Terra del Fuoco Terra del Fuoco

Terra del Fuoco

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Feriti e sconfitti, tre uomini in fuga cavalcano attraverso le sterminate distese della Patagonia. Hanno osato ribellarsi a Julio Popper, il padrone-sovrano di una miniera d’oro sulle coste dello Stretto di Magellano, e da allora sono braccati. Avventurieri disperati, alla mercé del caso, vagheranno senza meta fino a quando, accanto allo scheletro di una balena, il luccichio della polvere aurifera ridarà uno scopo alle loro esistenze... E' Terra del Fuoco, il racconto lungo che dà il titolo a questa raccolta di Francisco Coloane. Avidi cercatori d’oro, rivoluzionari in fuga, mandriani inseguiti dal vento, coloni che impazziscono nel tentativo di domare una terra selvaggia, marinai vittime di maledizioni, capitani coraggiosi e sfortunati: questi sono i personaggi che popolano le straordinarie storie dello scrittore cileno, cantore leggendario del «mondo alla fine del mondo». Ma è personaggio, è protagonista, accanto a loro, la natura stessa in tutta la sua inquietante grandezza, il paesaggio aspro delle estreme regioni meridionali del continente americano, quella Terra del Fuoco che diviene simbolo ideale e totale della elementare e incessante drammaticità delle passioni umane.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Terra del Fuoco 2019-06-11 10:15:02 CRISTIANO RIBICHESU
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
CRISTIANO RIBICHESU Opinione inserita da CRISTIANO RIBICHESU    11 Giugno, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uomini alla fine del mondo

Siamo al cospetto di uno dei più grandi romanzieri latino-americani del XX secolo, spesso paragonato ad autori come Conrad e Melville. Una breve introduzione a questa raccolta di racconti è stata scritta da Luis Sepulveda ed è colma di ammirazione, vi si riconosce in Coloane un talento smisurato nel saper descrivere singolari personaggi, pionieri in una terra inospitale.
Vorrei poter unire il mio insignificante plauso a quello dei numerosi estimatori, ma qualcosa non ha funzionato nel mio approccio a questo testo.
Non so spiegarmi perché io non riesca a farmi coinvolgere pienamente dai racconti brevi, ma lo devo ormai accettare come un dato di fatto e pertanto le premesse non erano positive. Un secondo influente fattore lo fornisce il mio amore per i grandi scrittori sudamericani, uno su tutti Garcia Marquez. Un’assonanza con quel genere di romanzo era ciò che mi aspettavo di trovare tra le pagine di “Terra del fuoco”. Col senno di poi mi rendo conto che gli autori ai quali Coloane è stato paragonato non sono affatto latino-americani, che “Moby Dick” non ha affinità con “Cent’anni di solitudine”. Ho appurato quanto sia adeguato tale accostamento, rendendomi conto di aver cercato di stabilire un contatto partendo da presupposti errati.
Nei nove racconti raccolti sotto il denominatore comune del territorio in cui sono ambientati, è la sterminata e selvaggia regione la vera protagonista, fucina di personaggi orfani di speranze, privi di illusioni. Sono storie che ho immaginato di ascoltare seduto ai margini di un bivacco, nella penombra procurata dalla luce lunare e dalle braci schioppettanti di un fuoco morente, narrate con voce calda da un vecchio nostalgico.
La Terra del fuoco è ai confini del mondo e coloro che la abitano rappresentano i confini del genere umano. Le loro anime corrose dal mare e dai venti impetuosi, da una vita solitaria e infelice, dallo sfaldamento dei propri sogni, altro non sono che la metafore di quelle spiagge e di quelle scogliere disagevoli e lontane che il tempo logora, trasforma e vince.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Terra del Fuoco 2014-03-22 14:59:08 silvia71
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    22 Marzo, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terra del fuoco

Francisco Coloane classe 1910 è un autore che con la sua penna ha contribuito allo sviluppo della letteratura sudamericana.
Lui, cileno, approda alla scrittura dopo una vita faticosa e dai mille mestieri.
“Terra del fuoco” è una raccolta di racconti, da cui affiora quella forza e quella intensità che spesso solo lo spunto biografico riesce a dare.
Sullo sfondo di luoghi talora inospitali, dove la natura detta delle leggi ferree, come l'intensità delle tempeste, il gelo, i venti, a cavallo tra Patagonia e Terra del Fuoco, scorrono le storie di uomini vinti, corrosi da una vita grigia, amara e dolorosa.
All'estremità del mondo, Coloane rappresenta un'umanità fatta di marinai, braccianti, minatori giunti da varie parti del mondo alla ricerca di un rifugio, di una speranza di guadagno o semplicemente di sopravvivenza; ma questa terra del fuoco finisce per divorare tutto, estirpando il filo della speranza.
La penna di Coloane non si dilunga nelle descrizioni dei luoghi, ma concentra tutto il suo impegno per parlare di loro, dei protagonisti delle sue storie, dei loro sentimenti, del loro cuore avido e crudele, della loro solitudine, della tensione disperata all'affetto e alla solidarietà.
Uomini buoni e cattivi, uomini divisi tra bontà e cattiveria in egual misura, uomini irrecuperabili e uomini calpestati dai simili e dal destino.
Scorrono scene dure, comportamenti detestabili, ma l'autore rimane confinato nel proprio ruolo di narratore senza affrontare l'aspetto del giudizio morale.
Le storie di Coloane sono destinate ad imprimersi negli occhi del lettore, avvolte in un'atmosfera particolare e rarefatta che sembra mescolare realtà estrema ed un pizzico di leggenda; insomma una lontanissima periferia del globo, svincolata dalle leggi della civiltà, dove a tratti tutto sembra lecito, dove si respira un'aria di abbandono e di deriva.

Si tratta di una raccolta interessante per approcciarsi all'autore cileno, per avvicinarsi alle tematiche da lui trattate ed al suo stile di scrittura, tendenzialmente asciutto ed efficace.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri