Dettagli Recensione

 
Le notti bianche
 
Le notti bianche 2013-05-10 14:02:54 maria68
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
maria68 Opinione inserita da maria68    10 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

voi stesso siete il vostro nemico

Nessuno può negare  nell'aver sognato a occhi aperti di intrecciare rapporti di amicizia o di amore con quel conoscente o passante... credo non ci sia nulla di male, se il tutto si riduce in pochi attimi.
Il problema sorge quando si preferisce risiedere eternamente nel mondo dei sogni, anziché nella realtà.
In "le notti bianche", Dostoevskij ambienta la narrazione su una panchina vicino alla riva del fiume in una Pietroburgo notturna; una location perfetta per raccogliere le confidenze  di due persone estranee che per un istante si trovano a condividere la loro solitudine.  
L'uomo della storia, altro non è che un sognatore. Di lui non conosciamo neanche il nome, sappiamo solo che il suo limite più grande è LA PAURA DI VIVERE LE PROPRIE EMOZIONI, negandosi la possibilità di instaurare legami con gli esseri umani. Egli è consapevole di essere un uomo solo e triste; vivendo, quasi, con rassegnazione la sua condizione.  
Nasten'ka seppur così giovane, ha conosciuto presto il dolore che sopraggiunge in seguito a degli abbandoni, prima la morte dei genitori poi il non saper più nulla del suo promesso sposo. Un amore che è più un'ancora di salvezza per la sua esistenza condannata alle regole rigide della nonna. Tutto ciò la porteranno ad allacciare un rapporto di amicizia/amore con il sognatore.  
Lei, se da un lato ha il pregio di aver riportato per un istante nella realtà il sognatore dall'altro lo riporterà, nuovamente, a rifugiarsi nel suo mondo ovattato pieno di sogni ma sicuramente con la consapevolezza di sapere cos'è la felicità.  

"...un intero attimo di beatitudine! Ed è forse poco seppure nell'intera vita di un uomo?..."   

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Molto bella la tua recensione Maria...
Mi chiedo se quell'attimo di felicità porterà gioia, tristezza, rimpianti...insomma se sarà veramente valsa la pena di essere vissuta e conosciuta... oppure no...mah
Ciao Pia.
In risposta ad un precedente commento
Sharma
10 Mag, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Credo che per un attimo di felicità tutto sia lecito! Stessa storia in amore e in guerra! Stuzzicante recensione!
In risposta ad un precedente commento
maria68
11 Mag, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
si Pia sono convinta che non si può vivere di rammarico ed è per questo che la felicità va ricercata e vissuta anche se per brevi attimi...
Natturalmente se ciò non vada a ledere la felicità altrui. Baci
Grande Maria!!!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I misteri di Udolpho
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia