L'onda L'onda

L'onda

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Chi erano Hitler e i nazisti? E come hanno fatto a trascinare un'intera nazione nel loro folle disegno? Ben Ross, insegnante di storia in un liceo di Palo Alto, prova a raccontarlo ai suoi alunni, ma le ragioni di tanto orrore sembrano incomprensibili ai ragazzi. Così il professor Ross decide di ricorrere a un esperimento, utilizzando la classe come un laboratorio. Forma un movimento tra gli studenti, L'Onda, e lo dota di simboli, motti, una rigida disciplina e un forte senso della comunità. In pochissimi giorni lo strano test ha sviluppi incontrollabili: il gruppo di allievi affiatati diventa un branco violento e repressivo, chi non appartiene all'Onda viene emarginato e rischia umiliazioni e botte, mentre lo stesso professor Ross si trasforma in un leader carismatico e intoccabile. Tratto da una storia vera, un racconto incalzante e pungente, che è anche la denuncia di una verità inoppugnabile: la Storia, anche nei suoi episodi più crudeli e abietti, può ripetersi. In qualsiasi momento.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'onda 2018-02-18 15:01:13 Anna_Reads
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    18 Febbraio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Proviamo con Fraternité?

L’Onda – Todd Strasser, 1981

Ispirato (e anche di più) ad una storia realmente accaduta nel 1969, l’Onda di Todd Strasser racconta dell’“esperimento” condotto da un professore di storia in una delle sue classi. Di fronte alle perplessità dei suoi studenti circa il reale coinvolgimento del popolo tedesco nei crimini nazisti, il docente decide di far nascere un movimento “simil-nazista” e di vedere “di nascosto l’effetto che fa”.
Un’eco sinistra ha la parola “esperimento” in certi contesti: Zimbardo e Milgram sono i più sinistri (esperimenti, libri e film relativi) e non dimenticherei neanche Jack Ketchum con il suo “La Ragazza della Porta Accanto”. Non un esperimento, ma una stora. Vera.

Bisogna innanzitutto dire che questo libro non ha velleità artistiche – almeno lo spero – ma semplicemente documentaristiche: la scrittura è piuttosto piatta (a tratti perfino sciatta) e lo scioglimento finale è decisamente semplicistico, da brutto (bruttobrutto) film Hollywoodiano. Non di meno la lettura è stata coinvolgente.
I ragazzi dell’esperimento hanno le stesse perplessità che hanno i ragazzi di oggi rispetto ai crimini nazisti e che avevo anche io da studente.
Il professore, scrivendo slogan banali sulla lavagna e imponendo, quasi per gioco, una moderata disciplina simil militare (alzarsi in piedi prima di parlare, concludere le frasi con “signore”, ripetere slogan quali “la comunità è forza” etc) ottiene risultati strabilianti: in primo luogo quello di creare veramente una comunità nella sua classe. Riuscendo ad integrare anche quelli da sempre esclusi. Come Robert che da classico studente “sfigato”, non brillante e disordinato diventa in breve un membro effettivo del gruppo.
Curioso notare che il primo passo sia “noi siamo tutti uguali” che innalza il “medio” (e abbassa l’eccellente) e che il successivo sia “chi non vuole essere uguale è diverso e quindi nemico”.
Curioso come sia il linguaggio a giocare strani scherzi, a volte.
Comunità e Uguaglianza sono parole che hanno una risonanza positiva, nelle nostre menti, come negarlo? Una delle chiave evolutive dell’essere umano è stato l’essere in grado di fare gruppo e poi comunità, a partire dalle età più primitive. E non starò qui ad illustrare il Liberté, Egalité, Fraternité. Né come una persona che rifiuti di essere uguale agli altri appaia immediatamente viziata o privilegiata, disonesta, persino. Chi non fa la fila come gli altri, chi cerca di aggirare le regole, chi “lei non sa chi sono io” etc.

Quindi, perché? Che succede? Qual è il momento in cui l’unione non fa più la forza, ma diventa prevaricazione? E – dall’altra parte – quand’è che la legittima aspirazione ad essere sé stessi sconfina nell’individualismo sfrenato e nell’egoismo (e nell’egotismo)?
Pericolo che pare più remoto del nazismo, forse. Ma stiamo anche distruggendo il pianeta dove viviamo e dove vivranno i nostri eredi. Quelli di tutti.
Il libro non fornisce soluzioni (e ripeto, la “chiusura” è davvero tirata via e troppo patinata per essere credibile), ma ha il merito di costringere ad alzare ulteriormente la guardia e di togliere quelle che sembrava isole incontaminate di bontà e giustizia. Niente va bene sempre e in ogni contesto. Neanche comunità ed Egalité. Neanche Liberté ed individuo.
Che l’unica sia provare a puntare su Fraternité?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Dei più famosi esperimenti di Zimbardo e Milgram.
E "La ragazza della porta accanto" di Jack Ketchum.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'onda 2017-01-10 19:21:19 Belmi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    10 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I tedeschi erano tutti nazisti?

Todd Strasser, autore di questo testo, si ispira all’esperimento messo in atto da Ron Jones alla fine degli anni ’60 in America.

L’idea nasce quando l’insegnante (chiamato da Strasser, Ben Ross), si trova a dover spiegare alla sua classe, la storia del nazismo. La domanda che gli viene posta dai suoi allievi, è delle più elementari ma a cui tuttora non è facile dare una risposta, ovvero: “I tedeschi erano tutti nazisti? Come hanno fatto i tedeschi a restare a guardare mentre i nazisti massacravano la gente e poi sostenere di non saperne niente?”.

L’insegnante torna a casa e dopo un’attenta riflessione, decide di fare un esperimento all’insaputa della sua classe di storia contemporanea. Da li ha inizio qualcosa che corre il rischio di prendere il sopravvento e di sfuggire di mano.
“La forza è disciplina, la forza è Comunità”, questo diventa il motto dell’Onda, il movimento creato da questo esperimento che come tale avrà anche un simbolo e un saluto.

Todd Strasser spiega tutta l’evoluzione dell’esperimento e soprattutto la facilità con cui l’insegnante raggiunge i risultati. Se da una parte colpisce la pericolosità con cui tutto s’innesca, dall’altra c’è sempre una piccola speranza “Va tutto benissimo, però a me non sembra la cosa migliore per te, Laurie. Piccola, noi ti abbiamo cresciuto come un individuo”.

Da questo esperimento è stato tratto anche un film. La cosa che mi lascia un po’ perplessa è il fatto che tutti i partecipanti hanno taciuto sull’accaduto e solo successivamente è venuta fuori questa storia. Che l’esperimento abbia avuto delle conseguenze? Su internet le fonti che ho trovato raccontano ognuno qualcosa di diverso. Cosa sarà davvero successo in quella classe e in quella scuola? Sicuramente nella mente di quei ragazzini di quindici anni qualcosa è rimasto.

Se l’elaborato non spicca certo per stile, lo consiglio comunque, è una lettura per ragazzi, ma non fatevi ingannare, l’esperimento coinvolge anche gli adulti, e una lettura che va ad indagare la psiche umana, non può far male a nessuno.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri