Jane Eyre Jane Eyre

Jane Eyre

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Jane, una povera orfanella che ha trascorso la fanciullezza in un triste asilo di Lowood, dopo anni di stenti e di solitudine, viene assunta come governante in casa Rochester. Il cinico padrone finisce per innamorarsi di lei ma quando si sta per celebrare il matrimonio, una scoperta viene a sconvolgere la vita della fanciulla: la moglie di Rochester, creduta morta, è ancora in vita, prigioniera della pazzia.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 34

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.7  (34)
Contenuto 
 
4.6  (34)
Piacevolezza 
 
4.6  (34)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Jane Eyre 2024-06-06 11:52:38 dani79
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
dani79 Opinione inserita da dani79    06 Giugno, 2024
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nel vecchio sta il nuovo. Da leggere.

Avete presente quando per mesi e mesi vi passano tra le mani e sotto gli occhi dei libri brutti, e vi sentite perseguitati dalla sfortuna del lettore? Quando pensate che forse è arrivato il momento di mettere da parte i libri e dedicarsi, nonostante un'innata maldestrezza, al ricamo? Mi trascinavo ormai da una dolorosa lettura all'altra, quando nell'edicola del mio piccolo, piccolissimo paese mi imbatto in un leziosa e infiorata copertina di Jane Eyre. Ho sempre nutrito numerosi preconcetti su questo libro, in ragione del genere, che non è propriamente quello che più mi si aggrada, e del film (per intenderci, quello di Zeffirelli), che non ho mai gradito particolarmente, nonostante riconosca sia un capolavoro. Che dire, alla fine l'ho acquistato e ho fatto bene. Che magia, che meravigliosa scrittura, che diligenza intellettiva, che modernità! Dopo aver letto Jane Eyre, perdono generosamente chi ha scritto quei brutti libri, che i libri mi facevano odiare.
Comunque, leggetelo! Che siate lettori schizzinosi o no, che godiate di un temperamento romantico o che, come me, proviate maggiori e più profonde emozioni di fronte a una carbonara che a un tramonto, vi prego di non stornate questo classico dalle vostre prossime letture. È un libro di democratica bellezza. Merita tutta la vostra attenzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2023-02-14 19:16:31 silvia t
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia t Opinione inserita da silvia t    14 Febbraio, 2023
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il capolavoro di Charlotte

Era il 1847 e Charlotte Bronte scrive un capolavoro: Jane Eyre.
Innumerevoli i piani di lettura che offre il romanzo, innumerevoli gli spunti di riflessione.
Ambientato in età vittoriana restituisce usi e costumi dell'epoca tinteggiati di modernità ed emancipazione, il tutto con uno stile travolgente.
Un romanzo di formazione che non lascia spazio al pietismo o alle recriminazioni, Jane accetta la sua condizione senza distribuire colpe (al fato? Alla sfortuna? A Dio?) e da lì parte, come un abile giocatore sa che quelle carte sono solo l'inizio della partita.
Conosciamo Jane bambina, orfana a casa di una zia e dei di lei figli, imposta e non accolta, sopportata e non amata.
In questa prime pagine ciò che più appare chiaro è il temperamento di Jane, il suo senso di giustizia e l'oppressione che quattro mura, per quanto delimitino una superficie ampia, possono incarnare.
Scendendo in profondità, senza fermasi al piano narrativo, seppur coinvolgente, troviamo la rappresentazione, che poi si farà critica nel proseguo del romanzo, della società vittoriana: regole ferree, disciplina, moralità, spesso seguite in modo devoto, ma in contrasto con i sentimenti più profondi, spesso meschini, repressi e soppressi, che esplodono in tutta la loro forza in punto di morte, quasi per lavarsi da ogni peccato di fronte ad essa.
La descrizione della casa degli zii, (lo zio che aveva accolto Jane è morto, ma in qualche modo continua ad abitare la casa e a condizionare gli eventi) seppur non così pedissequa come in altri momenti del romanzo, trasmette l'angoscia, la paura, l'oppressione che Jane prova in quella che ad una lettura più moderna è a tutti gli effetti una situazione abusante.
L'occhio del lettore moderno non può non cogliere quella che è violenza domestica; deve staccarsi dal racconto; il cui narratore interno è non onniscente, è Jane stessa a raccontare eventi passati che sembrano essere stati metabolizzati e propedeutici ad una felicità che si percepisce dal tono sempre rassicurante e protettivo.
Questo punto di vista permette non solo di empatizzare con Jane, ma anche di sospendere il giudizio su quelle che saranno le vicende che seguiranno.
Il piano di lettura psicologico è senza dubbio quello che più affascina, perché permette di attualizzare la lettura che appare senza tempo, è ambientata in Inghilterra nell'età vittoriana ma potrebbe essere ovunque, i personaggi, sia i protagonisti che quelli secondari sono tridimensionali, hanno il loro vissuto che li determina e che determina le loro azioni, nulla appare forzato, nulla appare funzionale alla trama, ma la trama si svolge con i fili che ha a disposizione.
Jane è al di fuori fuori della società che l'opprime, non la percepisce, ama Dio e segue gli insegnamenti di Cristo.
Conosce il bene e il male, non accetta compromessi, conosce una strada e quella seguirà sempre.
Non voglio dilungarmi in una analisi tediosa, il mio intento è di spingervi a leggere questo capolavoro, classico e moderno allo stesso tempo, capace di trascendere i tempi e di essere attuale anche oggi.
Iniziare a conoscere Jane è voler essere con lei, è voler essere lei, essere cieca, ma allo stesso tempo certa e sicura di se stessa, essere così solida grazie a delle fondamenta costruite in solitudine, bastando a se stessa e riuscendo a fortificarle riconoscendo in alcune persone i propri valori e con esse instaurare rapporti duraturi e forti.
Tutta questa quantità di emozioni e azioni sono raccontate con un stile così lieve e coinvolgente, così ricco di particolari e descrizioni che permettono di guardare delle immagini non delle lettere, sembra di fluttuare su quei campi innevati, su quelle colline e in quei roseti.
Una lettura consigliata sopratutto in questo periodo in cui le donne cominciano a capire di essere oppresse da una società patriarcale; è di grande conforto sapere che già un secolo fa le poche donne alle quali era permesso studiare e comprendere la realtà che avevano intorno la considerassero sbagliata e oppressiva.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2021-11-04 10:04:43 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    04 Novembre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

forza e coraggio

Bambina testarda, sopporta ciò che deve, sola nella famiglia che non la ama e non la vuole.
Le dicono cattiva, sono menzogne, sono meschinità, sono il tormento sulla pelle tenera di un’innocente.

Se lo stomaco pieno non riempie i vuoti di una carenza emotiva, lo stomaco vuoto mortifica e tormenta ma perlomeno, nel rigido collegio dove l’hanno confinata, ci si nutre del calore di qualche buona amicizia.
Quel che l’infanzia svilisce, il trascorrere degli anni rinvigorisce: una piccola, giovane donna colta piena di energia e capacità. Sincera, caparbia e onesta, intelligente emancipata ed indipendente, quanta saggezza e quanto coraggio in una ragazza che scopre l’intensità dell’amore il giorno in cui le dita annodate del destino e del passato hanno già mosso la pedina dei posteri.

Un romanzo che ha i suoi anni e non li cela, tradito dai vetusti dialoghi, eppure non potrebbe essere altrimenti, che ne sarebbe del popolo di Jane Eyre se non parlasse come il popolo di Jane Eyre?
Un’autrice, Charlotte Bronte, di una potenza suggestiva nel sezionare l’animo delle sue creature e nel descrivere vividamente ogni luogo, ogni spazio, ogni angolo, ogni sensazione.

Avrete fame, molta fame, quando lei non avrà nulla da inghiottire e sarà un tripudio dei sensi quando stringerete finalmente tra le dita quella fetta sottile di pane nero imburrato.
Morirete, morirete di freddo, quando si avvinghierà alla sua compagna di collegio sotto alle coperte, mentre l’acqua sul comodino ghiaccia ed il vento tagliente si insinua impietoso nel dormitorio.

Tira il mantello sopra il lungo abito di raso nero e sale i gradini della diligenza, seguire dopo una lunga notte un sogno, la voce, il richiamo della vita.
Jane Eyre è di nuovo in viaggio, temeraria fronteggia il suo destino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2021-09-28 11:53:08 Innamorata
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Innamorata Opinione inserita da Innamorata    28 Settembre, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La posizione del cuore

Delicato, ma non meno intenso. Sentimentale, ma lontano infinite miglia dalla banalità. Jane Eyre ti conquista piano piano, ti incanta con la sensibilità e l’intelligenza delle descrizioni delle emozioni di Jane. La storia la conoscono tutti, ma la maniera in cui diletta la lettura del romanzo è insostituibile.

Mr. Rochester, uomo volitivo, misterioso, cupo ma così dolce per Jane, così interessante che viene subito rapita da lui. Era come se fosse incatenata al suo potere. All’inizio si sentiva sciocca, folle, credeva di mentire a sé stessa con la fantasia di essere importante per lui.
“A chi farei del male gustando ancora una volta la vita che il suo sguardo può darmi?”.
La loro storia è una rivelazione spontanea, una delle più belle che ho mai letto.

Vorrei essere come te, Jane, perché non ha importanza la bellezza ma ciò che si prova; ha importanza l’intelligenza del legame che una persona ha creato con la propria vita. “Ho un tesoro interiore che mi manterrà viva anche se tutti i piaceri esterni mi saranno negati”. Ascoltarsi per comprendere ciò che si vuole, per riuscire a riconoscere la persona che abbiamo davanti e a comunicare con essa chi siamo per poi sceglierla, perché da sempre era stata la risposta.

“Non siete una rovina, signore, non siete un albero abbattuto dal fulmine: siete vivo e vigoroso. Le piante vi cresceranno attorno alle radici, che voi lo chiediate o no, perché amano la vostra ombra generosa, e, crescendo, si curveranno verso di voi e vi si attorciglieranno attorno, perché la vostra forza è per loro un sicuro sostegno”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Orgoglio e Pregiudizio
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2021-05-22 15:03:56 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    22 Mag, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La determinazione di Jane

Una brughiera selvaggia, desolata e coperta da fitte nebbie è lo sfondo principe destinato ad accogliere la voce narrante dell'esile ma tenace Jane Eyre.
Un destino segnato quello della protagonista, rimasta orfana in tenerissima età, conosce presto umiliazioni e vessazioni da parte dei parenti, da cui non riceve un briciolo di affetto ma viene vissuta solamente come un peso di cui liberarsi.
Jane ha un'indole di ferro, non si piega alla fame, alla miseria e alla soverchieria di tutti gli animi crudeli che incontra in quasi vent'anni di vita.
Un'anima ostinata con un bisogno spasmodico di cibarsi di amore prima che di pane.

Una bella storia narrata in prima persona dalla voce delicata di Jane, un racconto che lega la protagonista ed il lettore fino all'ultimo rigo, che appassiona e commuove, che irrita e fa gioire.
Un romanzo dal sapore antico per la rappresentazione della società british ottocentesca, per le dettagliate e godibili descrizioni delle dimore dell'epoca, per il realismo visivo che tutto pervade e infine per le riflessioni sulla vita e sui sentimenti che ci trasportano in una dimensione lontana nel tempo.

Personaggi intensi, percorsi da disperazione e speranza, in lotta col destino, chiamati a scegliere la strada da percorrere, molto spesso soli, senza il conforto della famiglia e degli affetti.
Una storia datata, cristallizzata come una vecchia pellicola in bianco e nero, che è piacevole visionare per evadere un po' da questa nostra epoca moderna, dove tutto è rapido e scontato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2020-03-10 13:46:10 Beatricenevolo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Beatricenevolo Opinione inserita da Beatricenevolo    10 Marzo, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'EMANCIPAZIONE FEMMINILE AI TEMPI DI CHARLOTTE BR

Charlotte Bronte ci lascia questo romanzo in cui protagonista principale è Jane Eyre.
Orfana,ribelle,trasgressiva,alla perenne ricerca di indipendenza e libertà,guerriera,simbolo dell'emancipazione femminile;innamorata di un amore così vero e puro tornerà da chi le ha mentito,l'ha ferita ma le ha rapito il cuore. Lei dimostra come si dovrebbe andare oltre le apparenze,l'aspetto fisico,la ricchezza di qualunque genere. Con la sua indole è in grado di farsi voler bene e apprezzare da chiunque riesca a capire davvero il suo essere.Riuscirà con il proprio intelletto e le proprie capacità ad adattarsi in più ruoli e a portare avanti più mestieri.
Non è il vile denaro che le interessa bensì i rapporti veri,autentici. Ogni sua scelta comporta numerose riflessioni che spesso la fanno star male.
Nonostante sia stata fin da piccina abbandonata e allontanata dalla famiglia adottiva per essere rinchiusa in una rigida scuola ,questo non influirà sulla sua persona,semmai la condurrà a non infliggere agli altri ciò che lei stessa ha subito;il suo carattere non sarà levigato da queste esperienze ma rafforzato .Il suo è un animo buono, incapace di serbare odio ,rancore e/o vendetta ,nemmeno nei confronti di chi l'ha sempre mal trattata .
La grande abilità di Charlotte sta nel descrivere accuratamente luoghi,eventi,caratteri,emozioni e soprattutto la flora,che spesso diventa cornice degli eventi e ad essi si adatta.
Il lessico è di registro medio-alto,ma ciò dona ulteriore ricchezza al romanzo che appare emozionante,intrigante e ricco di valori autentici ,molti dei quali sono precursori di alcuni a noi oggi cari e noti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Orgoglio e pregiudizio
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2019-02-12 10:22:14 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    12 Febbraio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho notato solo io le citazioni fiabesche?

"Jane Eyre" è un romanzo di formazione, nonché quella che può essere considerata senza dubbio l'opera più famosa di Charlotte Brontë. A dispetto del suoi oltre 170, il titolo risulta ancor oggi attuale e piacevole, ed ha il merito di aver dato vita ad uno dei personaggi più affascinanti di cui abbia mai letto.
Il romanzo si presenza infatti come l'autobiografia -dettaglio che da spunto al titolo originale- dell'istitutrice Jane Eyre, dall'infanzia fino all'età adulta. La vita della protagonista è degna di una novella Cenerentola: rimasta orfana da bambina, viene affidata alla famiglia del ricco zio Mr Reed, il quale muore a sua volta poco dopo, cosicché la piccola Jane si ritrova ospite indesiderata nella casa dell'arcigna zia, dove subisce le angherie sue e dei cugini, in particolare del perfido John. La prima caratteristica di Jane che salta all'occhio è il suo coraggio nel ribellasti a questi abusi e nel rispondere a tono anche agli adulti

«[...] devo odiare quelli che, qualunque cosa faccia per compiacerli, continuano ad odiarmi, devo oppormi a quelli che mi puniscono ingiustamente.»

mettendo subito in chiaro che non accetta di subite passivamente ma pretende invece di essere trattata con rispetto a prescindere dalla sua umile condizione.
La trama segue poi l'infanzia e l'adolescenza di Jane in un collegio dove sarà poi anche docente, e si renderà così conto della propria vacazione per l'insegnamento. Proprio il lavoro di istitutrice la porterà a Thornfield Hall, prima tappa nel suo viaggio di crescita e scoperta delle proprie origini.
Senza svelare ulteriori dettagli sulla storia, vorrei segnalare come la trama sia un'eccellente combinazione tra la storia d'amore contrastata, con un lui abbiente ed una lei povera, che caratterizza gran parte della produzione di Jane Austen, e il mystery gotico, con delle scene che rasentano il thriller, tipico invece della sorella di Charlotte, Emily Brontë, come si può riscontrare nel suo "Cime tempestose". Personalmente ho adorato questo mix che prende il meglio da entrambe le autrici per dar vita ad una storia originale.
Se pensiamo poi che questo romanzo è stato pubblicato nel lontano 1847, risulta subito evidente come le idee di Jane, e quindi della stessa Brontë, fossero estremamente innovative per quei tempi. Durante tutto il romanzo, la protagonista dimostra un'indole forte e determinata che le impone di scegliere da sola il proprio destino

«”Vi ho detto che sono indipendente, signore, così come ricca: sono padrona di me stessa."»

così come di riflettere in più frangenti sulla condizione delle donne in generale, puntando il dito contro le discriminazioni dettate dalla pura appartenenza al genere femminile.

«In genere si ritiene che le donne siano molto tranquille; ma loro provano gli stessi sentimenti degli uomini [...] È da ottusi condannarle o deriderle, se cercano di andare oltre o di imparare di più di quanto l’usanza abbia decretato necessario per il loro sesso.»

La straordinaria caratterizzazione della protagonista non toglie comunque spazio ai numerosi personaggi, infatti la Brontë si ritaglia il giusto spazio per delineare anche quelli secondari e dare a tutti uno degno spessore. Tra gli altri spiccano sicuramente Mr Rochester e St John Rivers, entrambi dotati di personalità notevoli e capaci di catturate l'attenzione del lettore.
Lo stile della Brontë è incantevole e spontaneo; da notare come combini la descrizione dei sentimenti della protagonista con quella dell'ambientazione: ad esempio, in una scena Jane passa in poco tempo dalla rabbia più cieca che viene delineata come

«Una cresta di brughiera in fiamme, viva, dardeggiante e divoratrice [...]»

ad una placida rassegnazione, metaforizzata da

«[...] lo stesso rilievo nero e inaridito, dopo che le fiamme si sono spente [...]»

Infine, qualche parola sull'edizione. Come anticipato nella TBR, possiedo un'altra copia di questo romanzo, ma ho scelto di acquistare e leggere questa nuova edizione Rizzoli che mi ha molto soddisfatto. L'unico malus è dato dal peso e dalle dimensioni del volume non proprio comodissime, ma tutti gli altri aspetti "tecnici" sono eccellenti (particolarmente apprezzato il font che non pregiudica le mie diottrie!) come pure quelli relativi al contenuto: una traduzione gradevole, l'interessante introduzione scritta da Virginia Woolf, le traduzioni delle molte espressioni in francese e la presenza di parecchie illustrazioni dettagliate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2017-01-17 22:31:05 Valerio91
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    18 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore è il fulcro

Non si può negare che le sorelle Bronte avessero un debole per le storie d'amore tormentate, ma con quale maestria gli hanno dato consistenza!
"Jane Eyre" è una di quelle storie che, come "Cime tempestose" e "La signora delle camelie", definire semplicemente come il racconto di un amore sarebbe riduttivo e ingiusto.
"Jane Eyre" è un grande classico.
Dopo un inizio dalle forti tinte dickensiane, sia per quanto riguarda le vicende sia per il tipo di ambientazione, proseguiremo nel tragitto seguito dalla giovane Jane fino al suo punto culminante: l'incontro con la sua anima gemella, il signor Edward Rochester.

Come i giovani Oliver e Pip partoriti dalla penna di Charles Dickens, la piccola Jane si trova a vivere un'infanzia tutt'altro che piacevole. Orfana di entrambi genitori, è affidata alle cure di una zia che la odia e costretta alla compagnia dei cugini, che la maltrattano in ogni modo. Ma fin da piccola Jane mette in mostra il suo carattere forte, sopra le righe, non disposto a mollare né a sopportare le ingiustizie senza lottare. Il suo carattere la terrà viva nell'ambiente ostile della scuola in cui crescerà, Lowood, fino all'incontro con il signor Rochester nella bellissima dimora di Thornfield. E' qui che l'anima della combattiva Jane conoscerà l'amore, ma come ben sappiamo, quest'ultimo è un essere a dir poco capriccioso.
L'amore di Jane per Edward è sincero, puro, ricambiato, eppure il mondo intero sembra volersi mettere di traverso, come se il suo unico scopo sia frapporsi fra l'uomo e la sua felicità. Eppure, se l'uomo si affida alle mani del Signore e si sforza di seguire le norme che ha stabilito, Lui ricompenserà sempre i suoi sforzi sinceri. Ed è quello che, dall'inizio alla fine, farà la nostra cara Jane.
Forse il tragitto ci riserverà dolori mai provati, afflizioni apparentemente insostenibili, ma alla lunga sforzarci di fare la cosa giusta porterà i suoi frutti. Forse ci regalerà di nuovo quel che abbiamo perso, quello a cui abbiamo rinunciato pur di mantenerci sulla retta via. Forse perché ogni cosa ha un suo tempo e la fretta è una cattiva consigliera. Forse perché a volte il nostro essere umani, e quindi imperfetti, rischia di farci perdere quello che ci spetta di diritto, solo perché non siamo in grado di capire che spesso, per essere felici, bisogna prima imparare a soffrire.

- Non vedo ostacoli a un esito felice del suo avvenire, se non nella fronte; E quella fronte sembra dire: "Posso vivere da sola, se il rispetto di me stessa e le circostanze me lo chiederanno. Non ho bisogno di vendere l'anima per comprare la felicità. Ho un tesoro interiore che mi manterrà viva anche se tutti i piaceri esterni mi saranno negati, offerti a un prezzo che non potrò accettare"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Grandi Speranze
Cime Tempestose
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2016-12-21 21:00:46 Pupottina
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    21 Dicembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore senza limiti

“È vano dire che gli esseri umani dovrebbero accontentarsi della quiete; gli uomini hanno bisogno dell’azione, e se non la trovano, la creano.”
A distanza di svariati anni, sono tornata a perdermi nella profondità della voce narrante di JANE EYRE, prima, una ragazzina dal carattere forte e deciso, poi, una donna libera ed indipendente che lavora come istitutrice per Adele, nella dimora di Thornfield Hall, appartenuta da sempre alla nobile famiglia dei Rochester. L'arrivo di Mr. Rochester, uomo imponente e sarcastico, subito colpito dalla vivida intelligenza e dall'indipendenza di spirito di Jane, movimenta sentimentalmente la narrazione tra alti e bassi.
Però, non è sulla trama nota che voglio dilungarmi, ma sull'intensità nuova, inedita, che le parole, fuori dal tempo, scritte nel 1847 da Charlotte Brontë, assumono grazie alla voce dell'attrice fiorentina Alba Rohrwacher. Nell'edizione dell'audiolibro, la voce limpida della Rohrwacher rende ancora più coinvolgenti le riflessioni della protagonista, Jane Eyre, una donna verso la quale si prova una forte empatia. I sentimenti di Jane Eyre sono fuori del tempo, le sue emozioni sono sempre attuali. Proprio queste sue componenti fanno di Jane Eyre un classico memorabile. La storia d'amore, narrata da Charlotte Brontë, è tra le più belle del panorama letterario mondiale. Ci si innamora dell'amore, grazie al sentimento provato dai due innamorati, Jane e Mr. Rochester.
Jane Eyre è un personaggio di una bellezza indicibile, così fiero e commovente nella sua fragilità, quando vede sconvolgere le proprie certezze, la propria intera vita da un amore che non è in grado di accettare, apparentemente impossibile. Per Jane, è un sentimento inaccettabile cui lei non vuole soccombere e che vorrebbe assolutamente estirpare dal suo cuore. Le convenzioni sociali rendono tale sentimento sconveniente e lei non vuole contravvenire alle regole sociali. È un grande amore, profondamente intenso, indimenticabile.
Un grazie speciale alla splendida voce di Alba Rohrwacher per aver reso ancora più bello questo classico letterario d'epoca vittoriana.
“Non può essere ch’io abbia tanta felicità, dopo tanto dolore. È un sogno; un sogno di quelli che ho fatto spesso, di notte, immaginandomi di stringerla ancora una volta sul mio cuore, come faccio ora; credendo di baciarla e sentendo che mi amava e che non mi avrebbe lasciato mai.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Jane Eyre 2015-12-02 09:38:02 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    02 Dicembre, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Jane.

Pubblicato originariamente nel 1847 con lo pseudonimo di Currer Bell ed il titolo “Jane Eyre: An Autobiography”, l’elaborato rappresenta il romanzo di formazione della scrittrice inglese Charlotte Bronte e vede quale protagonista questa giovane donna, di modesta statura, esile e non particolarmente carina che sin dalla tenera età è stata costretta a relazionarsi con soprusi, angherie, sacrifici e molteplici rinunce (basti pensare ai maltrattamenti che ha dovuto tollerare da parte della zia dopo la morte dei genitori o ancora alle asperità dettate dalla vita in orfanotrofio).
Il quadro dunque che viene tratteggiato dall’autrice è caratterizzato dal susseguirsi di una serie di circostanze anguste, ardue, non facili da superare a cui si contrappone la tenacia di una donna che mai si è fatta schiacciare dagli eventi o sottomettere da chi credeva di avere potere su di lei. Ed è proprio questa sua tempra, mista ad una acuta intelligenza, dolcezza ma anche rigidità, che le permette di raggiungere la tanto agognata indipendenza.
Scritto in forma autobiografica, direttamente rivolto al lettore ed impreziosito da uno stile descrittivo preciso ed accurato tanto dei personaggi quanto dell’ambiente (si crea infatti con chi legge un canale di collegamento indissolubile cosicché senza difficoltà quest’ultimo riesce a prefigurarsi l’evolversi degli eventi, i luoghi, le sensazioni provate dai personaggi) l’elaborato riesce a raccontare, senza cadere in vittimismi o essere pedante, anche la storia d’amore che lega la nostra eroina al tormentato Sir Edward Fairfax Rochester.
Grazie a tutti questi fattori (l’analisi intensa dei sentimenti, l’integrità dei vari protagonisti, l’autenticità degli aspetti descrittivi) l’opera si presenta ancora oggi attuale e ricca di significato. Oltre infatti che a costituire un primo segnale di distacco dai cliché dell’epoca, in particolare grazie al binomio Jane-Bertha che riproduce le passioni e il lato animale che nella società Vittoriana dovevano essere represse e nascoste nonché il cammino verso l’emancipazione e la parità di diritti delle donne, è un invito a non arrendersi dinanzi alle avversità della vita, è l’esortazione ad affrontarle senza mai arretrare, senza averne timore bensì facendo ricorso a tutta la propria forza caratteriale, a tutta la propria determinazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti coloro che cercano romanzi classici ancora oggi attuali.

N.B. Il voto della piacevolezza è stato dettato dal fattore "tempo". Ricordo ancora come fosse ieri l'opera de qua, ma considerate che in realtà l'ho letta all'età di tredici anni, ho dunque fatto ricorso ad un denominatore comune tra fanciullezza della lettura e contenuto della stessa.
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Papà Gambalunga
I misteri di Udolpho
Guerra
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago