Narrativa straniera Fantasy I figli di Hurin
 

I figli di Hurin I figli di Hurin

I figli di Hurin

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Quando Turin è ancora un bambino, Hurin deve partire per combattere contro il perfido signore del male Morgoth, che prima lo cattura e poi lo tortura, per farsi dire dove si sono rifugiate le truppe superstiti. Poiché Hurin resiste, il signore del male lo minaccia: se non confesserà, a pagare sarà la sua famiglia. Per fortuna, la saggia Morwen decide di allontanare Turin, e lo manda da un re amico, Thingol. Turin cresce e a diciassette anni si sente pronto per diventare anche lui cavaliere e andare alla ricerca di suo padre. Unendosi a una banda, Turin si mette in viaggio e fra avventure di ogni genere, riesce a sfuggire agli uomini di Morgoth che lo inseguono, di regno in regno. Dopo essersi rifugiato presso un altro re, sotto falso nome, Turin arriva allo scontro finale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.4  (5)
Contenuto 
 
3.0  (5)
Piacevolezza 
 
3.6  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I figli di Hurin 2013-07-21 12:20:17 Todaoda
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    21 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Operazione commerciale

E'un romanzo definito "inedito", in realtà puzza lontano un miglio di abile mossa commerciale: il libro, come ampiamente spiegato nella fin troppo articolata premessa del figlio di Tolkien, narra gli eventi accaduti nella prima era (quella del Signore degli Anelli mi sembra di capire sia la terza, per intenderci), ma non è esattamente un antefatto ai più noti libri del medesimo autore bensì il racconto di uno dei tanti episodi di quell'epoca, nella fattispecie la vita di Turin, figlio di Hurin (anche il titolo dunque è fuorviante poichè si parla di "figli di Hurin" quando in realtà il 90% del racconto è incentrato esclusivamente solo su Turin.), un episodio che si dice fosse già noto ai seguaci di questo genere, e dunque che non apporta nulla di nuovo se non qualche ulteriore badilata di dettagli e nomi bislacchi.
Dettagli e nomi, già: siccome infatti la storia di Turin in sè è piuttosto breve per conferire maggior spessore, e appeal, il volume è stato letteralmente farcito (mi sembra di ricordare dagli editori in accordo coi curatori, in accordo con gli eredi) di lunghe e intricate appendici derivanti da separati carteggi dell'autore, il cui obbiettivo originale senza dubbio era quello di chiarire e svelare i retroscena della vicenda ma in realtà, messi assieme così alla bell'è meglio, come spesso accade quando le cose sfuggono di mano, non fanno altro che confondere le idee. Due sole sono le appendici utili: l'elenco dei nomi che compaiono nel libro (circa 250 nomi diversi in circa 230 pagine di narrazione... ma stiamo scherzando?!) e la bellissima ed esaustiva nota di Quirino Principe alla fine del libro, che dimostra, con uno stile di scrittura chiaro e pulito, come si sarebbero potute raccontare le vicende narrate nel testo in una paginetta e mezza, senza usare tutti quei nomi impronunciabili e il più delle volte incomprensibili.
Lo stile narrativo di Tolkien in fine qui risente particolarmente del suo background di storico della letteratura inglese, si ha infatti la persistente sensazione di leggere più che un romanzo un manuale di storia, e l'intera vicenda raccontata ne esce irrimediabilmente rovinata e priva di fascino. Una mezza delusione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

I figli di Hurin 2013-01-13 18:24:01 Matteo Vacca
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Matteo Vacca Opinione inserita da Matteo Vacca    13 Gennaio, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rito d'iniziazione al fantasy epico

Tolkien è un romanziere epico che perfino in questo romanzo abbastanza breve per il suo genere, riesce ad esprimere con nitidezza la profondità degli animi dei personaggi che sono proprio uomini leggendari e fuori dal comune. Anche questa volta la vicenda si svolge nella Terra di Mezzo però, prima della Terza era che caratterizza il capolavoro tolkieniano. I filgi di Hurin è un romanzo epico breve, antecedente al Silmarillon, e ne anticipa i risvolti grandiosi. La storia è effettivamente abbastanza semplice da comprendere, il fatto di aver ripulito il racconto dai tanti nomi che si affollano ormai di regola in tutte le opere di Tolkien (nomi di guerrieri, re, nani, elfi ecc.) rende più piacevole la lettura anche a chi non apprezza il fantasy tolkieniano. Proprio perchè il romanzo dei figli di Hurin si prefigge una lettura semplice (non dispimegnata) di quello ch'è il mondo dell'autore inglese, è possibile renderlo iniziazione per tutti coloro si volessero avvicinare al mondo del Signore degli Anelli. Sicuramente la lettura non è al livello del capolavoro tolkieniano ma sembra proprio un perfetto inizio per un lettore ignaro del genere fantasy epico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il Signore degli Anelli, il Silmarillon, Lo Hobbit
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
I figli di Hurin 2011-11-03 14:43:07 Davi1990
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Davi1990 Opinione inserita da Davi1990    03 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Postumo di Tolkien...

Trovo "I Figli di Hurin" un grande romanzo epico-fantasy, nel quale ci vengono narrate le gesta di un protagonista affascinante perseguitato da una maledizione scagliatagli dal nemico più potente che la Terra di Mezzo abbia mai conosciuto: Morgoth. Riuscirà Turin figlio di Hurin a sfuggire a codesta maledizione? Cambierà il suo oscuro Destino? Sconfiggerà il più possente dei draghi, l'arma peggiore di Morgoth? Dovete solo che leggere per scoprire le avventure di Turin, l'eroe mortale.

Un libro tragico, epico, appassionante e dal sapore amaro e malinconico. Scritto da quel genio di Tolkien, e riproposto dal figlio, narra le vicende non solo prima de "Il Signore degli Anelli", ma anche prima de "Lo Hobbit", visto che ci troviamo nella Prima Era del legendarium Tolkieniano.
Il testo, è giusto precisarlo, era già riassuntivamente presente ne "Il Silmarillion" e ne "I Racconti Incompiuti", ma in questo libro ci viene presentato INTEGRALMENTE e senza interruzioni brusche, dunque vale la pena leggerlo ed acquistarlo come approfondimento proprio de "Il Silmarillion".
Mi è piaciuto davvero molto questo fantastico libro (non per nulla l'ho letto 3 volte), anche se in alcuni momenti sembra procedere in maniera troppo riassuntiva e quasi sbrigativa, ma se amate Tolkien e il suo splendido stile epico ed aulico non potete perderlo, specialmente viste le bellissime illustrazioni di Alan Lee che accompagnano la lettura - oltre le varie note finali che meglio fanno comprendere la storia narrata in questo bellissimo volume.

Buona lettura!

P.S. è stato il primo libro di Tolkien che ho letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo Hobbit - Il Signore degli Anelli - Altre opere di Tolkien - a chi piace leggere un fantasy particolare...
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
I figli di Hurin 2008-10-08 01:28:48 Suali
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Suali Opinione inserita da Suali    08 Ottobre, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

I figli di Hurin

J.R.R. Tolkien estrapola dalla sua colossale opera, la storia di Hurin, di sua moglie Morwen e dei loro figli.

Cavaliere valoroso, Hurin parte per sfidare il Signore Oscuro Morgoth, che lo imprigiona e scaglia una maledizione su di lui e sulla sua famiglia. Morwen, ignara e speranzosa, spinta dai cattivi presagi e dalla guerra imminente, manda lontano il figlio Turin che viene accolto e allevato dagli Elfi. Con lui cresce anche la sua fama di eroe del Dor-Lomin, freddo e spietato e assetato di giustizia e intraprende la sua personale battaglia contro Morgoth e contro il suo destino. Ma quando sembra ormai tutto finito, quando il destino sembra essere stato aggirato, sconfitto, il destino si compie irrimediabilmente e la verità crudele del drago Glaurung porta la tragedia ad esere compiuta, perchè "a un uomo che fugge la propria paura può capitare di scoprire che ha solo imboccato la scorciatoia per incontrarla".

Tolkien, da buon filologo e storico della letteratura inglese, crea questo mondo e gli conferisce con il suo linguaggio e con il suo stile un'aurea irreale, mitologica, da tragedia greca, che sfiora la complessità dei manuali di storia. Narrazione elaborata e sontuosa, talvolta confonde le idee e la vastità di nomi e il sorvolare su alcuni eventi rende la lettura noiosa a chi non è infarinato dello stile Tolkieniano, finchè non si entra nell'intimo del vissuto e ci si catapulta nella Terra di Mezzo, per vivere la terribile tragedia di Turin e Nienor...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
I figli di Hurin 2008-08-21 11:04:38 templare90
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
templare90 Opinione inserita da templare90    21 Agosto, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

la prima volta nella terra di mezzo

Era la prima volta che mettevo piede nella terra di mezzo, tant'è che non posso esprire un giudizio molto approfondito ma per quel poco che ho potuto capire questa è un opera ovviamente marginale ma che ha comunque una sua storia ovviamente termina in una tragedia complessa. é molto scorrevole e non presenta molti punti lenti. Lo consiglio a chi non ha mai espolarato le regioni di mezzo e che vuole avere solo una panoramica - rapida.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri