Narrativa italiana Romanzi storici Il settimo peccato
 

Il settimo peccato Il settimo peccato

Il settimo peccato

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


E se il pittore Bosch fosse stato uno stregone che parlava delle opere di Dio per confondermi? Se, per assurdo, Isabella fosse stata sua complice, e non una vittima dei suoi incantamenti? E se io stesso fossi stato preda di qualche sostanza che mi rendeva schiavo delle sue azioni? Siamo all'inizio del Cinquecento e Giovanni Ciocchi, ai tempi in cui narra questa storia, è ancora molto lontano dal giorno del 1550 in cui verrà eletto papa e prenderà il nome di Giulio III. Ha poco più di quindici anni ed è in viaggio verso Venezia insieme all'inquisitore francescano Martino da Barga, suo mentore e maestro di vita. Magister e apprendista sono convocati nella Serenissima per partecipare al processo inquisitorio contro il pittore Hieronymus Bosch, accusato di eresia e blasfemia per aver dipinto un Cristo in croce con le fattezze femminili. Mentre Giovanni e Martino fanno la conoscenza dell'eccentrico pittore, della sua singolare visione del mondo e del suo stile di vita dissoluto, con l'intento di difenderlo dalla gravissima accusa che pende sul suo capo, nelle calli cominciano a verificarsi dei macabri delitti. Uno dopo l'altro vengono ritrovati sei cadaveri, su ognuno dei quali l'assassino si è divertito a lasciare segnali da decifrare: monete incastrate nei bulbi oculari, frutti e salsicce deposti accanto ai corpi, e soprattutto piume d'uccello, piume che spuntano dalle tasche, dai corsetti, dalle bocche delle vittime, come firme lasciate da un autore a margine delle proprie opere. Tutta la città conta sul fiuto del magister, noto anche come investigatore ed esperto di cause di morte, per interpretare le tracce seminate dall'omicida e fare luce sull'enigma. Naturalmente, il principale indiziato è proprio il blasfemo e impopolare Hieronymus Bosch.

Recensione della Redazione QLibri

 
Il settimo peccato 2018-07-13 11:11:25 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    13 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hieronymus Bosch

«Imparai Giovanni», mi diceva «che l’eccesso di luce inganna la vista e impedisce di riconoscere la realtà»

1550. Giovanni Ciocchi è stato eletto Papa e nella sua nuova veste ha assunto il nome di Giulio III. È ormai un uomo più che adulto, un uomo che non può dimenticare quel che è stato. Sa che è tempo di narrare, di raccontare quei fatti che furono e che ancora sono vividi nella sua mente.
Contava appena quindici lustri quando, insieme al suo Magister, l’inquisitore francescano Martino da Barga, mentore dell’adolescente nonché maestro di vita a cui è stato affidato dal padre, si mette in viaggio per Venezia. La ragione della loro convocazione presso la Serenissima risiede nel fatto che sono stati chiamati a partecipare al processo inquisitorio contro un valente pittore, e più precisamente contro il pittore fiammingo Jeroen Anthoniszonn van Aken, meglio conosciuto come Hieronymus Bosch, o ancora, per noi italiani, Bosco di Bolducin, invitato a corte niente meno che dalla nobile famiglia Grimani di, appunto, Venezia appena un anno prima dei fatti di cui all’imputazione. Accusato di eresia e blasfemia per aver dipinto un Cristo in croce con fattezze femminili, l’artista si distingue sin da subito per la sua particolare visione del mondo e non sarà semplice per il Magister riuscire a tutare i suoi interessi soprattutto perché proprio mentre in capo a questo pende una gravissima ipotesi di colpevolezza, iniziano a manifestarsi macabri omicidi: ogni vittima che viene rinvenuta priva di vita presenta un segnale da decifrare, un segnale apparentemente privo di senso (come il deposito di cibo vicino al corpo o ancora la presenza di monete e piumaggio vario sul medesimo) ma che in realtà è parte di un quadro più grande. Il Magister, noto oltretutto investigatore, non può sottrarsi al compito di scoprire chi si cela dietro questi crimini efferati, in parte per un senso di giustizia, in parte perché i principali sospetti di colpevolezza ricadono proprio su Hieronymus, di cui ha assunto la difesa. Il suo, tra l’altro, è un ruolo ancora più delicato se si pensa che è stato nominato sì avvocato della difesa – o se preferiamo del diavolo visto che tutti gli inquisiti sono considerati ipso facto emissari del demonio – e quindi del pittore all’interno del tribunale dell’Inquisizione, quanto anche difensore del suo committente stesso e dunque una della famiglie più potenti del tempo. Martino, tra l’altro, non può permettersi di inimicarsi né l’inquisitore, né il Papa, né la Repubblica di Venezia, ma nemmeno i Grimani. Senza contare, ancora, che l’accusato è protetto da Filippo il Bello. Riusciranno Maestro e allievo a far chiarezza sul mistero?
Quello costruito da Carlo A. Martigli è un perfetto thriller con una base storica e artistica solida a cui si aggiunge un linguaggio pregiato, minuto, erudito, attento e preciso. Attraverso la figura del pittore olandese e grazie allo scandalo artistico che ne ha da sempre accompagnato la fama, l’autore riesce a dar vita a un giallo storico che affascina, conquista e colpisce in ogni sua minuzia e colpo di scena.
La trama è inoltre compatta e ben incasellata, i personaggi sono concreti, palpabili e non compiono mai gesta eccessive, si basano sempre sulla logica e l’intelletto e mediante questi elementi giungono a conclusioni e intuizioni di vario genere. Ciò li rende veritieri e affascinanti per il conoscitore che si approssima agli avvenimenti tanto che la lettura scorre rapida e senza difficoltà. Ogni tassello riesce a ricondurre a quello che è il passo successivo fino alla discoperta di quello che è il disegno finale.
Un giallo storico che si distingue per trama, ricostruzione e stile narrativo. Pregiato, raffinato, intrigante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono corso verso il Nilo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri