune figure (Achille Campanile per la letteratura umoristica, Ennio Flaiano per la satira e Malerba, Manganelli, Morselli ecc.) meriterebbero ben altra considerazione e platea. Tra essi è certo Tommaso Landolfi, capace di una scrittura unica e innovativa, assolutamente anticipatrice di movimenti e tematiche solo nel tardo novecento sviluppatesi. Leggere i racconti grotteschi e surreale partoriti dalla fantasia dell'autore è come ammirare una tela di De Chirico o meglio ancora di Salvador Dalì. Le invenzioni sono continue e spiazzanti, con rimandi simbolici e riferimenti all'inconscio, all'incubo, alla malattia fisica e mentale, al disagio di vivere e alla rottura degli schemi. Il racconto che da il nome alla raccolta, "Il mar delle blatte", ben dimostra questa totale rottura degli schemi allora sacri e inviolabili in letteratura (siano nel 1939). Il protagonista del narrato è il giovane Roberto, giovane spensierato al cui padre, avvocato, ispira sentimenti di preoccupazione per mancanza di spirito e conformismo. Ben presto il racconto assume toni landolfiani con la figura paterna che da una ferita al braccio "partorisce" un verme azzurrino e una serie di oggetti-simbolo, che scatenano la verve di Roberto, il quale si trasforma in avventuriero e trascina il padre al porto. Ivi si imbarca con una ciurma di volgari marinai, ognuno chiamato come l'oggetto fuoriuscito dalla ferita, imprigionando altresì l'amata Lucrezia. La destinazione è il mar delle blatte, costituito da immondi insetti (Kafka? la metamorfosi?) La ragazza, che Roberto vuole conquistare, ama invece il verme azzurro, con il quale il protagonista ha un confronto paradossale dal quale ovviamente esce sconfitto. Il narrato è permeato di riferimenti grotteschi, forse disturbanti ma assolutamente geniali. Ogni racconto è di per se una sorpresa, sia per il periodo in cui viene concepito (ripeto anni '30) sia per il contenuto. Onde non essere tedioso o svelare troppo mi limito a segnalare quello sul lupo mannaro, ove il protagonista ruba la luna, rivelatasi una vescica biancastra...Alcuni critici hanno visto nel Landolfi molti simboli sessuali criptati. Mi limito a rilevare che la scrittura di questo autore è assolutamente unica e meritevole di analisi ben più approfondita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I racconti di Buzzati
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri