Dettagli Recensione

 
Narciso e Boccadoro
 
Narciso e Boccadoro 2014-02-18 11:04:30 Evelyn
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Evelyn Opinione inserita da Evelyn    18 Febbraio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il dualismo immortale

Narciso e Boccadoro di Hermann Hesse può essere definito uno dei capolavori della letteratura tedesca sebbene sia stato abbastanza recentemente criticato soprattutto per il tema trattato. Narra la storia di un'amicizia, nella Germania rinascimentale, tra il dotto Narciso, monaco e insegnate di greco del convento di Mariabronn, e l'allievo Boccadoro, un'anima ribelle e artista che ben presto lascerà il convento per inebriarsi tra le gioie della vita e cercare la sua vera essenza repressa da troppi anni. Durante il suo lungo vagabondare in terre più o meno popolate ma descritte magnificamente da Hesse, il giovane comprende molto sulla natura umana, sul mondo e soprattutto sul dolore, la sofferenza così magicamente vicina alla sua opposta ossia la gioia. Un lungo pellegrinare con un grande contenuto simbolico: quello del duro cammino verso la conoscenza di sé, della propria anima, quasi una corsa affannata contro il tempo per carpire i segreti della vita. Dall'altra parte anche Narciso compie lo stesso cammino ma non fisico bensì spirituale, ascetico, mortificando il corpo e i sensi. Qui sorge il grande dubbio che assilla il lettore ma già i protagonisti hanno velatamente espresso: quale delle due vite è migliore per giungere al disvelamento della verità, tema tanto caro ai filosofi? Un libro entusiasmante che cerca di fare una sintesi dei due opposti, la razionalità e la "carnalità", i sensi, per spiegare che l'uomo senza una delle due componenti non potrà che vivere infelice rinunciando a una parte della sua anima. Un legame tra i due giovani così forte che aiuterà entrambi a capirsi meglio, a instillare domande nelle loro menti. La struttura del romanzo è comunque a tratti molto macchina e di difficile lettura soprattutto nei lunghi dialoghi socratici ma nonostante ciò rimane un romanzo da leggere di un fiato grazie anche a qualche colpo di suspense.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Papà Gambalunga
I misteri di Udolpho
Guerra
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago