Dettagli Recensione

 
Quota Albania
 
Quota Albania 2014-07-15 06:07:19 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    15 Luglio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il primo anno di guerra

Dall’autore di Il sergente nella neve, romanzo celeberrimo sull’esperienza dello stesso nel corso della tragica ritirata di Russia, questa nuova opera é la ricostruzione di un anno di guerra, dalla primavera del 1940 a quella del 1941, con due campagne militari, quella di Francia e quella di Grecia.
Lo stile scarno, quasi essenziale, rende ancor più drammatiche le scene belliche, soprattutto quelle sui monti innevati dell’Albania, e testimonia ancora una volta di più la follia di un regime, del tutto impreparato a un conflitto moderno, ma che volle egualmente prendervi parte per poter sedere con pochi morti al tavolo della pace. E invece, come sappiano, la guerra non fu breve e le vittime furono tante, anche sul fronte greco-albanese.
La narrazione di Rigoni Stern, frutto sue delle annotazioni su due taccuini in questo primo anno di guerra, evidenzia la rassegnazione del soldato italiano a cui si è sempre chiesto troppo in cambio di poco o niente. Le lunghe marce nella neve, il fango che tutto inghiotte, il freddo, la fame, le precipitose ritirate rivivono in queste pagine, non di rado commoventi, anche se l’autore non calca il piede sull’acceleratore dell’emozione; però, si tratta di vita vissuta, di patimenti provati veramente, anche se inferiori a quelli della disperata ritirata di Russia, e quindi il lettore finisce con l’essere coinvolto emotivamente.
Rigoni Stern non giudica, osserva, annota, si sofferma di tanto in tanto sulla bellezza di quella natura a lui tanto cara, pause di poesia nel fragore degli scoppi e delle urla dei feriti. È già evidente la sfiducia nei confronti di un governo dispotico e anche fellone, ma ciò nonostante questi uomini, che lottano ogni minuto, con armamenti e vestiario inadeguato, compiono il loro dovere di soldati e, soprattutto, di alpini.
Non c’è odio nei confronti del nemico, dal volto sempre anonimo e si uccide per non essere uccisi, senza eroismi se non quello di una continua quasi inimmaginabile sopportazione della fame, del freddo e delle fatiche.
L’autore, che è un portaordini, corre su e giù per questi monti, spesso la notte, ma a volte anche di giorno e negli orari più impensabili, perché gli ordini del comando devono essere trasmessi, in mancanza di radio funzionanti bloccate dal gelo. È giovane e non stima ancora il pericolo, tanto che il suo comandante, un colonnello che ama bastonare i sottoposti, ma che ha già capito che la guerra sarà per tutti un’immensa tragedia, un giorno paternamente gli dice:
“Io sono ormai vecchio. Tu sei un ragazzo. Devi vivere”.
Le poche notizie da casa, le lettere che non arrivano più da una ragazza di Venezia di cui è innamorato - ma che non fa per lui secondo i genitori di lei, di ceto sociale ben più elevato -, l’amicizia virile che aiuta a tirare avanti, il disprezzo per la viltà delle camicie nere che fuggono davanti al nemico senza combattere, la gioia che si prova quando tutti insieme ci si può mettere intorno a un fuoco a mangiare qualcosa, magari solo delle pannocchie di granturco, sono tutti momenti che rivivono in queste pagine, e sono talmente ben descrittii che il lettore ha l’impressione di essere presente.
L’opera è molto bella, anche se leggermente inferiore a Il sergente nella neve, ma tutte le eccelse qualità di scrittore di Rigoni Stern emergono nitide facendo sì che la lettura sia sempre gratificante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Mio padre era stato spedito nella campagna di Russia a 18 anni e raccontava le stesse storie del sergente nella neve.
Sono vicende, purtroppo, comuni. Da Mantova, la mia città, con l'Armir partì l'80° Reggimento Fanteria, tanti giovani di cui pochi tornarono, fra cui un cugino di mia madre che perse, durante la rirtrata, la bellezza di 20 Kg. Arrivato a casa i suoi non riuscivano a riconoscerlo e a lui occorsero diversi mesi per rimettersi in carne e far cessare l'ansia, senz'altro da paura, che lo tormentava. Mio padre é stato più fortunato: artigliere della contraerea, prima sul fronte francese, poi in Libia, dove fu fatto prigioniero nel corso della prima avanzata degli inglesi. Fu, con altri, trasferito in Sud Africa, da cui ritornò solo agli inizi del 1946.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Caro Pier Paolo
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita
Il pane perduto