Opus pistorum Opus pistorum

Opus pistorum

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Un'autentica girandola di imprese orgiastico-amatorie, in una Parigi cosmopolita e peccaminosa. Il titolo stesso del libro è chiaramente allusivo: 'pistor' in latino significa 'mugnaio' come 'miller' in inglese; 'opus', opera, di Miller dunque anche di chi pesta come in un mortaio (con l'evidente implicazione sessuale che l'espressione comporta).

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.6
Stile 
 
2.7  (3)
Contenuto 
 
2.3  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Opus pistorum 2013-11-20 15:55:24 MrsRiso13
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
MrsRiso13 Opinione inserita da MrsRiso13    20 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi va al mulino s'infarina

Sulla copertina di questo romanzo di Miller dovrebbero essere incise le stesse parole apposte sulla porta dell'Inferno nella Divina Commedia di Dante, declinate nella versione più appropriata di “Lasciate ogni moralismo, voi ch'intrate”. In una Parigi fine anni '30, dove l'arte permeava ogni millimetro e dove ogni caffè accoglieva intellettuali e artisti di ogni foggia e fama, si svolgono le vicende di Alf, giornalista americano residente nella Ville Lumière, dedito sopratutto al sesso.
Depravazione, pornografia, perdizione raccontate su commissione, senza una trama specifica, senza pause o interruzioni, fatta salva qualche congiunzione. In breve un susseguirsi di amplessi tra uomini, donne e animali nelle più variegate combinazioni senza leggi morali, senza inibizioni, senza velature. Quasi 200 pagine di istinto puro votato alla pulsione sessuale e al soddisfacimento del più ancestrale dei desideri.
Parlare di caratterizzazione dei personaggi e dei luoghi è praticamente inutile, persino dello stesso protagonista si sa ben poco, fatta eccezione per le dimensioni e le capacità del suo John Thursday, che è, forse, il vero divo.
Leggere questo romanzo è una prova ardua, un lotta contro i propri principi morali, la propria educazione e i propri tabù, un tacitare la propria coscienza per arrivare al termine.
Se si crede di avere un'elevata apertura mentale, non resta che affrontare la lettura per conoscere il verdetto o per finire stritolati dall'opera del mugnaio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Opus pistorum 2012-04-10 17:19:26 mariaangela
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    10 Aprile, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

esageratamente peccaminoso

esageratamente peccaminoso. Anche a me è rimasta impressa la prima scena, quella con cui il libro ha inizio, con la bimba seduta sulle gambe...avevo iniziato a leggerlo in metro mentre aspettavo il treno....ho chiuso il libro come una ladra sorpresa nell'atto di rubare!!!ricordo ancora l'imbarazzo provato!!! alcune descrizioni sono davvero fastidiose, tipo quella con i c...ma non voglio dire nulla a chi non l'avesse letto e ne avesse voglia. Scandalizzata no, infastidita un pò perchè il troppo dà sempre fastidio. Ma provate a leggere apollinaire oppure il marchese de sade e noterete la differenza. Il titolo del romanzo è lungimirante...provate a pestare il grano nel mortaio.... ma come lo narra henry miller...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Opus pistorum 2007-05-16 11:52:07 enrico78
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
enrico78 Opinione inserita da enrico78    16 Mag, 2007
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solo per chi non si scandalizza

Un romanzo incentrato su numerosissime e forti scene di sesso. Mi limito a riportare la scena con cui inizia il libro: un padre con la figlia in braccio. Decadente e molto spinto

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri