I leoni di Sicilia. La saga dei Florio I leoni di Sicilia. La saga dei Florio

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
13 risultati - visualizzati 1 - 13
Ordina 
 
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    14 Settembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rumorosa incompiuta

Di fronte a questo romanzo mi trovo nell'imbarazzante condizione di non condividere appieno l'enfasi
e l'entusiasmo di tanti lettori, d'altronde "...de gustibus non disputandum est" dicevano i latini.
Questo vuole essere un romanzo storico che narra dell'ascesa (e poi della caduta) della famiglia Florio, ma si pone alla storia e alle vicende che attraversa in un secolo di narrazione (dal 1799 ai primi del '900) come si potrebbe visitare una bellissima città semplicemente con un bus di quelli "hop on hop off" che ti portano in tutti posti in mezza giornata e vedi 5 minuti dei posti principali se non hai abbastanza tempo. Fermo restando che uno potrebbe poi fermarsi tre ore in un posto ...era per rendere l'idea della corsa a cui ci sottopone l'autrice.
I fratelli calabresi Florio decidono di migliorare la loro attività affrancandosi dalla società col cognato Barbaro e migrare da Bagnara a Palermo aprendo lì una aromateria. Le difficoltà sono molte, la società palermitana dell'epoca è parecchio chiusa e un pò classista, per anni i fratelli lotteranno per affrancarsi dall'essere visti come semplici facchini per il fatto di aver lavorato duramente per ottenere profitti e clienti senza avere nobili origini a garantire rendite e privilegi.
Questa è una delle due cose che ho apprezzato nel libro unitamente ad un indiretto omaggio al coraggio delle donne, in un'epoca in cui l'ignoranza atavica degli uomini le costringeva ad assecondare supinamente le scelte dei mariti quasi che il loro compito si limitasse a procreare, possibilmente figli maschi in quanto le figlie femmine erano viste come le scartine a briscola, facevano numero ma non contavano nulla. Abbiamo figure di donne che si struggono nel loro non amore con un rapporto tenuto insieme dal senso dell'onore del dovere dall'amore, quello si vero e profondo per i figli. Non che la Auci ne scriva in modo meraviglioso ma le vicende stesse dipingono un quadro desolante della condizione delle donne in quel tempo e il loro indomito coraggio.
Il libro si fa leggere anche , ad un certo punto diventa stucchevole per il susseguirsi di situazioni simili in cui evidenziare la scaltrezza di Paolo e Ignazio prima e di Vincenzo poi.
Non ha giovato al libro la poca profondità di tanti personaggi che accompagnano le vicende dei protagonisti per centinaia di pagine ma rimangono poco definiti, figure bidimensionali di cui sappiamo i fatti del giorno e nulla più.
Gli stessi protagonisti passano dall'onore e dovere al mercanteggio, al ricatto , all'intrallazzo sempre con una grande capacità imprenditoriale di fondo che fa prevedere quale sarà la scelta giusta per l'azienda di famiglia attraverso le vicende del nostro paese che portano fino a dopo l'Unità d'Italia.
Anche qui bollino rosso: la nostra storia per quanto a grandi lineee conosciuta poteva essere maggiormente argomentata, invece la Auci sceglie questi capitoletti brevi dove capita che dall'uno all'altro passano 2 anni o 5 anni e via così, in pratica, forse per la scelta di non appesantire il racconto, ci lascia una serie infinita di fotografie di varie situazioni, brevi momenti attraverso cui narrare la scalata economica e sociale dei Florio.
In sostanza : l'ho letto con piacere ma non mi ha lasciato molto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
maximgandalf Opinione inserita da maximgandalf    30 Luglio, 2021
  -   Guarda tutte le mie opinioni

l'ascesa di una famiglia in una Sicilia che vuol r

Interessante romanzo ambientato nell'affascinante '800 siciliano.
La saga di una famiglia, i Florio, che si sono "fatti" con le proprie forze partendo dal nulla per arrivare ad essere tra i più ricchi ed importanti esponenti del periodo.

Un romanzo piacevole nella lettura che ci accompagna verso la conoscenza di questa vera saga familiare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da giovanna casapollo    17 Luglio, 2021

Analisi del testo: I leoni di Sicilia


Non potevo non leggere “I Leoni di Sicilia” di Stefania Auci dietro le insistenze di un mio amico che me lo consigliava con entusiasmo. Io non lo avevo preso in considerazione perché alla mia età ho smesso di leggere storie romanzesche pur se con riferimenti storici, preferendo saggi che mi stimolano sul piano intellettualistico piuttosto che su quello emotivo.

Mi sono immersa nelle sue 430 pagine senza fatica, l’ho letto in un paio di giorni riproponendomi di non lasciarmi tentare dalla voglia di interromperne la lettura quando mi sarei sentita delusa per non trovare tra le sue pagine quello che mi aspettavo ci fosse.

I capitoli sono introdotti da schede storiche che hanno lo scopo di sorreggere il racconto con riferimenti che possono giustificare realisticamente quanto i protagonisti vivono.

L’autrice ha avuto l’intuizione di imbastire sulla storia dei fratelli Florio di origine calabrese che partendo da origini umili finiranno per diventare una delle famiglie più ricche della Palermo negli anni a cavallo tra il XIX e XX secolo, un romance.

La struttura della trama è semplice e facile alla lettura, i periodi sono brevi e le scene descrittive non risultano mai esageratamente ampollose e articolate. È un tipo di romanzo appartenente alla letteratura di consumo anche se quello della Auci aspira alla letteratura storica.

La narrazione è incentrata sulla famiglia Florio non escludendo i fatti storici che ruotano attorno ai protagonisti, anzi talvolta proprio le vicende storiche influenzano le vicende della narrazione e le vite dei personaggi.

Il frequente uso di espressioni in lingua vernacolare, forse più che certe descrizioni, fa risaltare i personaggi in tutta la loro umanità e ne rivela il carattere psicologico isolano.

L’autrice fa muovere sulla scena i componenti della famiglia Florio rispettandone la genealogia e disegnandoli idealisticamente come eroi che combattono in una società ancora feudale dove una nobiltà decaduta e fallita si oppone ostinatamente alla nascita di una borghesia commerciale.

Un amante di saghe familiari trova nei “Leoni di Sicilia” il libro ideale per soddisfare le sue curiosità, aiutato dall’impressione di leggere una storia vera.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ideale per chi ama il genere rosa
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    12 Luglio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia Naturale

Questa è una storia di migranti, una storia reale e non inventata, un’epopea di giovani che scapparono dalla più terribile delle sciagure, la fame, e giunsero a fatica in una terra che gli parve quella promessa, ma che paradiso poi non era, come ebbero modo di appurare.
Per far questo, lasciarono la loro terra natia, e insieme lasciarono i parenti, gli affetti a cui maggiormente erano legati, non tanto i genitori, perché per ogni figlio è fisiologico prima o poi staccarsi dai genitori, in certe condizioni esistenziali difficili è anche un evento che avviene anche presto.
Lasciarono gli affetti impossibilitati a seguirli, quelli più intensi e coetanei, in un certo senso, come una sorella per esempio, perché sposata, con un uomo barbaro, di nome e di fatto, tanto nomini, violento e dispotico, un simil scafista, da cui naturalmente è umano e doveroso sfuggire, certo.
Nessuno in grado di detenere potere sulla propria esistenza affettiva compierebbe un simile abbandono.
Appunto, servono però le condizioni per poterlo fare, per poter restare, chi abbandona non per libera scelta ma per coercizione obbligata il proprio luogo natio, chi scappa da esso, ha una belva feroce alle spalle che lo costringe ad allontanarsi, non consente alternative.
Tenute anche conto che le usanze dell’epoca sfioravano la barbaria allo stato brado per la condizione femminile, volevano che una moglie appartenesse comunque con ogni diritto al marito vita natural durante, una proprietà privata in tutto e per tutto.
Solo che l’intera vicenda, che presenta tratti duri alternati a momenti più dolci e commoventi, pagine violente ed altre delicate, per un tutt’uno delizioso ed avvincente, non è una vicenda dei giorni nostri, niente gommoni malridotti o baracche del mare caricate all’inverosimile, neanche un’emigrazione in piena regola, ma più una transumanza di muli da soma, carne da fatica che dalla fatica volevano trovare riscatto.
Stefania Auci racconta qui, e nel libro a seguire questo, “L’inverno dei leoni”, l’ascesa dei Florio, che dalla Calabria giungono in Sicilia divenendone i padroni, sul finire del diciassettesimo secolo fino al diciannovesimo passando per varie generazioni.
I capostipiti sono due fratelli, Paolo e Ignazio, decisi a tutto per emergere, tosti, inflessibili, il primo più del secondo.
A tutto, appunto; hanno una loro drittura morale, ma questa è solo una condizione iniziale, accumulare ricchezza richiede sacrificio, disciplina, tenacia ed acume.
Le generazioni successive avranno invece il compito di mantenere, conservare, gestire il già fatto, e questo è assai più difficile.
Colui che non ha, lotta, conquista e acquisisce a sue spese, corre rischio di impresa sapendo di poter vincere ma anche di poter perdere, aumentare la propria ricchezza quanto perderla di colpo.
Chi invece già ha, ha solo tutto da perdere: una volta in cima, puoi solo scendere, e la china può essere rovinosa, se non sai puntellarti al meglio.
Chi non è giunto in cima, ma ci è nato, non sa come si appronta il rifugio, ripararne gli inevitabili guasti dell’usura del tempo procurando e sostituendo le travi portanti con materiali più moderni.
La sana, anche se rude e brutale, competizione per arrivare in cima, si accompagna all’instaurarsi e rafforzarsi di una dignità d’essere, un valore morale che ti sorregge nei momenti difficili, puoi perdere tutto ma ti resta sempre la dignità, grazie a questa stai sempre a testa alta.
La competizione tempra, insegna a non avere scrupoli, ma intano crea e affina l’io interiore dove trai forza e ti rifugi in tempesta.
Quando invece rischi che la ricchezza da te goduta ma non da te acquisita si disperda, rinunci finanche alla tua dignità per mantenerne i vantaggi, vieni meno ai tuoi principi pur di continuare a veleggiare sul filo dell’onda. Non ti fai scrupoli, ma nemmeno coltivi un’ etica di valore, ed alla lunga questo fa la differenza.
Tutto il romanzo della Fauci, al di là della sua valenza storica, è un trattato sulla motivazione, sugli stimoli, sulle cause, i motivi, sulla molla interna che spinge ogni uomo ad industriarsi per migliorare le proprie condizioni di vita.
Come va che da un barchino per il minuscolo, e miserabile commercio lungo la costa si finisce per possedere flotte di naviglio commerciale: un’epopea, una scalata al vertice che solo per questo, unita alla saga familiare e relative vicissitudini, spiegano il grande successo commerciale del romanzo.
Quando questa origine della “roba” non è una sana e costruttiva ragione a migliorarsi e migliorare, ma solo una sfrenata lotta per il possesso inteso come potere di non far più dipendere la propria vita dalle miserie materiali che sempre esasperano gli animi, allora ogni conquista è solo sopraffazione, sfruttamento, malvagità d’accumulo e non possibilità di crescita morale, che dovrebbe sempre affiancare quella materiale.
Per padroneggiare, il simile sbrana il simile, diviene il Re, il Re Leone.
Passando dalle primitive buoni intenzioni per rassegnarsi alla dura legge che vuole che, per costruire grandi fortune, serve anche e soprattutto violenza, crudeltà, una fame più grande ma non più di cibo ma di ricchezze, di avidità allo stato brado.
Una bella storia, un romanzo storico ben costruito e scritto anche meglio, forse in maniera troppo telegrafica per possedere descrizioni storiche particolareggiate, comunque una chicca per gli appassionati del genere. Un libro curato, confezionato al meglio possibile, un buon prodotto accattivante. Ma non solo, a ben pensarci: il valore aggiunto del libro è ancora un altro.
Perché è un tomo poderoso, certo, nel testo leggiadro, a volte troppo, e nel numero delle pagine, magari ridondante, si vede che è costato comunque fatica all’autrice, un impegno ed una dedizione encomiabili…ma direi anche al lettore.
Per quanto si giunga alla fine senza abbandonarlo, magari si stenta un po', non è proprio come bere un bicchier d’acqua, da un certo punto in poi si boccheggia, d’altra parte, come dire, il clima, l’afa ed il solleone siciliani vanno per nominata.
A rendere sopportabile il tutto, però, è un valore intrinseco, velato ma sempre si sente che aleggia sulla storia. Un valore al femminile.
Trattandosi di un’autrice donna, si parla qui anche di donne, e della loro “mischina” sorte data l’epoca, gli usi, il maschilismo brutale dei tempi.
Solo che…in natura, il leone è il Re della foresta.
Ordina, comanda, incute timore, rispetto, deferenza, gestisce il potere con la legge del più forte.
Poi si stende, sorveglia il suo regno, con piglio severo, anche noncurante o sonnacchioso, ma pronto a far leva sulle sue doti per sbranare gli oppositori o che insidiano la sua supremazia.
Millanta il suo primato, anche quando non la esercita.
In realtà, chi gestisce il vero potere nei fatti, in pratica è la leonessa.
Va a caccia, snida e insegue le prede, insegna ai cuccioli, bada a tutto e meglio di tutti, probabilmente è la sola che tiene validamente testa all’esemplare con la criniera, senza darlo a vedere, non se ne accorge neanche il diretto interessato, convinto del contrario.
In estrema sintesi, tutto il racconto è una storia naturale.
Più che un romanzo sensu strictu, è un documentario romanzato, si sente la mano, l’impegno, la fatica della scrittrice, ha fatto un buon lavoro, dove i Florio sono i leoni di Sicilia, e Stefania Auci, a nome e per conto dei personaggi femminili, è una leonessa. Cose della vita vera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama epopee e saghe familiari
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    28 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una famiglia

Da un piccolo barchino per commerciare spezie lungo le coste calabresi ad un impero con investimenti che spaziano dalle compravendite di merci alle tonnare, dalle produzioni vinicole alle flotte di navi per gestire i trasporti.
Un colosso economico per il secolo XIX, costruito sul suolo siciliano con la ratio del sacrificio e del sudore prima, con il fuoco dell'orgoglio e dell'arrivismo in seguito.
Una scalata sorprendente quella della famiglia Florio, partita in sordina e con titubanza, osteggiata e derisa dai possidenti palermitani, una fortuna raggiunta grazie all'ostinazione dei capostipiti, uomini dal carattere duro e inflessibile.

Una ricostruzione sicuramente romanzata di una grande saga familiare, un percorso di tre generazioni che copre oltre sessant'anni.
La contestualizzazione storica è buona, numerosi i rimandi alle vicissitudini politiche dell'epoca che influirono sullo sviluppo economico e sociale dell'isola; l'inserimento di un sintetico proemio storico-politico ad ogni capitolo, si rivela un ottimo strumento nelle mani del lettore.
La narrazione della Auci è rigogliosa e a tratti un po' barocca per la capacità di insistere sui particolari e arricchire le pagine con profumi, colori, arredi, abiti, manufatti; un'esplosione di dettagli che trasportano il lettore in quei luoghi e in quei palazzi, respirando profumo di zagare e gelsomini, senza scordare il lezzo nauseabondo della lavorazione dei tonni e l'aria malsana delle abitazioni più umili.
Convincente la rappresentazione sociale, l'atavica acredine tra aristocrazia e borghesia, due pianeti separati da un muro duro da abbattere. Tema cardine su cui ruota l'intera storia della famiglia e a cui l'autrice conferisce tutta l'importanza dovuta.

Se in alcuni momenti la penna avesse indugiato meno su dettagli rosa, il romanzo avrebbe assunto una veste più sobria. I protagonisti sono talmente forti e ben caratterizzati che non necessitano di calamite passionali per catturare l'attenzione del lettore.
Nel complesso una lettura trainante e piacevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    21 Gennaio, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello, ma non brilla

Raccontare la Sicilia dell'800 dopo Giovanni Verga, Federico De Roberto, Tomasi di Lampedusa, è un'impresa azzardata che richiede una certa dose di coraggio o forse di inconsapevolezza. Il rischio di scimmiottare livelli irraggiungibili è altissimo. Ciò nonostante, del tutto inaspettatamente, il risultato ottenuto da Stefania Auci non è malaccio.
Le ragioni del grande successo dei "Leoni di Sicilia", ancora tra i libri più venduti in Italia a quasi due anni dalla pubblicazione, non sono difficili da indovinare. È una saga familiare, e si sa che le storie di famiglia piacciono sempre. È un romanzo storico, e si sa che il passato ha sempre il suo fascino, ma non è pesante: la storia, quella con la S maiuscola, resta sullo sfondo e in primo piano campeggiano i destini privati dei personaggi. In questi tempi di crisi, poi, leggere di una famiglia italiana, addirittura meridionale, che fonda un impero commerciale capace di affermarsi in Europa ha un certo valore consolatorio. I bei tempi che furono, chissà, possono sempre tornare. Visto che quando gli italiani ci si mettono sono migliori di tutti gli altri?
Anche lo stile certamente aiuta, semplicissimo, scorrevole, quasi elementare, adatto anche alle capacità di lettura di chi apre al massimo due libri all'anno, uno a Natale e uno sotto l'ombrellone.
Insomma, i motivi per cui "I leoni di Sicilia" è stato ed è ancora un enorme successo di pubblico e critica giunto alla ristampa nel giro di un anno sono evidenti, ma bastano a qualificarlo come un buon romanzo? Perché le due cose non necessariamente sono collegate.
Qualche perplessità c'è, a partire proprio dallo stile: leggero e scorrevole, sì, ma forse anche troppo, al punto da essere quasi telegrafico. Molti passaggi risultano frettolosi, abbozzati, come se l'autrice avesse timore di spendere troppe parole e annoiare il lettore, e talvolta il nesso tra due momenti o due episodi che si susseguono non è di comprensione immediata. La narrazione sembra impostata per scene, con tagli, stacchi e prospettive che evocano moltissimo gli episodi di una serie tv, come se il romanzo fosse stato scritto pensando a una trasposizione televisiva (che infatti è stata decisa già da tempo). Lo stile telegrafico-televisivo è abbastanza diffuso nella narrativa contemporanea, ma la ricchezza del racconto certamente ne risente. Un romanzo e una serie tv sono due forme d'arte ben diverse: perché privare una delle due della sua specificità per omologarla all'altra? Per rendere la lettura più semplice e accattivante, se non addirittura elementare?
Le descrizioni sono del tutto assenti (una grossa pecca in un romanzo storico, che dovrebbe innanzitutto saper ricreare l'atmosfera di un tempo lontano). Spesso ho avuto la sensazione che i personaggi si muovessero su un fondale bianco, senza un contorno vivido a fare da supporto. La Sicilia dell'800 potrebbe essere uno sfondo vivissimo, ma se non fosse stato per altre letture o film ambientati in quei luoghi e in quel periodo avrei potuto visualizzare ben poco intorno ai protagonisti. Lo stesso problema torna con i personaggi secondari, che siano amici o nemici dei Florio, privi di una vera caratterizzazione (addirittura tendevo spesso a confonderli o a dimenticarne l'esistenza): Ingham e Giachery, pur essendo molto presenti, sono poco più che nomi. In particolar modo la mancanza di personaggi negativi forti, che abbiano la loro storia, le loro caratteristiche e prendano vita dalla carta, si avverte con forza: ai Florio, di fatto, non esiste un contrappeso se non una lunga sfilata di nobili (che li disprezzano in quanto arricchiti) e commercianti (che li odiano perché invidiosi della ricchezza e del potere che hanno raggiunto), tutti ugualmente oscuri e quasi intercambiabili. Per giunta, a volte i personaggi secondari sono messi bruscamente da parte e scompaiono nel nulla, come Vittoria.
Le figure principali, invece, hanno una buona caratterizzazione e, pur non essendo particolarmente profonde, hanno qualcosa che resta impressa nella mente, come la dolce tenacia di Giulia o la ferrea determinazione di Vincenzo o l'amore paziente di Ignazio senior. I più riusciti, i più complessi e sfumati sono senz'altro Vincenzo e Giulia: su di loro si concentra la maggior parte del racconto e dispiace separarsene, alla fine.
Proprio nella rappresentazione dei Florio sta forse il maggior pregio di questo romanzo, aver scampato il rischio di farne degli eroi senza macchia, improbabili santini con cui il lettore è chiamato sempre e comunque a simpatizzare. Stare dalla loro parte è facile quando si tratta di lanciarsi in qualche azzardata innovazione che apre al futuro, inaugurando una nuova era dei commerci, o lottare contro aristocratici spocchiosi e mercanti invidiosi per farsi strada. In tutti gli altri casi non è affatto scontato. Da questo punto di vista, il personaggio migliore è proprio Vincenzo, con i suoi comportamenti (soprattutto verso Giulia e le figlie) spesso biasimevoli, ma realistici, adeguati a un uomo di quel tempo, di quella classe sociale, con quelle ambizioni e quella personalità.
Il risultato complessivo è un romanzo di buon livello, piacevole e di facile lettura, che per certi versi poteva essere scritto meglio, ma fa comunque bene il suo lavoro: intrattenere e assicurare mezz'ora di gradevole fuga dalla realtà. E per quanto riguarda il sequel, sì, la curiosità di scoprire come continueranno le avventure dei Florio c'è.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ludovica Tocco Opinione inserita da Ludovica Tocco    03 Settembre, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Romanzo piacevole, ma non eccelso

Ho deciso di intraprendere la lettura del romanzo spinta da recensioni di lettori entusiasti.
Ho trovato il libro abbastanza carino, non al livello però di romanzi magari più controversi ma maggiormente complessi e avvolgenti. Il contenuto è interessante: la narrazione dell'ascesa di casa Florio, una famiglia che parte quasi dal nulla e diventa nel giro di qualche generazione una delle casate più ricche e nobili d'Italia.
Fin qui tutto va bene, ma ho trovato il romanzo pretenzioso soprattutto nel desiderio di presentare la famiglia come un monolite portatore di sola positività. Anche quando vengono descritti i difetti e le contraddizioni dei personaggi, questi ultimi non riescono ad acquisire tridimensionalità, ma rimangono piatti. Alcune figure sono interessanti, ma con altri personaggi ho veramente fatto fatica ad empatizzare. Un romanzo gradevole, ma che non mi ha rubato l'anima.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I viceré, storia di una capinera, il gattopardo.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    01 Giugno, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Migranti di ieri

Biografia romanzata dedicata alle prime due generazioni di una delle famiglie più conosciute della recente storia siciliana, i Florio. Anche ai non siciliani, come me, questo nome evoca immagini e ricordi: il celebre marsala gustato ancora oggi, un documentario sull’invenzione del tonno sott’olio visto tanti anni fa, l’elegante figura di Donna Franca immortalata da Boldini. Stefania Auci ripercorre le tappe che hanno visto nascere Casa Florio, riavvolgendo la pellicola a quando tutto ebbe inizio, a uno schifazzo salpato da Bagnara Calabra nel lontano 1799, pieno delle speranze di Paolo e Ignazio Florio.

Sono uomini di mare, Paolo e Ignazio, piccoli commercianti di spezie, senza niente se non l’intraprendenza e l’ambizione. Palermo li ha sedotti con promesse di ricchezza, gente, colori, vita, ma scopriranno presto che questa città può offrire tanto ma anche togliere tanto. Non bastano infatti gli straordinari successi imprenditoriali - l’aromateria, il commercio di sete e zolfo, la produzione di polvere di china -, per farsi accettare. Dopo la morte di Paolo, Ignazio e il nipote Vincenzo spingono la fortuna della famiglia ancora oltre, inseguendo nuove idee, nuove merci, nuove regole. Alla base di tutto, un formidabile fiuto per gli affari e un’insaziabile fame di affermazione. Ma a Palermo, prima ancora del denaro, conta il sangue, e loro sono e rimarranno sempre degli stranieri, immigrati di umili origini, i cui soldi continuano a puzzare di sudore.

Il merito più grande di questo libro è la precisa e attenta ricostruzione del contesto storico, nelle sue atmosfere, consuetudini, contraddizioni. L’ipocrisia dei nobili, disposti a sfruttare i soldi borghesi e a muovere le masse popolari per levarsi di torno quell’odiato re straniero, ma sempre da un piedistallo di superbia. La prepotenza di un mondo in cui bisogna alzare la voce, e la testa, più degli altri. Il maschilismo, incistato nella mentalità dell’epoca. Entrano nel cuore, questi Florio? Tutt’altro. Escluso il mite e solido Ignazio, gli altri hanno suscitato in me vari gradi di antipatia, dalla vendicativa e ostinata Giuseppina, all’arrogante e rude Vincenzo, alla remissiva Giulia. Ma, questo, in fondo, non è che un dato a favore di una storia che ha saputo rendere vivi i personaggi, persino nei difetti. Li avesse abbelliti, così come sospetto siano state furbescamente colorite alcune vicende dai toni rosa, l’avrei probabilmente apprezzato meno. In conclusione, un romanzo frutto di un grande lavoro di ricerca, a tratti forse un po’ lezioso e prolisso, ma sicuramente pregevole per la capacità di coniugare la dimensione storica al percorso psicologico dei personaggi.

“Per quanto potesse amarla e considerarsi suo figlio, Palermo lo trattava da estraneo. Lui aveva provato a farsi accettare, l'aveva corteggiata con la ricchezza, aveva dato lavoro, aveva portato benessere. Forse era questo che non gli si perdonava: il lavoro. Il potere. Gli occhi aperti sul mondo quando invece Palermo gli occhi li teneva ben chiusi”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
MCF Opinione inserita da MCF    13 Mag, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una saga famigliare

Sto leggendo “I leoni di Sicilia” di Stefania Auci che narra la storia della famiglia Florio, ambientata nell’Ottocento in Sicilia. L’autrice ha una capacità incredibile di dare vita ai personaggi al punto che mi sembra quasi di conoscerli, come se fossero dei vicini di casa.
Il libro inizia con un incendio nella casa dove vivono Paolo, sua moglie Giuseppina, il figlio Vincenzo e il fratello Ignazio. I due uomini sono molto diversi: il primo è determinato e introverso, il secondo pacato e affettuoso. Vivono a Bagnara, un piccolo paese calabrese, dove Paolo non vede alcun futuro per la famiglia; decide quindi che si trasferiranno nella prosperosa Palermo dove hanno un piccolo negozio di spezie. Giuseppina non perdonerà mai al marito questa scelta e rimpiangerà tutta la vita il suo paese di origine.
Quando Paolo muore, Ignazio prende in mano l’attività e continua a vivere con il nipote e la cognata. Lui e Giuseppina si sono sempre amati ma rispetteranno la distanza imposta dai loro ruoli famigliari.
Vincenzo erediterà dall’amatissimo zio l’attività; è un ragazzo intelligente e scaltro che riunisce in sé la determinazione del padre e il rancore della madre che riverserà sui palermitani che non dimenticano le sue origini e gliele rinfacciano di continuo.
Con Vincenzo l’attività diventerà floridissima. Intanto incontra l'anima gemella che è animata dalla sua stessa passione e determinazione; è una donna seria, Giulia, che sarà umiliata dall’uomo che ama accettando di essere solo la sua amante perché lui ambisce a una donna più giovane e soprattutto nobile per essere accettato dalla società palermitana. Solo dopo aver partorito un maschio riuscirà a farsi sposare dal padre dei suoi figli.
Una storia alla” Buddenbrook “di Thomas Mann perché ha lo stesso ritmo incalzante e la stessa abilità nel dipingere personaggi e ambienti, nel primo caso austeri e nel secondo vivaci e rumorosi, odorosi di salsedine. Amore, passione, odio si mescolano con affari e denaro.
“Cannella, pepe, cumino, anice, coriandolo, zafferano, sommacco, cassia… no, non servono solo per cucinare, le spezie. Sono farmaci, sono cosmetici, sono veleni, sono profumi e memorie di terre lontane che pochi hanno visto”. Così comincia l’avventura palermitana della famiglia, con un’atmosfera di sogno e magia. Ma subito c’immerge nella realtà commerciale: “Per raggiungere il bancone di una rivendita, una stecca di cannella o una radice di zenzero deve passare per decine di mani, viaggiare a dorso di mulo o di cammello su lunghe carovane, attraversare l’oceano, raggiungere i porti europei. Ovviamente i costi lievitano ad ogni passaggio”. Pag. 32.
“Luce trabocca dalle finestre, allaga le scale, raggiunge i soffitti e precipita sulla tavola imbandita. Incendia i vetri di Murano, si adagia sulla porcellana di Capodimonte. La casa sembra esplodere di luce. Giulia, in abito da sera, attende l’arrivo degli ospiti. L’occasione è importante: è la prima volta che lei organizza una cena: si festeggia la nascita della società di cui Vincenzo - > suo marito < è così strano da dire- è stato promotore. È vero, si tratta di una cena tra soci in affari, un momento di convivialità tutta maschile. Ma gli ospiti sono tra i più importanti uomini d’affari di Palermo e non solo: ci sono anche nobili, gente con un titolo lungo quanto un braccio. Non può permettersi di sbagliare. È la sua parte di responsabilità: adesso è una Florio”. Pag. 290.
“Donna Giulia, grazie per l’invito”. È un’occasione straordinaria, questa.”. Lanza di Trabia, principe colto e di vedute aperte, proprietario di una delle dimore più eleganti di Palermo, sembra valutare con una sola occhiata il prestigio del luogo dove si trova. Ma non potrebbe essere diversamente. Sua moglie è una Branciforte. Nobiltà antica, di quelle che hanno fondato la città. Giulia si sente addosso il suo sguardo, cerca un sorriso da darle, qualcosa che ammorbidisca la severità del giudizio. Stefania Branciforte è una matrona vestita con un abito color amaranto. È avanti negli anni, e indossa gioielli antichi, che probabilmente appartengono alla sua famiglia da generazioni. Si guarda intorno come se avesse timore di sfiorare le pareti o i mobili, e a nulla valgono le occhiate di rimprovero che le lancia il marito”. Pag. 296.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"I Buddenbrook", "Marianna Ucria".
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    01 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La famiglia Florio alla conquista della Sicilia.

Un grande romanzo popolare, la saga di una famosa famiglia siciliana, i Florio: con quest’opera la trapanese Stefania Auci ha conquistato milioni di lettori, prima in alcuni paesi europei e negli Stati Uniti (dove il libro è stato, stranamente, pubblicato per la prima volta) e poi nel 2019 in Italia. La storia, come è noto, è quella di due fratelli, Paolo e Ignazio Florio, che migrano in cerca di fortuna da Bagnara Calabra a Palermo. Con loro c’è Giuseppina, la moglie di Paolo, e il figlio Vincenzo: ma Giuseppina ha nostalgia della Calabria, della sua casa, e per sempre rimpiangerà la terra dove è nata, rifiutando cocciutamente di ambientarsi nella nuova città. Siamo agli albori del 1800, i fratelli iniziano affittando una specie di drogheria (“aromateria”, come si chiamava a quei tempi) e commerciando spezie di vario genere, in un ambiente difficile, fatto di gelosie e contrarietà di ogni genere. Ma i Florio sono tenaci, caparbi. Paolo muore di tisi, Ignazio cresce l’amatissimo nipote Vincenzo come un figlio, quel Vincenzo che pian piano crescendo assumerà la guida della famiglia, diventando l’asse portante della crescita e del successo della casata. Destreggiandosi abilmente durante i moti rivoluzionari e senza inimicarsi la casa regnante napoletana, forte di un carattere indomito pronto ad affrontare ed abbattere qualsiasi ostacolo, in pochi decenni assumerà la guida di quella che verrà considerata la maggiore attività imprenditoriale del Regno delle Due Sicilie. Attività che si esplicherà su molteplici fronti: commercio delle spezie, sfruttamento di cave di zolfo, produzioni vinicole (il famoso marsala), uso di macchinari per la lavorazione del ferro, trasporti marittimi (ottenendo dal Re addirittura il monopolio del servizio postale per la Sicilia), partecipazione in compagnie di assicurazione, quote di proprietà di navi da carico, gestione di tonnare (con la geniale idea di conservare il prodotto sott’olio dopo cottura, per una lunga conservazione)… Non altrettanto felice sarà la vita sociale: Vincenzo, anche se ricchissimo e con numerose proprietà immobiliari, è di umili origini, e sarà sempre considerato un “parvenu” dalla nobiltà locale, anche da quella in difficoltà finanziarie, costretta non raramente a chiedere prestiti proprio a chi si è creato un impero con fatiche inenarrabili. Anche la vita familiare sarà irta di ostacoli. Sposerà una milanese, Giulia, dopo una convivenza difficile e due figlie nate prima del matrimonio: solo un terzo erede maschio, Ignazio, lo indurrà a convolare a nozze. E sarà Ignazio, dopo la morte di Vincenzo nel 1868, a dare finalmente alla casata Florio un erede con sangue “nobile”, sposando una ragazza della nobiltà siciliana. Qui finisce la storia di “Casa Florio”. Una storia che inizia nel 1800 e narra gli avvenimenti fondamentali per l’ascesa della famiglia: sullo sfondo le vicende dei Borbone, i moti rivoluzionari, l’arrivo dei garibaldini e gli inizi del nuovo regno sabaudo. La storia dei Florio è anche una storia della Sicilia di quegli anni: una terra ove l’odore salmastro del mare si mescola con i profumi delle spezie, i rumori e le grida nelle strade e nei vicoli, lo sferragliare delle carrozze della nobiltà latifondista sulla via centrale di pietra che divide Palermo in quattro mandamenti. Ogni capitolo del libro è preceduto da esaurienti riferimenti storici del periodo trattato, a testimoniare l’accuratezza delle ricerche dell’autrice. Lo stile narrativo è fluido, scorrevole, alternando pagine di cronaca minuziosa degli avvenimenti a situazioni in cui nettamente prevalgono i toni melodrammatici: ad esempio la ricerca disperata ed il salvataggio in mare del piccolo Ignazio sfuggito alla sorveglianza dell’istitutrice, l’epidemia di colera a Palermo e la fuga dalla città, il ricevimento e la cena in casa Florio organizzata da Giulia, la moglie di Vincenzo, alla sua prima vera apparizione in pubblico sotto gli sguardi altezzosi della nobiltà palermitana, la morte di Vincenzo Florio ed i ricordi di tutta una vita, sospesi tra i sogni di un lungo e tumultuoso passato e la realtà di un presente che sta tristemente scomparendo. Ecco, forse è proprio a questa altalenanza tra la cronaca puntuale e minuziosa dei fatti ed il pathos di alcune pagine ( due stili narrativi diversi) che può essere rivolta l’unica critica possibile, senza per nulla sminuire la completezza e la grandiosità dell’opera.
Il dialetto siciliano è ben presente nel romanzo. Ogni capitolo è inoltre contrassegnato da un proverbio siciliano. Quello che mi sembra più attinente alla storia è il seguente: “ cu mania, ‘un pinìa” (chi si dà da fare, non patisce).
Un’ultima nota. Il romanzo racconta la storia dei Florio fino al 1968. Sapendo che l’ultima erede, Giulia Florio, è mancata nel 1989, resta da raccontare più di un secolo di vicende familiari: chissà che Stefania Auci non sia già al lavoro per colmare la lacuna!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le altre opere di Stefania Auci.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
alexandrasc Opinione inserita da alexandrasc    29 Ottobre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Squarci d'epoca della bella Palermo

Libro storico in cui si narra la crescita economica e sociale dei Florio, una delle famiglie più note e affascinanti della cultura Siciliana.
Ho amato le descrizioni dei luoghi, dei modi di vita e delle usanze dell'epoca.
Ho amato gli odori delle strade della mia Palermo, il profumo del mare e la descrizione di una mentalità che trovo presente ancora oggi, nei suoi pregi e difetti.
Ho visto con occhi diversi tutte le opere architettoniche più volte incontrate in questi anni in giro per la città.
Se dovessi dare una votazione per le immagini antropologiche sociali di questo libro il mio giudizio sarebbe solo positivo.
Ma…
Ho trovato molte carenze nel libro.

Carenze narrative.
La storia è a tratti lenti e poco coinvolgente. I personaggi sono descritti senza una grande trasmissione di sentimenti.
La parte da me più apprezzata è quella in cui si descrive la passione tra Ignazio e Giulia perché si denotano le debolezze e le forze caratteriali dei due personaggi.
Gli altri sono descritti senza passione.

Carenze descrittive storiche.
Trovo che non sia davvero chiara la forza di questi due fratelli capaci di creare un impero partendo dalla povertà.
A Palermo non è sufficiente avere un grosso impegno nel lavoro per fare successo.
A Palermo non è sufficiente avere intuito in qualche azione commerciale.
Inoltre, trovo irreale che non sia neanche minimamente menzionato un evento sociale che nacque in quell’epoca (XIX secolo) e che ancora è una piaga di tutta la società italiana: la MAFIA.
Trovo illogico che una famiglia così ricca e così potente non possa avere avuto, neanche a tratti, dei contatti con questa criminalità organizzata.
Ricordiamo che inizialmente la mafia si è manifestata nelle campagne e nei feudi dei nobili che hanno trasferito le loro dimore a Palermo, lasciando lacune nelle gestioni dei campi e dei braccianti.
E’ vero che i Florio iniziarono con la loro principale attività nel commercio, ma è pur vero che più avanti nella storia si dedicarono anche alle coltivazioni di viti per le loro cantine.

Altro dubbio, perché questo romanzo è stato dapprima pubblicato all’estero (Stati Uniti d'America, in Germania, Francia, Paesi Bassi e Spagna) e soltanto nel 2019 è stato pubblicato in Italia?

Voto complessivo che darei al libro sarebbe intorno la sufficienza (devo comunque chiarire se si pone poco sotto o poco sopra).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    05 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sicilia generosa e tiranna

Ci sono tutte le grandiose potenzialità della Sicilia, insieme ai suoi indiscutibili limiti, in questo bellissimo romanzo di Stefania Auci, che ci racconta, sullo sfondo di quasi un secolo di storia, dalla fine del settecento al 1868, dell’ascesa dei Florio, poverissima famiglia di origine calabrese, giunta nell’isola determinata a crearvi una sorta di impero industriale. Storia di immigrazione dal sud verso un sud che offre maggiori attrattive e possibilità di guadagno. Difficoltà di integrazione, solitudine e isolamento iniziali, nostalgia dei luoghi abbandonati, orgogliosa e pervicace tenacia nel non mollare di fronte agli ostacoli: questo ciò che attende Paolo e Ignazio Florio, questo è ciò che fa soffrire Giuseppina, moglie di Paolo, che ha seguito il marito assai malvolentieri.
La narrazione della Auci è scorrevole e assai ben inserita nello sfondo storico, ben documentato. Non è arbitrario dire, a mio giudizio, che proprio attraverso la lettura degli avvenimenti succedutisi nei quasi ottant’anni in cui i Florio hanno potuto radicarsi e superare le numerose barriere costituite principalmente da pregiudizi sociali, è più facile comprendere la complessità d’una terra piena di contraddizioni, ma altresì affascinante e coinvolgente. Le dominazioni subite, da quelle francesi a quelle inglesi, al dominio dei Borboni, che privilegiavano Napoli rispetto a Palermo, i moti rivoluzionari, tutto ciò ha posto le basi per creare scontento e ribellione in ogni ceto, dai più poveri, sempre ignorati, agli aristocratici, frustrati e delusi.
In questa atmosfera i Florio si trovano ad agire il più delle volte con arroganza e prepotenza, facendone spesso pagare il prezzo alle persone a loro più care. E sono sempre le donne, specialmente in un’epoca in cui non si poteva certo parlare di emancipazione, a subirne le conseguenze più amare. Vittime, sia pure in modo diverso, Giuseppina e Giulia: nessuna scelta è a loro concessa, né del luogo in cui vivere, né dell’amore da manifestare alla luce del sole. Figure molto diverse, ma legate in fondo da un destino comune. In questo mondo maschilista prevale la prepotenza, unico mezzo per affermarsi e farsi notare, soprattutto tra gli aristocratici attenti al lignaggio e ai beni posseduti. Un mondo in cui se non si è leoni si soccombe, dove è l’erede maschio che segna il destino delle famiglie, come nel caso di Ignazio, figlio di Vincenzo, la cui nascita restituisce alla madre quella dignità che le era stata negata.
“Il futuro ha smesso di essere un banco di nebbia al largo” – questo ciò che sente Vincenzo alla nascita del figlio.
Un libro questo, che ci riporta a tratti ad altri grandi siciliani, da Verga a Pirandello, a Tomasi di Lampedusa e che fa persino pensare alla Filumena Marturano di Eduardo per la figura di Giulia. Un libro in cui la storia reale si mescola con equilibrio alla fantasia, indispensabile per raccontare sentimenti, passioni, emozioni, rancori. Ed è proprio questa caratteristica che ne fa un romanzo-documento importante non solo per conoscere la storia della famiglia Florio che ha saputo creare da una semplice piccola aromateria un impero commerciale che ha esteso i suoi interessi nei campi più vari, dal vino, alle tonnare, alle navi da trasporto, ma è importante anche perché meglio ci introduce nel cuore di questa terra generosa e diffidente al tempo stesso, che molto concede e tanto si attende, una terra che è più facile comprendere se le si è vicino per origine e cultura, che non si può fare a meno di amare, nel bene e nel male.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    10 Settembre, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

lento, molto lento

Siamo nella Sicilia dell'800, la famiglia Florio lascia Bagnara Calabra per Palermo dove i due fratelli Paolo e Ignazio decidono di aprire un'aromateria. Le cose all'inizio non vanno benissimo, per molti loro sono "i bagnaroti" o "i facchini" e non si fidano. Poi un improvviso colpo di fortuna, le cose cominciano a girare e i Florio iniziano la loro scalata. Questo libro è una saga romanzata dell'impero costruito e gestito dalla famiglia Florio, il tutto intrecciato ai fatti storici accaduti all'epoca.
Il libro è molto lento, ripetitivo, anche un po' scontato, quello che per me è mancato di più a questo libro è un po' di mordente: scorri le pagine una dopo l'altra, cambiano i personaggi, cambiano le epoche ma la storia bene o male è sempre la stessa, piatta. Bella la ricostruzione storica, i personaggi sono realistici però, a parte le figure di Giulia e Ignazio che ho apprezzato molto, gli altri mi paiono un po' chiusi nel loro ruolo, senza grandi emozioni. Molto sopravvalutato come romanzo, prolisso e noioso non vedevo l'ora di finirlo per levarmelo di torno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
13 risultati - visualizzati 1 - 13
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232