Narrativa straniera Classici Fino a dopo l'equinozio
 

Fino a dopo l'equinozio Fino a dopo l'equinozio

Fino a dopo l'equinozio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Keitaro è un ragazzo romantico, geneticamente insofferente alla mediocrità e con un'ardente passione per l'inusuale. Da quando ha terminato l'università, però, la vita non gli ha concesso nulla di romanzesco. Lo ha portato soltanto a recarsi a casa di sconosciuti per consegnare lettere di raccomandazione e a trascorrere, nella pensione per scapoli in cui dimora, il resto delle ore nell'indolenza più assoluta. Nella pensione vive anche Morimoto, un uomo oltre la trentina di una magrezza impressionante e dall'occupazione misteriosa. Dice di essere stato un marito integerrimo, di aver pescato salmoni in qualche regione di Hokkaido, di aver progettato una società per la produzione dei tappi per gli otri di sake. Da sotto i baffi trasandati narra, insomma, con estremo garbo racconti così strani da poter essere assimilati a storie di fantasmi. Quando rientra dal lavoro, inoltre, non tralascia mai di indossare un abito nuovo fiammante con la giacca dall'ampio bavero, per poi riuscire stringendo in mano uno strano bastone da passeggio di bambù, dall'impugnatura a forma di serpente con la bocca spalancata, come se stesse per inghiottire qualcosa. Un giorno, però, Morimoto scompare all'improvviso senza pagare l'affitto della pensione, lasciando il suo bastone da passeggio là dove lo ha sempre riposto, nel portaombrelli davanti all'ingresso. Sulla scrivania della propria stanza Keitaró trova una lettera in cui l'ex bizzarro ospite della pensione lo esorta ad appropriarsene e a farne buon uso. Un consiglio che si trasforma per il ragazzo in una persecuzione tale da spingerlo a preoccuparsi della sua salute mentale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fino a dopo l'equinozio 2020-06-26 07:52:14 archeomari
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    26 Giugno, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra desideri ed indolenza

Il titolo mi ha tratto in inganno, l’ho capito dopo aver letto la prefazione dello stesso Soseki, indiscusso maestro di Tanizaki, Kawabata e Mishima:

“In realtà Fino a dopo l’equinozio è un titolo privo di senso che ho scelto solo perché ho messo mano al lavoro il primo giorno del nuovo anno, con l’intenzione di terminarlo poco dopo l’equinozio di primavera”.

Dalle prime pagine si assapora immediatamente una scrittura elegante e sofisticata e non potevo certo lasciarmi scoraggiare da questa prefazione. Ho trovato infatti incantevoli descrizioni naturalistiche di un Paese del Sol Levante ante-occidentalizzazione, descrizioni di stati d’animo magistrali. C’è una profonda consapevolezza della qualità della propria scrittura al punto che l’autore, pur dichiarandosi al di là di ogni etichetta naturalistica, ha veramente lasciato che i diversi racconti del romanzo procedessero, entro certi aspetti, autonomi, poiché un romanzo è diverso dal disegno di un architetto, possiede una propria vitalità e una propria necessità evolutiva rispetto al progetto iniziale (cfr. prefazione dell’autore) .
Come ho appena anticipato, il romanzo si compone di più racconti che, all’inizio, mi avevano lasciata perplessa, poiché non ne avevo subito colto il collegamento, inoltre la lettura faticava a decollare poiché la prima parte non mi aveva particolarmente coinvolta.
Se prendiamo insieme le due “macrostorie” dei due giovani laureati nullafacenti, quella del giovane Keitaro all’inizio che, terminati gli studi è tormentato dalla necessità di trovare una degna occupazione e Sunega, che tale tormento non lo tange, perché preso totalmente dall’analisi del proprio carattere indolente e incontentabile, vi si trova alla fine un fil rouge, quello della ricerca di una propria identità nel mondo.
La tecnica di Soseki è quella del punto di vista multi focale : ogni racconto è narrato da personaggi diversi e manca il narratore onnisciente, tutto questo rimanda sicuramente alla volontà dell’autore di riflettere la disgregazione degli antichi valori nel mondo giapponese moderno. Discorso quanto mai attuale per un libro scritto nel lontano 1912.

“La mente umana è molto più resistente di quanto pensassi. Ti confesso che dopo la nostra conversazione ero spaventato a morte. Eppure, malgrado tutto, la mia mente non è ancora andata in pezzi. Credo proprio che potrò usarla ancora a lungo!“.


Non c’è molta azione in questo libro e la trama è essenziale, lo consiglio dunque a tutti quei lettori appassionati di letteratura, interessati alle descrizioni di stati d’animo contrastanti che desiderano scoprire il grande padre del romanzo giapponese moderno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le altre opere dell’autore
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri