Dettagli Recensione

 
Le notti bianche
 
Le notti bianche 2013-04-08 11:37:12 gracy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
gracy Opinione inserita da gracy    08 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anche i sogni muoiono…

Piccolo racconto immenso…..
Si…immenso, pieno e appagante, dove Dostoevskyij non raccoglie briciole, ti sazia di sentimenti veri e lo fa con garbo e stile, con purezza e genuinità.
Prendi un sognatore, un poeta, una giovane donna ancora bocciolo, un uomo che ama, un uomo che mantiene le promesse, aggiungi un pizzico di luce, un pizzico di buio, un’insana voglia di morire, una sana voglia di vivere, una forte dose di malinconia, di abbandono, di appartenenza, di diniego, di desiderio e di conflitto. Mescola tutto in una Pietroburgo notturna e infervorata del 1848 chiudi gli occhi e trascorri quattro notti in bianco, così…senza riposo e senza tregua perché solo i pensieri danzano e si mescolano nelle menti umane di chi aspetta, di chi non ha perso la speranza di chi si trova a un bivio e deve scegliere quale strada percorrere e poi lungo il tragitto decidere di cambiare rotta, di scegliere un’altra destinazione e comprendere che è quella giusta, la meta perfetta e poi aprire gli occhi, svegliarsi dal sogno e sentirsi appagati anche del crudele sogno infranto …

“Nasten’ka!....oh! Com’è insopportabile un uomo felice in certi momenti!...”

Voci e pensieri così lontani nel tempo eppure così vicini e attuali, legati al pensiero che l’uomo ha dell’amore e della rinuncia.

"…quando tutta Pietroburgo spiegò le ali e se ne andò improvvisamente in campagna. Fu una sensazione terribile rimanere da solo e, in preda ad un profondo sconforto, vagai tre giorni interi per la città, senza capire minimamente cosa mi succedesse.”

L’uomo ha sempre amato e vissuto l’amore le aspettative e le attese con la stessa intensità di sempre, cambiano gli usi, le tradizioni e il mondo che ci circonda, ma l’amore non cambia mai e solo il raziocinio e la rassegnazione rendono l’uomo libero e appagato anche quando è imprigionato nel sogno di un amore impossibile.

“Dio mio! Un minuto intero di beatitudine! E’ forse poco per colmare tutta la vita di un uomo?”

L’amore sofferto, abbracciato, vissuto, respinto e sognato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

24 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Scusami, ma io quando l'ho letto, non ho visto l'appagamento del sogno infranto!
In risposta ad un precedente commento
gracy
08 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Oh si...io si!! Rileggiti l'ultima pagina
Ho visto, più che altro, l'adattarsi, anche nell'infrangersi di un sogno... del sognatore. Un sognatore è talmente abituato a vivere di soli sogni che, quando li vede infranti, si rifugia, nuovamente, nel suo mondo estraneo. Un circolo vizioso per la sua sopravvivenza, non appagamento.
In risposta ad un precedente commento
gracy
08 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Io dico di si...basta poco anche per il sognatore, bearsi della felicità altrui...se non è appagamento anche questo....
Non lo è, scusa cara Gracy, ma non lo è! E' il mondo distorto visto dalla mente del sognatore... Un'illusione che, disperatamente lo salva. Visto che non ha nient'altro, se non il suo mondo di sogni.
In risposta ad un precedente commento
gracy
08 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Non lo è? Discutibile...
...Distorto o no lui alla fine l'ho visto appagato anche di fronte al sogno infranto e mi ha trasmesso tanta serenità....e adesso tu non ci mettere il becco alla mia riconciliazione con i russi!
....la lettura mi ha appagata....come il sognatore triste, illuso e disperato....
Io non posso far riferimento alla tua riconciliazione con i classici russi, mi spiace, ma il messaggio di Dostoevskij , secondo me, non è come lo hai inteso. Penso di poter esprimermi, visto che amo questo libro.
Il sognatore è un inconsapevole illuso. Parlando del sognatore in generale, infatti, quando riesce a vedere in faccia la realtà (raramente), ed, in questo caso, l'innamorato di Nasten'ka che ritorna, non è certo felice... è realtà che ferisce i suoi sogni. In un secondo momento, abituato, "viziato" malamente dalla sua solitudine, ritorna nel mondo dei sogni; è costretto! Così riesce a "provare" felicità. Non è vera felicità od appagamento, ma un mondo tutto suo dove può sentirsi distante immune dalla dura realtà !
In risposta ad un precedente commento
gracy
08 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti puoi esprimere e spremerti all'infinito....cosa può cambiare? Manca solo che facciamo adesso i disegnini...
Non mostrare astio; ho semplicemente espresso il mio parere, con sincerità ed onestà! Così come rimane la tua visione! :)
In risposta ad un precedente commento
gracy
08 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma quale astio!! E' semplicemente il modo di vedere le cose ognuno col proprio cuore...che tristezza sarebbe un mondo di omologati :D
24 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I misteri di Udolpho
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia