Dettagli Recensione

 
Le notti bianche
 
Le notti bianche 2015-08-06 19:00:42 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    06 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

È la realtà a dar colore ai sogni

Esistono uomini che posseggono un'anima talmente profonda da spaventare, talmente assennata da non smettere mai di stupire, geniale al punto da far credere essi vengano da un posto estremamente lontano da questa Terra.
Dostoevskij era senza dubbio uno di questi uomini, e grazie al cielo ha condiviso con il mondo il suo immenso pensiero, essendo inevitabilmente uno dei più grandi autori e intellettuali di tutti i tempi.
"Le notti bianche" data la sua brevità potrebbe essere tranquillamente considerato un racconto, ma la sua immensa profondità grida giustizia, reclamando per sè stessa, e a ragione, un posto tra le grandi opere letterarie della Storia. Perché esistono romanzi dalla mole estremamente più ampia, ma che nella loro enorme estensione di parole scritte non riescono a raggiungere la grandezza di pensiero così magistralmente compressa da Dostoevskij ne "Le notti bianche".

Avremo di fronte un brevissimo tratto della vita di un anonimo pietroburghese, in concomitanza del suo incontro cruciale con una giovane donna, l'ingenua Nasten'ka.
Egli si autodefinisce un sognatore, uno di quelli assoluti, uno di quelli che non vive una vita per vivere in un sogno ininterrotto, perché risulta estremamente più facile, perché un sogno è come noi vogliamo che esso sia, perché esso è perfettamente plasmabile secondo la nostra volontà, a differenza della tanto bistrattata vita reale.
Il sognatore di Dostoevskij è uno che da sempre si crogiola nelle sue fantasie, e crede di essere felice in esse, finché un fugace incontro, una semplice emozione, non fa crollare miseramente il suo castello fantastico come fosse fatto di carta.
La sua vita risulta improvvisamente essere tutta un'illusione, una costruzione della sua mente, una cosa tragicamente fine a sè stessa. D'altronde, cosa rimane dei sogni una volta che ci si è svegliati? A volte nemmeno il ricordo. Un emozione vera, invece, può rimanere nel cuore e nella mente per sempre.
Crogiolarsi nei sogni può essere bello all'inizio, ma a lungo andare, vivere un sogno a discapito di una vita vera colora anche le nostre fantasie di un grigio cupo, contaminandole col rimorso di non aver vissuto, di aver perso i migliori anni della nostra vita dietro a un semplice prodotto della mente, a una realtà fasulla.
La verità travolge il sognatore in maniera fatale. Egli è solo, noi siamo soli, perché i sogni sono soltanto nostri e chiunque possiamo avere accanto in essi, anche se una proiezione di qualcuno che esiste per davvero, esiste solo e soltanto nella nostra mente. E, dopotutto, non sono i sogni stessi fomentati dalla realtà? Dai ricordi? Dalle emozioni? Dall'amore? Se queste cose non vengono realmente vissute, da cosa i nostri sogni dovrebbero attingere?
Alla fine di tutto, la domanda che resta è una sola: vale la pena vivere un sogno come noi lo vogliamo ma irreale, a discapito di una vita che andrà di certo per conto suo, ma che riesce in un attimo a regalarci più di quello che un meraviglioso sogno può donarci in una intera eternità? Dostoevskij direbbe: "Dio mio! Un intero attimo di beatitudine! È forse poco, sia pure per tutta la vita di un uomo?"

"E intanto sento il rumore di una folla di gente che mi gira intorno presa dal turbine della vita, sento, vedo che la gente vive, vive veramente, vedo che a loro non è preclusa la vita, che la loro vita non si dissolve come un sogno, come una visione, ma si rinnova sempre, è sempre giovane..."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Dostoevskij.
Io lo consiglierei a chiunque.
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Ottimo e analitico commento Valerio; Dostoevskij è il mio autore preferito e ho letto quasi tutte le sue opere. Condivido quanto hai espresso su questo scrittore da me considerato pietra angolare della letteratura russa dell'ottocento. Ciao.
Ferruccio
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
07 Agosto, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Dostoevskij è anche uno dei miei preferiti, è uno degli scrittori più grandi della storia. In quanto a profondità, credo non abbia rivali. Non vorrei essere blasfemo, ma uno che mi dà sensazioni simili mentre lo leggo è Cormac McCarthy, anche se vi sono delle sostanziali differenze tra i due.
Ciao, Vale.
E' stato un piacere leggerti!
"Le notti bianche " è uno dei testi di Dostoevskij che non ho ancora affrontato.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
07 Agosto, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille Domitilla, è un piacere essere apprezzati.
Te lo consiglio vivamente, è favoloso pur nella sua brevità.
Vale.
grande Valerio!
è talmente difficile recensire autori come Dostoevskij.....
spesso ho evitato, era troppo grande la paura di banalizzare
ma tu hai scritto un pezzo eccellente, complimenti*
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
17 Agosto, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Silvia, è vero, autori come questo mettono in soggezione. Io sono convinto che avresti scritto una bella recensione come sempre. :)
Vale.
Complimenti davvero! Hai recensito uno dei miei libri preferiti in modo talmente poetico che quasi sento il dovere di ringraziarti!
Concordo pienamente con te.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
05 Novembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Quasi quasi mi commuovo :') grazie.
Vale.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri