La guerra di Toni La guerra di Toni

La guerra di Toni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Appena fuori città, un giovane vive in una grotta; parla a stento ed esce malvolentieri dal suo nascondiglio. Chi è quel ragazzo selvatico e com’è finito lì? Se lo chiede Rolando Piras, goffo giornalista in cerca di promozione nella Sardegna di fine anni Cinquanta, che in lui intravvede lo scoop capace di portargli la gloria cui tanto aspira. Ma Toni, il ragazzo della grotta, ha ben altra storia da raccontare: è uno dei pochi sopravvissuti ai terribili bombardamenti che durante la Seconda guerra mondiale hanno raso al suolo la città. Attraverso i suoi occhi di tredicenne riviviamo quella tempesta di fuoco inaspettata e furiosa, che ha strappato a ognuno parenti e amici. Toni e Rolando Piras non potrebbero essere più diversi, ma il loro incontro avrà risvolti inaspettati.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La guerra di Toni 2015-08-31 07:12:00 siti
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    31 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Con gli occhi di un bambino


Come pregavano i bambini cagliaritani nel ’43?
“ Fa’ che non suoni la sirena
fa’ che non vengano gli aeroplani
fammi vivere sino a domani
e se qualche bomba casca giù
dolce Madonna salvami tu.”

È una preghiera semplice e straziante di bambini che nel ’43 sentirono la guerra da vicino.
A gennaio si contarono i primi sei morti a Elmas, il 17 febbraio furono bombardate Cagliari e Gonnosfanadiga: furono i primi grandi bombardamenti e la conta dei morti fu più straziante, nell’ordine del centinaio per località. Cagliari subì attrezzata di rifugi e consapevole di poter rappresentare un bersaglio, tanti infatti all’epoca sfollarono nei paesini della provincia, Gonnosfanadiga, centro agricolo senza importanza strategica, assistette, basita, alla carneficina che si abbatté sul rettifilo del paese, scambiato dai piloti americani per la pista dell’ aeroporto militare di Villacidro, un paese poco distante. In entrambi i casi morirono anche dei bambini. Il libro in particolare è dedicato ai bimbi di Gonnosfanadiga, paese nel quale io lavoro proprio a contatto con giovanissimi .Il ricordo è vivo, il paese conserva le tracce degli spezzoni, sui muri, sui cancelli, sui corpi, nella memoria.
Le bombe utilizzate, a frammentazione, colpirono con le loro schegge micidiali tutto e tutti, soprattutto donne e bambini.
Il romanzo di Lo Bianco narra la vicenda di Toni, Antonino, dodicenne di Gomas- verosimilmente Elmas- il quale con due amici, in piena guerra, contravvenendo a qualsiasi raccomandazione dei genitori, prende il treno per andare al cinema a Cagliari a vedere Gianni e Pinotto. Il convoglio subisce un bombardamento aereo e i tre amici si ritrovano a contatto con la guerra, l’orrore, la morte. Il trio presto si scioglie e Toni si perde, ferito, in una Cagliari colpita al cuore fino a quando incontra Beatrice...
La storia è fondamentalmente giocata su due piani temporali: un presente nel quale un giornalista, durante il dopoguerra, tenta lo scoop della vita strumentalizzando il caso umano del giovane Toni che vive nelle grotte cittadine, e un passato nel quale si rivivono i bombardamenti su Cagliari attraverso la vicenda di un dodicenne.
La lettura scorrevole e gradevole permette ai ragazzi di oggi di intravedere gli orrori della guerra, di partecipare emotivamente a eventi attraverso il punto di vista di un coetaneo che anche nei momenti più tragici , sperando di ritrovare casa, studia la scusa meno improbabile per giustificare la sua assenza che sicuramente sta facendo preoccupare la famiglia. Il lettore sardo, in particolare, si ritroverà nelle tipiche espressioni idiomatiche della lingua che rendono la narrazione ancor più realistica e vicina senza inficiare la comprensione di chi sardo non è. Ho trovato questa scelta linguistica coraggiosa ( pubblica Rizzoli) e insieme riuscitissima. Lodevole e meritevole tutto il lavoro di Lo Bianco che recuperando, mi è parso di capire dai ringraziamenti finali, una storia vera, ci dona l’emozione di una bella narrazione, ben contestualizzata a livello storico, mai pesante e molto adatta alla fruizione dei giovanissimi. Complimenti all’autore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La prigione della monaca senza volto
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bianco letale
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri