Dettagli Recensione

 
La ragazza con la Leica
 
La ragazza con la Leica 2018-02-15 14:37:43 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    15 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una ragazza "caleidoscopio"

Elena Janeczek: scrittrice italiana nata in Germani da una famiglia di ebrei originari della Polonia, autrice di vari romanzi, ne La ragazza con la Leica, racconta la storia di Gerda Taro, minuta e bellissima, un metro e mezzo di orgoglio e ambizione, nata a Stoccarda, ebrea coraggiosa spregiudicata, volubile e volitiva. Cospiratrice anti nazista a Lipsia e a Berlino per amore di un uomo e della libertà, grande fotografa a Parigi a fianco di un profugo ungherese che deve alla sua immaginazione l’invenzione del nome d’arte col quale è universalmente conosciuto: Robert Copa. A ventisette anni, il 1 agosto 1937,Gerda muore sotto un carro armato mentre documenta la caduta della Spagna repubblicana.
“Era la gioia di vivere, qualcosa che esisteva, si rinnovava, accadeva ovunqu, prima a Lipsia, poi a Berlino.”.
La libera e sensuale Gerda ha lasciato un ricordo indelebile scavato nelle vite di chi l’ha incontrata. In un’Europa difficile ha segnato un modo di stare al mondo.
“Scattava a raffica in mezzo al delirio, la piccola Leica sopra la testa, come se la proteggesse dai bombardieri”.
Romanzo polifonico in forma d inchiesta, una ballata struggente, un inno alla breve estate dell’anarchia. Intreccia la memoria di Willy Chardack, ebreo, rifugiato a Parigi, di Ruth Ceref, ex modella e Georg Kuritzkes: memorie scandite dalla cronologia interiore del rimpianto o del risentimento, Gerda è l’oggetto di una straziante nostalgia. Tra affresco corale e nodi familiari, epica e memoir, il romanzo è uno scintillio di passioni. Una vicenda di erranze, fughe, sangui misti e meticciati, connivenze che creano comunità sovranazionali. Spiazzante, Gerda sapeva far girare la testa all’universo maschile, ci sguazzava come un pesciolino ornamentale nell’acquario, ma in modo insolito, palese, senza malizia, quasi candido. E’ lei il cuore pulsante capace di tenere insieme un flusso che allaccia epoche e luoghi lontani restituendo vita alle istantanee dei ragazzi degli anni ’30, alle prese con la crisi economica, l’ascesa del nazismo e l’ostilità verso gli ebrei e i militanti di sinistra.
Emergono insieme il lato eroico e quello frivolo, un caleidoscopio dalle mille facce, una scrittura sapiente e una profonda partecipazione emotiva. L’autrice si ancora alla verità storica: trova il punto di incontro tra la Storia e le storie immaginate, rintraccia il vero, lo ascolta e lo racconta consegnandoci il ricordo di una creatura incantatrice con una speciale vocazione per la vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Eredi Piedivico e famiglia
I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono