Narrativa italiana Romanzi storici La biblioteca segreta di Leonardo
 

La biblioteca segreta di Leonardo La biblioteca segreta di Leonardo

La biblioteca segreta di Leonardo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Milano, 1496. Leonardo da Vinci ha atteso con ansia quel primo incontro con frate Luca Pacioli, allievo di Piero della Francesca e illustre matematico. Entrato nella cella del frate nel monastero che lo ospita, nell'attesa che questi arrivi, Leonardo si sofferma su un dipinto che ritrae lo studioso. Un insieme di allegorie e di richiami alla geometria euclidea che lo colpisce infinitamente: di certo è stato il frate a scegliere ogni dettaglio. Per Leonardo, da sempre interessato a ogni branca del sapere, la matematica, il cui studio gli era stato precluso, rimane la regina di ogni scienza. Proprio per questo aveva chiesto all'ambasciatore milanese a Venezia di invitare il francescano a Milano. Da lui, potrà finalmente apprendere quel sapere. L'incontro tra i due uomini, però, viene funestato dalla morte del vicino di cella di Pacioli, un sedicente frate, in realtà un ladro, reo di aver trafugato degli antichi testi bizantini giunti in Italia in seguito alla rovinosa crociata in Morea condotta da Sigismondo Pandolfo Malatesta. Quei volumi, scomparsi insieme all'assassino, sono di grandissimo interesse anche per Leonardo e per Pacioli. Insieme, da Milano a Venezia, da Firenze a Urbino, attraversando un'Italia ormai al tramonto della felice epoca pacifica e indipendente di Lorenzo dei Medici, degli Sforza e dei Montefeltro, i due si metteranno sulle tracce dell'assassino e dei testi rubati, e Leonardo scoprirà l'enigma nascosto nel quadro che raffigura Pacioli.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La biblioteca segreta di Leonardo 2019-04-30 04:02:58 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    30 Aprile, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo spiritus mundi desidera tornare al principio

Nella Milano di Ludovico il Moro, Leonardo si appresta ad affrescare l’Ultima cena (“Giacomo minore… somiglia molto a Leonardo stesso, accanto a Bartolomeo, in piedi sull’estremità sinistra della scena, che somigliava molto al Bramante”). Assistito da un garzone bugiardo (“Gian Giacomo rubava tutto ciò che poteva”), l’artista si concentra sulla matematica come chiave di lettura della realtà (“Lo spiritus mundi desidera sempre tornare al suo principio”) alla ricerca della divina proporzione che viene rappresentata nell’uomo di Vitruvio.

L’incontro con il matematico francescano Luca Pacioli e un misterioso delitto spingono Leonardo a ricercare preziosi e antichi libri trafugati, che promettono di attenuare la sete di sapere che caratterizza il grande artista.

Il romanzo è un percorso storico-geografico, tra Milano, Mantova, Venezia, Firenze e Urbino, nell’arte di Leonardo.

Giudizio finale: erudito, interessante, intricato, macchinoso.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

La biblioteca segreta di Leonardo 2019-03-28 15:18:33 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    28 Marzo, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Leonardo enigmista e agente investigativo

Nel 1496 Leonardo di Ser Piero da Vinci è presso la corte di Ludovico Sforza, detto il Moro, a Milano; città che ha sostituito Firenze quale faro della cultura e dell’arte italiana. Per il duca Leonardo progetta armi, spettacoli sontuosi per i suoi ospiti e innovazioni che potrebbero rivoluzionare la scienza militare, i trasporti e i sistemi di coltivazione nell'intero territorio ducale. Quando il tempo e l’ispirazione glielo consentono, o il duca glielo impone, dipinge splendidi ritratti alle donne del suo Signore, siano esse la legittima consorte o qualcuna delle occasionali amanti. In questi anni termina pure l’esecuzione del Cenacolo per il convento di S. Maria delle Grazie e prova a realizzare l’immensa statua equestre di bronzo in onore di Francesco Sforza. Però, sopra ogni cosa, Leonardo studia. Studia tutto ciò che solletichi la sua inesauribile curiosità: anatomia, matematica, meccanica, fisica, cercando di strappare alla Natura il segreto delle sue leggi o di comprendere l'essenza stessa dell’uomo.
Nel 1496 nasce pure la salda amicizia tra lui e il frate Luca Pacioli, allievo di Piero della Francesca e illustre matematico rinascimentale.
Quell'incontro fornisce l’ispirazione allo scrittore e dantista Francesco Fioretti per questo romanzo nel quale, miscelando la vita reale del genio fiorentino con la finzione letteraria, si aggiunge alle tante avventure realmente vissute da Leonardo, pure un’indagine investigativa totalmente inventata che avrebbe tenuto occupati per anni i due amici studiosi.
Questa la storia: nel convento francescano di Milano, ove padre Pacioli è ospite, viene trovato morto, anzi, barbaramente ucciso, uno dei confratelli. In effetti, dopo alcune indagini, si scoprirà che il defunto non era affatto un monaco, bensì un uomo al servizio dei Malatesta, sotto mentite spoglie. Dalla sua cella sono stati trafugati alcuni rarissimi volumi bizantini portati in Italia da Sigismondo Pandolfo Malatesta reduce dalla crociata in Morea. Si tratterebbe di libri di incalcolabile valore anche scientifico, poiché conterrebbero studi e dotte dissertazioni sulle conoscenze ormai perdute degli antichi studiosi alessandrini. Chi ha ucciso l’uomo e, soprattutto, dov'è finita la preziosissima biblioteca? A questo enigma se ne intreccia un altro: Luca Pacioli reca con sé un suo ritratto eseguito da Jacopo de’ Barbari nel quale è contenuto un enigma intrigante che dovrebbe fornire la chiave per un codice segreto studiato dal frate ad uso dei signori di Montefeltro. Cosa vogliono significare quegli strani solidi geometrici e quei riferimenti matematici che si vedono nel dipinto?
Per Leonardo quei misteri apparentemente insolubili sono un’attrazione irresistibile: divengono tarli che gli rodono e occupano parte della mente per anni, anche dopo il suo allontanamento da Milano, e lo perseguitano durante la vita raminga per l’Italia sino alla loro auspicata risoluzione.

Nel cinquecentesimo anniversario della morte del genio fiorentino l'A. si diverte ad inventare una storia di rompicapi enigmistici, di intrighi e complotti, nella quale Leonardo assume il ruolo del grande investigatore deduttivo. Tuttavia l’intreccio avventuroso è una mera scusa, anche piuttosto esile e coltivata solo a tratti, per parlare di un Leonardo intimo, più personale di quello che normalmente ci viene mostrato. La maggior parte delle pagine, infatti, è dedicata a parlarci di lui: di ciò che va facendo nella vita privata o di ciò che va pensando. Sul filo attento di quanto lascerà scritto nei suoi codici e di quanto gli storici ci hanno riferito, viviamo al suo fianco una serie di episodi, parzialmente scollegati tra di loro, dai quali emergono la sua personalità, i suoi turbamenti, forse pure amorosi, le ansie di conoscenza e le preoccupazioni per l’Italia, preda di un caos crescente. Da ogni riga traspare l’attenta documentazione che ha guidato l’opera che oltre ad essere romanzo è pure biografia e storia dell’arte rinascimentale.
Purtroppo questa ansia di raccontare tanto (troppo) di Leonardo e dei suoi contemporanei fa perdere unità e piacevolezza al romanzo. Dal momento che il romanzo si vorrebbe proporre soprattutto come finzione giocosa sul personaggio, l’eccessiva pedanteria storico artistica-rievocativa risulta defatigante.
Indubbiamente se l’A. si fosse concentrato solo sulla fantastica vicenda spionistica ne sarebbe uscito un indigeribile polpettone, una specie di “Codice da Vinci” in costume. Fortunatamente ciò non è avvenuto. Tuttavia forse, si è ecceduto nella direzione opposta: troppa storia e poca trama. Non aiuta a sedurre il lettore neppure l’enigma dell’eicosiexaedron (il solido archimedeo a 26 facce chiave del rovello pensato dal Pacioli): il rompicapo che offre è indubbiamente allettante, ma forse troppo arzigogolato e matematico. Io, che di solito cado nella trappola e cerco di precorrere lo scritto risolvendo anticipatamente gli enigmi, questa volta mi sono lasciato pedissequamente guidare fino alla soluzione senza particolare entusiasmo, né ho provato ad affrontare il gioco per smartphone in stile “Cubo di Rubik” che fa da completamento al libro e al gioco enigmistico.
Nonostante questi difetti il fascino di essere calati, al fianco di Leonardo, in una delle epoche più stimolanti della storia italiana attrae ed attira e, quindi, nel complesso il romanzo è piacevole oltre che istruttivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri