Narrativa italiana Romanzi storici Il signore della paura
 

Il signore della paura Il signore della paura

Il signore della paura

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È il radioso mattino della Pasqua dell'Anno del Signore 1403. Tra le colline e i boschi presso Firenze, non lontano dal santuario della Madonna dell'Impruneta patrona della città, affiora da un profondo pozzo una candida statua marmorea della dea Venere. L'evento è salutato con superstiziosa paura da chi vede in quell'idolo pagano un messaggio demoniaco e con gioia commossa da chi invece si sente, in quell'alba del Quattrocento, già toccato dal soffio gentile dell'umanesimo. Vieri, duro ed energico erede del possente casato dei protettori del santuario mariano, i Buondelmonti, interpreta quel ritrovamento come un presagio che direttamente lo riguarda: e parte verso Oriente, verso l'Asia lontana, inseguendo le fantasie cavalleresche della giovinezza. Ma forse deve anche compiere una truce faida; e forse è perseguitato da un cocente rimorso. In quello stesso mattino, un giovane guerriero ghibellino convertito al messaggio francescano prega nella chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme e un anziano gentiluomo castigliano si appresta, in una Segovia ancora invernale, a ricevere dal suo re una delicata missione diplomatica. I destini di questi tre cavalieri s'intrecceranno, prima sulle onde inquiete del Mediterraneo e nei sortilegi delle sue isole e poi in una cavalcata lungo le piste carovaniere della Via della Seta, alla volta della magica Samarcanda del Signore della Paura, il potente e feroce Tamerlano che a sua volta sta ormai cullando il suo sogno più folle, la conquista del Celeste Impero.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il signore della paura 2018-11-23 06:22:15 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    23 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Destinazione Samarcanda

Siamo nel XV secolo, nell’anno del Signore 1403, all’incirca alla fine di quell’era chiamata Medioevo e quindi prossimi all’avvento del Rinascimento, un periodo di transizione, si potrebbe dire. L’Europa è ben diversa dall’attuale, così come tutto il mondo conosciuto e, nonostante le frequenti guerre che insanguinano il continente un pericolo assai consistente si sta affacciando dall’Asia, dove un esercito di grandi dimensioni e ben addestrato va conquistando territori su territori, sotto la guida energica ed esperta di un mongolo di nome Timur Beg, italianizzato in Tamerlano. Per motivi diversi, di carattere diplomatico o personale, tre uomini si mettono in viaggio per andare a conoscere il nuovo Gengis Khan. Sono il nobile Don Ruy de Clavijo, camarero del re Enrico di Castiglia, il fiorentino Vieri, figlio di Rinaldo del casato di Buondelmonti, e Arrigo, un uomo misterioso che ha lasciato precipitosamente l’Italia per trovare rifugio nell’ordine francescano di Gerusalemme. Tutti e tre, partendo dalle rispettive sedi, si mettono in cammino per Samarcanda, con itinerari diversi che finiranno poi per incrociarsi. Sono viaggi di altri tempi che attraversano terre oggetto di continue guerre, fra paesaggi incantevoli e altri che invece sgomentano, un’avventura nel vero e proprio senso della parola le cui difficoltà non fermeranno nessuno dei tre uomini, inconsapevoli esploratori e testimoni di un’epoca. I riferimenti storici sono puntuali, e d’altra parte non si deve dimenticare che l’autore è uno storico di valore, ma in questo contesto non si può non apprezzare la creatività di Franco Cardini, capace di servire al lettore un testo che nel renderci edotti di una situazione geo-politica così lontana nel tempo ci allieta anche con una trama ben congegnata, ci stupisce con descrizioni da Mille e una notte, stimola il nostro intelletto con profonde riflessioni sul senso della vita. Credo che anche chi non è avvezzo ai testi storici, spesso purtroppo noiosi, in questo caso risulterà avvinto da trame, ambienti e personaggi che riescono a proporre in modo notevolmente gradevole i fatti di un lontano periodo. Potrà apprendere così che sotto l’aspetto religioso le analogie fra mussulmani e cristiani non sono dovute al caso, si renderà conto che la storia è un percorso inconsapevole della vita di ognuno di noi, avrà la certezza di imparare qualcosa di nuovo ritraendone un grande piacere. E tutto questo non solo non è poco, ma è tanto, a patto però che la lettura sia attenta, perché con tre trame che procedono parallelamente è un momento fare confusione ed è questo forse l’unico appunto che muovo all’opera, difficoltà peraltro che può essere agevolmente superata a condizione di ricorrere a un po’ più di impegno nella lettura.
Questo è il secondo lavoro di Franco Cardini che ho occasione di leggere, di questo storico che è presente di frequente nei servizi di Rai Storia, dove si fa apprezzare per chiarezza e capacità di sintesi. Sono più che determinato, dopo la lettura di questo romanzo e di L’avventura di un povero crociato, di estendere la mia conoscenza dell’autore ad altre sue opere, perché apprendere, divertendosi, è quanto di meglio ci possa essere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il signore della paura 2007-10-24 14:29:46 Un lettore
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Un lettore    24 Ottobre, 2007

Sono un po' deluso...

Sono un po' deluso. La copertina, la trama e le righe iniziali del primo capitolo mi hanno ingolosito, senza poi mantenere la promessa! Più che di un romanzo, a dirla breve, si tratta di un dettagliato resoconto sul viaggio in Oriente nel XV secolo. Le vicende dei tre protagonisti si perdono in un labirinto di nozioni, incisi interminabili e precisazioni storiche che, sebbene interessanti, impoveriscono a mio avviso la storia. Per chi non è amante del genere, ridondanza e verbosità possono risultare una zavorra insostenibile. Con questo lavoro, il dotto Cardini si conferma per quel che è: un brillante saggista, che ama più scrivere di storia che di narrativa. Non facciamogliene tuttavia una colpa...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Saggistica storica.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Jane va a nord
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri